Sabato 18 Settembre 2021 | 21:04

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

La nuova ondata

Covid, la via crucis dei medici di base

«Non possiamo essere noi a visitare a casa i malati»

La cura cinese per  medici anche ai manager asl

BARI - I medici di medicina generale sono ritenuti a giusta ragione centrali nella lotta (territoriale) contro la pandemia. Dopo l’accordo, malvisto da molti (anche dentro la Fimmg, che ha siglato l’intesa, oltre che dalle altre sigle Smi e Snami) per la somministrazione dei tamponi rapidi antigenici nasofaringei (inizieranno a dicembre in ambulatorio oppure in sedi stabilite dalla Asl, che potranno essere anche punti di prelievo messi a disposizione dai Comuni), si discute circa le indicazioni terapeutiche per la gestione dei casi di infezione a domicilio contenute nella bozza preparata dal presidente del Consiglio superiore di sanità Franco Locatelli. Il documento riguarda la gestione dei casi lievi di Covid-19 e le raccomandazioni si applicano sia ai casi confermati sia a quelli probabili. In precedenza si era espressa anche la Commissione nazionale, che si occupa della gestione del paziente Covid-19, istituita dall'Agenas, l'agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali.

TAR Le novità seguono il reiterato richiamo, arrivato di continuo e da più fronti, di un maggiore coinvolgimento dei medici di famiglia nel contrasto all’epidemia, una partecipazione messa peraltro in discussione da una recente pronuncia da parte del Tar del Lazio, secondo cui «l’affidamento ai medici di medicina generale del compito di assistenza domiciliare ai malati Covid risulta in contrasto con la normativa emergenziale». Insomma, a occuparsi dell’assistenza a domicilio dei pazienti Covid che non necessitano di ricovero ospedaliero saranno di fatto soltanto le unità speciali di continuità assistenziale, per potenziare le quali la Asl Bari ha approvato nelle scorse ore la graduatoria dei medici da reclutare (sono 412 i professionisti ammessi), da cui attingere anche per creare nuove Usca (nel Barese, dalle attuali nove, potrebbero aumentare fino a 25). «La domanda che viene spontanea a un non addetto ai lavori - afferma Ivo Vulpi, medico di medicina generale a Bari - è la seguente: per quale motivo un medico non può andare a domicilio a valutare gli asintomatici oppure i paucisintomatici alleggerendo il lavoro ospedaliero? La risposta è semplice: quei tipi di pazienti non necessitano di essere valutati con un fonendoscopio per capire se hanno la polmonite o meno. Basta un saturimetro da pochi euro, e se si inizia a desaturare si va in ospedale, e un continuo controllo telefonico. Una visita domiciliare in un ambiente contaminato richiede vestizione e svestizione adeguati che costerebbero in termini di tempo e materiale molto di più di quanto non costi una squadra attrezzata che fa solo quello. Infatti, l’attivazione delle Usca segue questa logica, solo che queste équipe devono affrontare, in questo momento, una situazione molto gravosa in attesa del potenziamento. Basti pensare che si muovono non con un’auto propria, come faremmo noi, ma con un mezzo dell'Asl che viene sanificato a intervalli regolari. Noi non potremmo permettercelo».

TEMPO Peraltro, il tempo a disposizione dei medici di famiglia (circa mille in provincia di Bari, cioè in media uno ogni 1300 pazienti con punte fino a 1500) non è infinito, tenendo conto dei compiti previsti dalla convenzione col sistema sanitario. In questo periodo di distanziamento, poi, sono sopraggiunte altre incombenze. «Per esempio - spiega Vulpi - c’è l’attività legata al contact tracing, comunque ormai obsoleta, in quanto il sistema è andato ampiamente in tilt. L’arretrato di segnalazioni da processare è ormai diventato pauroso. A questo farraginoso sistema si aggiungono poi i normali compiti nei confronti dei pazienti no Covid che iniziano a soffrire di questa situazione. Da quando è iniziata l'emergenza, il primo problema degli studi di medicina generale è stato quello di non far afferire la massa di gente per evitare contagi. Questo sistema, che non viene facilmente digerito dalla popolazione anziana, ha la grave conseguenza di non poter visitare pazienti. D'altro canto, anche la prescrizione telematica, che ha l'indubbio vantaggio di velocizzare il sistema, ha l'oscuro risvolto di una richiesta continua e martellante, senza distinzioni di ora e data attraverso Whatsapp, mail, sms, a parte il telefono. Siamo letteralmente bombardati da richieste che, se prima erano limitate alla stanza di ambulatorio negli orari stabiliti, ora sono randomizzate. Inoltre i pazienti hanno scoperto anche gli audio messaggi che consentono loro di parlare ininterrottamente anche per 10 minuti senza essere interrotti e se scrivi “ti prego di evitare i messaggi audio” ti rispondono “dotto' che na cosa ti ho chiesto!”. Altro sistema utilizzato è quello di inviarti le fotografie delle scatole dei propri farmaci cronici, mentre coloro che hanno bisogno di una diagnosi hanno ormai preso l’abitudine di mandare i selfie delle proprie parti anatomiche affette da un presunto problema chiedendola via Whatsapp».

ASSISTENZA A tutto questo si aggiunge l’assistenza domiciliare ordinaria previo triage telefonico («ad anziani che sono apparentemente in salute senza sapere però le condizioni di chi li va a trovare»). Ma non solo. «Ci sono anche - continua Vulpi - i famigerati rientri a scuola post malattia degli alunni, cui non è possibile fare una diagnosi, con dirigenti d’istituto che si inventano autocertificazioni sempre più fantasiose per scaricare responsabilità ai genitori o, peggio, a noi medici. Adesso stanno pure spuntando richieste di “idoneità al rientro al lavoro”, che non esistono per legge in caso di malattia perché il datore non deve essere a conoscenza della diagnosi per la quale il dipendente si è assentato. Anche in questo caso, in presenza di contagio in azienda, si tende a scaricare ad altri le conseguenze. Morale: prima facevo le mie ore di ambulatorio e poi me ne andavo. Adesso dopo l’attività devo anche chiudermi e completare il backoffice spesso correlato con la ristampa di un 20% di ricette, con carta a carico mio, perché il Cup, che non è aperto al pubblico da gennaio e che non consente neanche a chi ha conoscenze tecnologiche limitate di prenotare con maggiore semplicità una visita specialistica, non accetta il codice oppure la data oppure la priorità oppure la nota ministeriale oppure l’esenzione del ticket oppure qualche altra minuzia non permettendo quindi una prenotazione per una prestazione già di per sé difficile da ottenere in tempi brevi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie