Martedì 01 Dicembre 2020 | 02:56

NEWS DALLA SEZIONE

5° edizione
Bari, domani l'ultimo panel del Forum delle giornaliste del Mediterraneo

Bari, domani l'ultimo panel del Forum delle giornaliste del Mediterraneo

 
L'ultimo saluto
Bari, addio a Michele Giura: ex ad del Bari e revisore dei conti della Figc

Bari, addio a Michele Giura: ex ad del Bari e revisore dei conti della Figc

 
Il caso
Covid 19, l'allarme delle associazioni nel Barese: «Pazienti abbandonati in casa»

Covid 19, l'allarme delle associazioni nel Barese: «Pazienti abbandonati in casa»

 
buona notizia
Alberobello, spento focolaio Covid in casa di riposo: tutti negativi gli anziani ospiti

Alberobello, spento focolaio Covid in casa di riposo: tutti negativi gli anziani ospiti

 
La nomina
Tumori al seno, premiati 4 medici tra i più empatici per le pazienti: tra loro un barese

Tumori al seno, premiati 4 medici tra i più empatici per le pazienti: tra loro un barese

 
Tecnologia
Puglia, arriva l'app Resettami: per la gestione dei buoni spesa del dl Ristori

Puglia, arriva l'app Resettami: per la gestione dei buoni spesa del dl Ristori

 
emergenza Covid
Bari, festa di compleanno in casa nonostante il coprifuoco: 14 sanzionati

Bari, festa di compleanno in casa nonostante il coprifuoco: 14 sanzionati

 
novità
Università Bari, 90 posti di Medicina alla Lum di Casamassima

Università Bari, 90 posti di Medicina alla Lum di Casamassima

 
l'emergenza
Altamura, schizzano i contagi Covid (oltre 1800): scuole chiuse per 15 giorni e si valuta coprifuoco alle 19

Altamura, schizzano i contagi Covid (oltre 1800): scuole chiuse per 15 giorni e si valuta coprifuoco alle 19

 
la denuncia
Altamura, guarito dal Covid vuole donare il plasma: «La burocrazia mi impedisce di farlo»

Altamura, guarito dal Covid vuole donare il plasma: «La burocrazia mi impedisce»

 
Controlli dei CC
Castella, fucile munizioni e cani di razza senza microchip: arrestato 74enne

Castellana, nascondeva in masseria fucile, munizioni e cani di razza senza microchip: arrestato 74enne

 

Il Biancorosso

L'ultimo saluto
Bari, addio a Michele Giura: ex ad del Bari e revisore dei conti della Figc

Bari, addio a Michele Giura: ex ad del Bari e revisore dei conti della Figc

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa classifica
Qualità della vita in Italia, Potenza è 41esima: il plauso di Salvini

Qualità della vita in Italia, Potenza è 41esima: il plauso di Salvini

 
Bari5° edizione
Bari, domani l'ultimo panel del Forum delle giornaliste del Mediterraneo

Bari, domani l'ultimo panel del Forum delle giornaliste del Mediterraneo

 
FoggiaLa novità
Foggia, al Riuniti un team multidisciplinare per trattamento degli aneurismi cerebrali

Foggia, al Riuniti un team multidisciplinare per trattamento degli aneurismi cerebrali

 
LecceIl ritrovamento
Salento, è stata ritrovata l'asinella Grisonda rubata qualche giorno fa

Salento, è stata ritrovata l'asinella Grisonda rubata qualche giorno fa

 
Tarantoil commento
Covid 19, il sindaco di Taranto: «Restrizioni efficaci, no al liberi tutti»

Covid 19, il sindaco di Taranto: «Restrizioni efficaci, no al liberi tutti»

 
BrindisiIl caso
Brindisi, porto e terminale gas: lettera a Conte e ai ministri

Brindisi, porto e terminale gas: lettera a Conte e ai ministri

 
Materasanità
Matera, sindacati si schierano in difesa dell'soedale

Matera, sindacati si schierano in difesa dell'ospedale. Regione: «Sì a tavolo permanente»

 
BatL'episodio
Barletta chiusura cimitero, insulti e minacce al sindaco: solidarietà a Cannito

Barletta chiusura cimitero, insulti e minacce al sindaco: solidarietà a Cannito

 

i più letti

Il caso

«Lasciate a Ruvo i reperti antichi del Museo Jatta»

I lavori nel palazzo e l’ipotesi di una mostra al Castello di Bari. L’assessore: promozione del territorio

«Lasciate a Ruvo i reperti antichi del Museo Jatta»

BARI - L’identità di Ruvo di Puglia è fortemente legata alla storia della famiglia Jatta e al ruolo di una donna leggendaria come la signora Giulia Vesti, moglie di Giulio Jatta, che diede una sede al museo a Ruvo di Puglia.
Prima di allora, il grande patrimonio archeologico di Ruvo di Puglia era pressoché sconosciuto. Per le vicende legate alla pandemia in corso, il museo è oggi chiuso al pubblico perché le sue caratteristiche strutturali non consentono la sanificazione in sicurezza. Da circa due anni, inoltre, il Polo Museale ha disposto lavori di ristrutturazione che saranno particolarmente importanti e permetteranno un nuovo allestimento del Museo. Si temono ritardi, rallentamenti e attese per una collezione straordinaria, una testimonianza archeologica importantissima per tutto il Sud.

Da qualche tempo si discute della possibilità di esporre alcune opere del museo Jatta in una mostra temporanea nel Castello Svevo di Bari. Sarebbe una buona occasione per riaprire gli occhi su queste straordinarie rarità, anche se la preoccupazione della famiglia Jatta, come dell’intera collettività ruvese, è che, una volta spostata quella collezione preziosa, di altissimo valore archeologico, non torni più a Ruvo di Puglia e che la città perda definitivamente l’attrattiva per la quale è conosciuta nel mondo.

Il dibattito si è fatto politico. Tanto che sarà tra i punti all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale. Il tema è quello di cercare in ogni modo di rendere al più presto fruibili i tesori della collezione Jatta. «Abbiamo più volte chiesto all’amministrazione di rendere fruibili alcune delle opere più importanti. Cittadini e turisti anche quest’estate hanno trovato chiuso il luogo di cultura per eccellenza della nostra città. Il pericolo è che quella collezione non torni più a Ruvo di Puglia e che ci si ritrovi in qualche museo di chissà dove ad ammirare uno dei vasi della collezione Jatta con la dicitura “Ruvo di Puglia”», dice l’avv. Mariatiziana Rutigliani, presidente dell’associazione culturale «RuvoLab», nonché consigliera comunale di Forza Italia.

L’argomento sta a cuore all’amministrazione e all’assessora Monica Filograno: «Avremmo voluto certo che i lavori fossero già partiti e anche finiti: i nostri primi sopralluoghi all’ex Convento dei Domenicani risalgono a più di due anni fa, come anche la messa a disposizione da parte nostra di tutto il piano inferiore dell'immobile per ospitare allora una mostra temporanea in occasione della chiusura del Museo Jatta, che doveva essere ben antecedente all'esplosione della pandemia. Sappiamo che è cosa preziosa e importante e ci prodighiamo quotidianamente in molte direzioni».
Sulla mostra nel Castello Normanno Svevo di Bari, l'assessora Filograno chiarisce: «Si tratta di un’ipotesi informale. Se ci fossero due mostre, quella a Ruvo con il pezzo più noto della collezione Jatta e con un apparato di corredo altrettanto prestigioso – oltre ad una serie di conferenze, incontri, iniziative che per ora abbiamo dovuto mettere nel cassetto per ovvie ragioni – e quella a Bari in una sede molto turistica, sarebbe una buona occasione di promozione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie