Venerdì 04 Dicembre 2020 | 22:20

NEWS DALLA SEZIONE

beni storici
Ruvo di Puglia, museo Jatta chiuso in attesa di restauro: Sisto e D'Attis (Fi) interrogano Franceschini

Ruvo di Puglia, museo Jatta chiuso in attesa di restauro: Sisto e D'Attis (Fi) interrogano Franceschini

 
«Bari Social Kids & Teen»
Bari, al via la prima biblioteca su due ruote: letture animate e consegna libri a domicilio

Bari, al via la prima biblioteca su due ruote: letture animate e consegna libri a domicilio

 
la tradizione
Bari Vecchia, presepi solo per pochi intimi. Gli organizzatori: «Li allestiremo»

Bari Vecchia, presepi solo per pochi intimi. Gli organizzatori: «Li allestiremo»

 
Ospedale Covid
Acquaviva, l'ospedale Miulli diventa set di una fiction: scoppia la polemica

Acquaviva, l'ospedale Miulli diventa set di una fiction: scoppia la polemica

 
nel Barese
Grumo Appula, in casa un market della droga con tanto di avvisi alla clientela: un arresto e una denuncia

Grumo Appula, in casa un market della droga con tanto di avvisi alla clientela: un arresto e una denuncia

 
L'indagine
Bari, legionella al Policlinico: gli indagati salgono a 7

Bari, legionella al Policlinico: salgono a 7 gli indagati. Interrogatori per interdizione manager

 
emergenza coronavirus
Monopoli, focolaio Covid in Rssa: sale a 17 numero decessi e 31 ancora positivi

Monopoli, focolaio Covid in Rssa: sale a 17 numero decessi e 31 ancora positivi

 
Emergenza contagi
Altamura, da domani attivo centro per effettuare 20mila tamponi antigenici

Altamura, da domani attivo centro per effettuare fino a 400 tamponi antigenici al giorno

 
Il caso dress code
Bari, processo «dress code»: sollevata eccezione su competenza Tribunale

Bari, caso Bellomo, la difesa dell'ex giudice: «Via il processo da Bari»

 
Bari vecchia, lavori fermi da un anno, scuse pubbliche di Decaro: «Abbiamo sbagliato»

Bari vecchia, lavori fermi da un anno, scuse pubbliche di Decaro: «Abbiamo sbagliato»

 

Il Biancorosso

Serie C
Domani Paganese-Bari, mister Auteri: «Avversario rognoso»

Domani Paganese-Bari, mister Auteri: «Avversario rognoso»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoil 9 dicembre
Mittal Taranto, Emiliano e Melucci: convocato tavolo per Accordo di programma

Mittal Taranto, Emiliano e Melucci: convocato tavolo per Accordo di programma

 
Covid news h 24L'emergenza
Bat, due ambulanze Covid attive da domani su Andria e Trani

Bat, due ambulanze Covid attive da domani su Andria e Trani

 
Foggiaindagini della Polizia
Livornese ricercato per maltrattamenti si nasconde nel Foggiano

Livornese ricercato per maltrattamenti si nasconde nel Foggiano

 
Leccel'emergenza
Provincia Lecce, controlli anti Covid: dipendenti e consiglieri tutti negativi

Provincia Lecce, controlli anti Covid: dipendenti e consiglieri tutti negativi

 
Baribeni storici
Ruvo di Puglia, museo Jatta chiuso in attesa di restauro: Sisto e D'Attis (Fi) interrogano Franceschini

Ruvo di Puglia, museo Jatta chiuso in attesa di restauro: Sisto e D'Attis (Fi) interrogano Franceschini

 
Materasanità
Matera, l'ospedale non si tocca: «Scongiurata chiusura reparti»

Matera, l'ospedale non si tocca: «Scongiurata chiusura reparti»

 
PotenzaNel Potentino
Non solo Covid: da Senise storia di Nicola, colpito da un virus che ha 3 casi al mondo

Non solo Covid: da Senise storia di Nicola, colpito da un virus che ha 3 casi al mondo

 
Brindisinel Brindisino
Oria, nasce il «teatro da asporto»: gli spettacoli arrivano sotto casa

Oria, nasce il «teatro da asporto»: gli spettacoli arrivano sotto casa

 

i più letti

nel Barese

Molfetta, tutta la famiglia ha il Covid: «Noi, maltrattati dagli altri condòmini»

Madre, padre e due figli denigrati dai vicini di casa che non li hanno aiutati per la spesa o l'acquisto di medicinali

Molfetta, tutta la famiglia ha il Covid: «Noi, maltrattati dagli altri condòmini»

«Trattati come degli appestati, ci è stata negata ogni forma di assistenza da parte di un condominio che ritenevamo essere una famiglia». È questo il grido di allarme e di sdegno di una famiglia di Molfetta, padre, madre, e i due figli rispettivamente di 5 e 7 anni, tutti positivi al Coronavirus. L’incubo in cui la famiglia è piombata risale ad oltre due settimane fa quando l’uomo, che di mestiere fa l’autotrasportatore, di ritorno da uno dei suoi viaggi ha iniziato ad accusare forte tosse e febbre molto alta. Per lui il medico di famiglia ha subito fatto predisporre un tampone molecolare che ha dato esito positivo, così come positivi sono stati i tamponi a cui tutta la famiglia si è sottoposta.

A parte i primi giorni, durante i quali l’uomo ha avuto bisogno dell’ausilio dell’ossigeno per respirare, ad oggi le condizioni di salute di tutti e quattro i membri della famiglia di Molfetta sono abbastanza buone e stabili. Tuttavia, dal momento in cui il condominio in cui la famiglia vive (nella zona di nuova espansione della città) ha appreso la notizia, la loro vita si è fatta ancora più complicata.
«A volte essere onesti non paga – ha affermato il padre di famiglia - in quanto dall’inizio di quest’incubo non ci siamo mai nascosti e abbiamo cercato di affrontare questa malattia, che sta colpendo un mondo intero, con trasparenza e dignità. Invece quello che ci sta accadendo è mostruoso: nessuno pretendeva che i nostri vicini venissero ad assisterci, ci mancherebbe altro. Avremmo soltanto voluto un po’ di conforto e un aiuto nella spesa e nell’acquisto di medicinali».

La famiglia di Molfetta non può contare sull’aiuto di nessun familiare in quanto originaria degli Stati Uniti d’America. «Io e mia moglie – ha proseguito l’uomo – viviamo a Molfetta da quindici anni, mentre tutta la nostra famiglia è nel New Jersey. Abbiamo sempre considerato il nostro condominio più che una famiglia, ma è bastata la prima reale difficoltà per essere discriminati, maltrattati verbalmente dopo aver riagganciato il telefono in modo brusco ed ineducato». Per oltre due giorni la famiglia molfettese, tutta in quarantena obbligata, ha dovuto letteralmente arrangiarsi con la spesa, sebbene quello che più preoccupava loro erano i farmaci per i due bambini. Non sempre, però, quello che si scrive sui social network viene fatto inutilmente. Ad un post scritto dalla giovane madre di famiglia è corrisposto un aiuto degno di una città come Molfetta che si è rimboccata le maniche dal primo momento dell’emergenza con i suoi validi volontari.

«Abbiamo accolto senza alcun problema la richiesta di aiuto della giovane famiglia di Molfetta – ha confermato il gruppo di volontari (che ha preferito rimanere nell’anonimato) – e dal primo momento la assistiamo continuamente. Non andiamo soltanto al supermercato, alla farmacia o in tabaccheria per pagare le bollette, abbiamo predisposto anche un’assistenza psicologica chiamando la famiglia più di una volta al giorno. Abbiamo anche dei volontari che si sono improvvisati animatori e con vere e proprie dirette social fanno divertire anche i piccoli. Si stenta a credere a quello che è successo a questa povera famiglia – hanno concluso i volontari – una forma di razzismo in uno dei peggiori momenti della storia dell’uomo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie