Domenica 29 Novembre 2020 | 15:35

NEWS DALLA SEZIONE

emergenza Covid
Mola di Bari, pronta postazione «drive in» per eseguire tamponi rapidi postazione

Mola di Bari, pronta postazione «drive in» per eseguire tamponi rapidi

 
tragedia sfiorata
Bari, fiamme e fumo al Cara di Palese: paura fra i migranti ma nessun ferito

Bari, fiamme e fumo al Cara di Palese: paura fra i migranti ma nessun ferito

 
Controlli della Polizia
Gravina, giocavano alle slot in circolo: 7 multati, sequestrate apparecchi

Gravina, giocavano alle slot in circolo: 7 multati, sequestrate apparecchi

 
Il caso
Covid, nel focolaio di Altamura 44enne muore in casa: «Era positiva dimenticata dal sistema»

Covid, nel focolaio di Altamura 44enne muore in casa: «Positiva dimenticata dal sistema» Sindaco: «Sanità in tilt»

 
L'attività di vigilanza
Controlli Covid nel Barese: 383 multati per violazione DPCM. Prefetta: occhio ai contagi in famiglia

Controlli Covid nel Barese: 383 multati per violazione DPCM. Prefetta: occhio ai contagi in famiglia

 
La mappa
Coronavirus, nel Barese attivate 14 postazioni drive-through per tamponi

Coronavirus, nel Barese attivate 14 postazioni drive-through per tamponi

 
Oltreoceano
San Nicholas: a New York è conto alla rovescia per la chiesa nel cuore di Manhattan

San Nicholas: a New York è conto alla rovescia per la chiesa nel cuore di Manhattan

 
I dettagli
Bari, San Nicola senza abbracci: ecco il calendario delle celebrazioni

Bari, San Nicola senza abbracci: ecco il calendario delle celebrazioni

 
a poggiofranco
Bari, circolo ricreativo aperto nonostante il Dpcm: sanzioni a titolare e ad altri 5

Bari, circolo ricreativo aperto nonostante il Dpcm: sanzioni a titolare e ad altri 5

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Auteri sfida un passato importante: «Catanzaro forte, ma Bari non ha paura»

Auteri sfida un passato importante: «Catanzaro forte, ma Bari non ha paura»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoL'appello di una 30enne
Covid, Giulia dall'ospedale di Taranto: «Aiutatemi, ho bisogno del plasma»

Covid, Giulia dall'ospedale di Taranto: «Aiutatemi, ho bisogno del plasma»

 
Bariemergenza Covid
Mola di Bari, pronta postazione «drive in» per eseguire tamponi rapidi postazione

Mola di Bari, pronta postazione «drive in» per eseguire tamponi rapidi

 
Lecceil giallo
Racale, bimbo scomparso 43 anni fa: «Un uomo coi baffi portò via Mauro»

Racale, bimbo scomparso 43 anni fa: «Un uomo coi baffi portò via Mauro»

 
FoggiaTragedia nel Foggiano
Bovino, agricoltore 71enne muore schiacciato dal muletto

Bovino, agricoltore 71enne muore schiacciato dal muletto

 
Brindisinel Brindisino
S.Pancrazio, parroco antidroga accerchiato e insultato: «Denuncio chi bestemmia»

S.Pancrazio, parroco antidroga accerchiato e insultato: «Denuncio chi bestemmia»

 
BatEffetto-pandemia
Trani, le nozze civili sono in streaming per gli invitati virtuali

Trani, le nozze civili sono in streaming per gli invitati virtuali

 
MateraNel Materano
Bernalda, la protesta di un disabile: «In casa avevo operai in attesa dell'esito del tampone»

Bernalda, la protesta di un disabile: «In casa avevo operai in attesa dell'esito del tampone»

 

i più letti

La curiosità

Più «forti» del Covid: premiate due imprese baresi

«L’attenzione ai dipendenti il segreto del successo»

Più «forti» del Covid premiate due imprese baresi

BARI - Due aziende baresi tra le migliori in Italia per politiche di welfare. La Masmec e la Planetek Italia sono le uniche imprese in tutta la Puglia ad essere state premiate con il massimo range (cinque stelle) nel campionato del Welfare Index Pmi promosso da Generali. Un riconoscimento che viene da lontano, con scelte avviate già anni prima.
«Noi crediamo molto nella responsabilità sociale dell'impresa - spiega Mariella Pappalepore, Cfo Planetek - e nella solidarietà. Decidere di avviare percorsi per la formazione del personale, promuovere momenti di condivisione extra lavorativa, venire incontro alle esigenze dei nostri dipendenti, sono state decisioni quasi naturali, che comunque ci costano impegno e risorse, ma che hanno dimostrato nel tempo che erano le scelte più giuste».
Il «Welfare Index Pmi» è un indice che valuta il livello di welfare aziendale in Italia. Ogni anno per realizzare l’indice e stilare la graduatoria vengono intervistate oltre 4mila aziende di tutti i settori produttivi, in merito alle iniziative da loro realizzate per i dipendenti.

«Questo è il secondo anno che otteniamo le 5 stelle – spiega la responsabile del personale di Planetek, Michela Sanfilippo - e sono cinque anni che abbiamo avviato in maniera più organizzata politiche di welfare mirate. Stiamo parlando di una biblioteca aziendale, di formazione specifica per i lavoratori, momenti social come gli Aperitek, incontri per discutere su argomenti vari che si concludono con un aperitivo tutti insieme». «A esperienze di questo genere si affiancano poi anche interventi più strutturati - sottolinea Pappalepore -. Quest'anno tutti i nostri dipendenti hanno avuto una copertura antiCovid extra a carico dell'azienda, per non parlare del sostegno alla maternità. Già prima del coronavirus noi abbiamo incentivato lo smartworking per i mesi immediatamente successivi alla nascita di un figlio o per altre necessità familiari. Questo ci ha molto aiutato quanto c'è stato il lockdown, eravamo già preparati. Certo la nostra tipologia di impresa lo permette, ma vi assicuro che è comunque uno sforzo corale. Noi incentiviamo il part time per le neo mamme che ne facciano richiesta, non senza sforzi: i nostri dipendenti non sono facilmente sostituibili, hanno competenze tali che non è semplice, quindi se qualcuno per problemi familiari chiede di passare ad un part time, inevitabilmente gli altri colleghi si devono accollare del lavoro in più. Ma noi tutti pensiamo che ci possono essere momenti in cui le esigenze del singolo cambiano e il lavoro deve poter cambiare con la persona».

Aziende resilienti dove il benessere del dipendente diventa leva strategica per raggiungere obiettivi importanti, in un impegno di squadra che costa sacrifici ma da anche ottimi risultati. Come in Masmec, l'altra azienda premiata. «Siamo tra le poche imprese ad aver ricevuto anche la menzione speciale per la resilienza al Covid 19 - spiega Daniela Vinci, Ceo Masmec - per la prontezza e l’efficacia con cui abbiamo affrontato l’emergenza. In pochi giorni, abbiamo garantito un sereno svolgimento del lavoro da remoto, attivando anche strumenti per videoconferenze o alta formazione. Un’esperienza positiva, tanto da suggerire un modello di lavoro agile anche per il futuro. La divisione biomedicale, che è rimasta aperta, ha riconfigurato velocemente organizzazione e competenze per la produzione di un centinaio di workstation Omnia per il processamento rapido dei tamponi per la diagnosi di Coronavirus e la realizzazione di linee automatiche per la produzione di mascherine Ffp2».
«Sono convinta che in Puglia oltre a noi e Masmec ci siano tante altre realtà che sostengono i loro dipendenti, solo che magari le loro esperienze non trovano modo di emergere - osserva Pappalepore - Oggi il Covid ha dato una spinta a scelte tipo lo smartworking che magari saranno strumenti da utilizzare anche dopo la fine della pandemia. Si deve continuare tenere desta l'attenzione su questi temi, è importante che le imprese si confrontino per crescere insieme al territorio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie