Venerdì 18 Giugno 2021 | 15:59

NEWS DALLA SEZIONE

Giustizia svenduta
Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione.

Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione

 
l'appello
Bari, «I medici accanto a studenti e docenti»

Bari, «I medici accanto a studenti e docenti»

 
formazione
I giovani e il lavoro dopo la laurea: il Politecnico di Bari sopra la media Italia

I giovani e il lavoro dopo la laurea: il Politecnico di Bari sopra la media Italia

 
Il caso
Bari, ospedale in Fiera, 500 ricoveri in 3 mesi

Bari, ospedale in Fiera, 500 ricoveri in 3 mesi

 
L'arresto
Bari, maltratta la compagna: fugge ma viene arrestato

Bari, maltratta la compagna: fugge ma viene arrestato

 
Il fatto
Bitonto, sequestro ad imprenditore che imponeva a ditte edili lavori in subappalto

Lavori in subappalto ad imprese edili,  sequestro di beni ad imprenditore bitontino

 
Diritti
Bari si mobilita per la Giornata mondiale del Rifugiato

Bari si mobilita per la Giornata mondiale del Rifugiato

 
Il fatto
Monopoli, nasconde droga nel manichino ma i carabinieri lo arrestano

Monopoli, nasconde droga nel manichino ma i carabinieri lo arrestano

 
Formazione
UniSalento, Ingegneria Civile torna a respirare in cantiere

UniSalento, Ingegneria Civile torna a respirare in cantiere

 
L'emergenza
Carceri: sit-in penitenziari a Bari, «grave carenza agenti»

Carceri: sit-in penitenziari a Bari, «grave carenza agenti»

 

Il Biancorosso

verso il futuro
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatGiustizia svenduta
Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione.

Lecce, l'imprenditore Flavio D’Introno condannato a due anni e sei mesi di reclusione

 
BatLa curiosità
Barletta, la chiesa di Sant'Andrea come non la avete mai vista

Barletta, la chiesa di Sant'Andrea come non la avete mai vista

 
MateraIl caso
Matera, donna di 90 anni truffata dal finto nipote del cuore

Matera, donna di 90 anni truffata dal finto nipote del cuore

 
PotenzaIl fatto
Potenza, Bosco Piccolo, al via i lavori per completare l’area della parrocchia

Potenza, Bosco Piccolo, al via i lavori per completare l’area della parrocchia

 
FoggiaLa storia
Foggia, poliziotto accompagna all'altare una nigeriana che salvò 23 anni fa

Foggia, poliziotto accompagna all'altare una nigeriana che salvò 23 anni fa

 
Brindisinel brindisino
Oria, furgone in retromarcia senza freni: tragedia sfiorata

Oria, furgone in retromarcia senza freni: tragedia sfiorata

 
TarantoMonitoraggio
Taranto, in carcere 34 positivi ma uno solo è ricoverato

Taranto, in carcere 34 positivi ma uno solo è ricoverato

 
LecceIl progetto
Lecce, nasce l’Accademia della Carità una mano tesa ai più deboli

Lecce, nasce l’Accademia della Carità una mano tesa ai più deboli

 

i più letti

Musica

Il «Coraçao Vagabundo» di Guido e Francesca Di Leone

Repertorio brasiliano e qualche divagazione nell'ultimo lavoro della coppia

Il «Coraçao Vagabundo» di Guido e Francesca Di Leone

Bari - A poco più di un anno dall’uscita di «Tudo Em Bossa Nova», la coppia barese di Francesca Leone e Guido Di Leone licenzia un nuovo album continuando a sondare l’immenso repertorio della musica brasiliana, ma concedendosi anche qualche preziosa divagazione nel repertorio degli  standard americani e persino della canzone napoletana. «Coraçao Vagabundo» – dall’omonimo brano di Caetano Veloso – è il titolo di questo cd che esce per i tipi dell’etichetta discografica «Abeat Records» e
che, insieme con il duo di voce e chitarra, si arricchisce in alcuni brani anche dell’intervento del Trio Corrente con Fabio Torres al pianoforte e i brasiliani Paulo Paulelli al contrabbasso ed Edu Ribeiro alla batteria.

Da sempre tra i punti cardinali che orientano le scelte artistiche di Francesca Leone, il Brasile viene qui declinato con scelte in gran parte poco sfruttate, come ad esempio gli iniziali «Rio» e «O Telefone» di Roberto Menescal – tra i pionieri della bossanova – o «Dans Mon Ile» del franco-latino Henri Salvador. Titoli storici che vengono bilanciati da composizioni per così dire più moderne, come ad esempio la title track e «Desde Que O Samba», entrambe a firma di Veloso o «Flor de Lis» di Djavan, per non dire ovviamente di Tom Jobim, autore immancabile in ogni avventura musicale brasiliana che si rispetti e che qui viene omaggiato con «A Felicidade», «Retrato Em Branco e Preto», «Anos Dourados» e lo storico «Chega de Saudade».  Chiude la galleria brasileira il delicato «Accendi una luna nel cielo», frutto della collaborazione che, a metà degli Anni Settanta, vide la nostra Ornella Vanoni incontrarsi in studio con il chitarrista Toquinho e «o poetinha»  Vinicius De Moraes per l’album «La voglia, la pazzia, l’incoscienza, l’allegria».

Ma appunto, il disco volge lo sguardo anche ad altri repertori regalando agli ascoltatori delle raffinatissime interpretazioni come quella di «Laura» di David Raksin e Johnny Mercer, che la coppia dedica alla propria bambina. Il repertorio napoletano – ma con un Dna in parte anche… pugliese – rivive nel classico «Tu si’ ‘na cosa grande» del nostro Domenico Modugno, che qui assume il rango di una ballad jazzistica e incornicia assoli di tutto rispetto da parte di Torres al pianoforte e Paulelli al basso
elettrico. 

Quando si parla di jazz, ovviamente, è inevitabile guardare all’immenso, inossidabile repertorio dei grandi standard d’Oltreoceano, che per l’occasione sono stati scelti e arrangiati con gusto: si va dallo swing delicato di «Old Devil Moon» a una versione brasilianeggiante di «Only Trust Your Heart» di Benny Carter e si prosegue poi col crepuscolare «Will Be Together Again» di Carl Fischer e con «My Ideal» di Richard Whiting. Completano la scaletta la sensualità del bolero «Sabor A Mì» del
messicano Alvaro Carrillo – canzone che negli Anni Sessanta entrò anche nel repertorio di Mina – e un bonus track con i cori Pentasamba e Pentawhite, registrato al concerto di Natale al Pentagramma di Bari.

Un album da ascoltare in tutta rilassatezza per gustare fino in fondo la voce delicata e suadente di Francesca Leone e la maestria di Guido Di Leone che suona per tutta la registrazione la chitarra acustica, confermandosi ormai un consumato maestro dello strumento. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie