Mercoledì 12 Agosto 2020 | 14:45

NEWS DALLA SEZIONE

contagi
Coronavirus, l'appello di Decaro su Facebook: «Usate la mascherina»

Coronavirus, l'appello di Decaro su Facebook: «Usate la mascherina»

 
l'episodio
Monopoli, guasto in ospedale: perse 400 sacche di sangue

Monopoli, guasto in ospedale: perse 400 sacche di sangue

 
SERATA CHOC
Polignano, tragedia in piscina: 20enne barese si tuffa e poi muore

Polignano, tragedia in piscina: 20enne barese si tuffa e poi muore

 
LA DENUNCIA
Lo sfogo di una mamma per 4 parti solo 2 ostetriche

Bari, lo sfogo di una neomamma: «Per 4 parti solo 2 ostetriche»

 
La denuncia
Regionali 2020, candidato Lega a Bari: «Un balordo mi ha devastato sede del comitato»

Regionali 2020, candidato Lega a Bari: «Un balordo mi ha devastato sede del comitato»

 
L'annuncio
Acquaviva delle Fonti, in due al rientro dall'estero contraggono il Coronavirus

Acquaviva delle Fonti, in due rientrati dall'estero sono positivi al Coronavirus

 
La denuncia
Bari, «Povero giardino Garibaldi ormai ridotto a una pattumiera»

Bari, «Povero giardino Garibaldi ormai ridotto a una pattumiera»

 
Emergenza al Policlinico
Coronavirus Bari, partoriente positiva i neo genitori: «Non possiamo vedere il nostro piccolo»

Coronavirus Bari, partoriente positiva, parla il compagno: «Non possiamo vedere il nostro piccolo»

 
Il caso
Sannicandro di Baro. seguono il cliente che cerca rifugio dal pusher: arrestato 37enne

Sannicandro di Bari, seguono il cliente che cerca rifugio dal pusher: arrestato 37enne

 
Il caso
Bari, turisti milanesi lasciano portafoglio in un bar, la Polizia Locale recupera il borsello: "Grazie infinite«

Bari, turisti milanesi lasciano portafoglio in un bar, la Polizia Locale recupera il borsello: "Grazie infinite«

 

Il Biancorosso

serie C
Vivarini, Auteri e i «due» Bari

Vivarini, Auteri e i «due» Bari: grandi cambi o tanta fantasia

 

NEWS DALLE PROVINCE

Baricontagi
Coronavirus, l'appello di Decaro su Facebook: «Usate la mascherina»

Coronavirus, l'appello di Decaro su Facebook: «Usate la mascherina»

 
Bati fatti nel 2018
Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

 
Leccenel basso salento
Gagliano del Capo, si intrufola in casa di una donna e tenta di violentarla: arrestato

Gagliano del Capo, si intrufola in casa di una donna e tenta di violentarla: arrestato

 
Foggiala decisione
Foggia, notificata custodia in carcere per Cristoforo Aghilar, ultimo catturato dopo la maxi-evasione

Foggia, notificata custodia in carcere per Cristoforo Aghilar, ultimo catturato dopo la maxi-evasione

 
BrindisiTRAGEDIA
Brindisi, scontro auto-scoote: muore motociclista 51enne

Mesagne, scontro auto-scooter: muore motociclista 51enne

 
TarantoLA NOMINA
L'ex ciclista Sardone tra gli esperti di Emiliano: si occuperà di Taranto 2026

L'ex ciclista Sardone tra gli esperti di Emiliano: si occuperà di Taranto 2026

 
PotenzaIL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
MateraNel Materano
Policoro, gasolio venduto illecitamente: 8 indagati

Policoro, gasolio venduto illecitamente in stazione di servizio «abusiva»: 8 indagati

 

i più letti

le tragedie

Ancora sangue sulle strade: due morti in due incidenti a Triggiano e Altamura

Le vittime sono Luciano Abbrescia di Triggiano, deceduto a seguito di uno schianto con un furgone e l'ingegnere Alfredo Striccoli di Altamura sulla strada provinciale 238 per Corato

incidente stradale

TRIGGIANO - Un uomo di 55 anni, Luciano Abbrescia, residente al quartiere San Paolo di Bari, mentre era alla guida di un ciclomotore ha perso la vita in un incidente stradale sulla provinciale 131 tra Triggiano e Noicattaro, all’altezza dell’intersezione con via Gualtieri, nei pressi di una piccola zona di insediamenti produttivi.

Abbrescia era molto conosciuto a Triggiano, soprattutto per la sua attività di cameriere che svolgeva con passione, dedizione e professionalità da diversi anni, prestando servizio in diversi ristoranti, pizzerie e sale ricevimenti della zona, dove non era infrequente incontrarlo mentre serviva ai tavoli.

Per un breve periodo aveva tentato anche di mettersi in proprio avviando un’attività di frutteria su corso Vittorio Emanuele, ad angolo con via cavalier Pasquale Carbonara. Un’esperienza imprenditoriale con alti e bassi che lo ha indotto ad abbassare la serranda dopo poco.
Quindi, da ultimo, è tornato alla sua vecchia passione per il mondo della ristorazione. Pare fosse impiegato presso una sala ricevimenti di Rutigliano e non si esclude che stesse tornando da un turno di lavoro. L’uomo lascia anche due figlie di 19 e 13 anni.

Sulla dinamica si stanno concentrando le indagini della Polizia locale di Triggiano che ha effettuato i rilievi. Secondo una prima ricostruzione, il 55enne, in sella al suo ciclomotore, proveniva da Noicattaro quando, giunto all’altezza della piccola zona industriale di via Gualtieri, è entrato in collisione con un mezzo furgonato di una impresa. L’impatto tra i due veicoli, le cui cause sono in corso di accertamento, è stato fatale per Abbrescia, deceduto sul posto. Resta da capire che cosa sia accaduto e magari potranno essere d’ausilio i sistemi di videosorveglianza di alcuni insediamenti produttivi presenti in zona.
L’incidente si è verificato nel primo pomeriggio, intorno alle 15, e la viabilità è rimasta bloccata in entrambi i sensi di marcia con una pattuglia dei vigili urbani che ha bloccato l’accesso all’altezza della rotatoria di via Pirelli. Il luogo in cui si è verificato lo schianto è caratterizzato da un lungo rettilineo, ma anche dalla presenza di diversi stabilimenti oltre a complessi sportivi di particolare ampiezza e ricettività. Una strada a carreggiata unica con doppio senso di marcia dove anche in passato si sono verificati incidenti più o meno gravi.

Incredulità e sgomento si sono diffusi tra gli amici della vittima della strada, appena appresa la notizia. L’uomo, originario di Bari, per anni è stato residente a Triggiano per poi trasferirsi a Valenzano e da qui al quartiere San Paolo. Ieri pomeriggio il tragico epilogo del padre di famiglia.


ALTAMURA - Un altro lutto per incidente stradale. L’ingegnere Alfredo Striccoli, 69 anni, ben noto ad Altamura sia per l’attività professionale sia per incarichi politici, ha perso la vita ieri mattina sulla strada provinciale 238 per Corato, a circa sei km dall’abitato. Nel punto più pericoloso, l’incrocio con la provinciale 159, già segnato da vari lutti. Da tempo, invano, si attende la realizzazione di una rotatoria.

Erano circa le 8. Tre i veicoli coinvolti, due Mercedes di grossa cilindrata e una Smart. In base alla ricostruzione della dinamica, ancora in fase di accertamento, Striccoli a bordo della Smart si dirigeva dalla contrada Parisi, dove abitava, verso Altamura per un’altra giornata di lavoro presso lo studio tecnico professionale amministrato dal figlio. Gli altri due veicoli erano all’incrocio. Uno di essi avrebbe attraversato dalla 159 lato Gravina-Poggiorsini dove c’è lo stop. In quegli istanti fatali è avvenuto lo scontro in cui è stato coinvolto il terzo veicolo che - sempre in base alla prima ricostruzione della dinamica - era fermo in attesa di svoltare a sinistra, verso la 159 lato Gravina-Poggiorsini.

Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco, per estrarre Striccoli dall’abitacolo. L’ambulanza del 118 ha tentato delle manovre rianimatorie ma poco dopo l’ingegnere altamurano è morto. Feriti i conducenti degli altri veicoli (sono due 60enni di Altamura e Gravina), trasportati dalle ambulanze all’Ospedale della Murgia, in condizioni comunque non gravi.
Sul tragico sinistro procede la Polizia locale che ha effettuato i rilievi, in base ai segni lasciati dai veicoli sull’asfalto, per sviluppare in maniera approfondita gli accertamenti e risalire alle eventuali responsabilità.

Nel giro di qualche ora la notizia si è diffusa ad Altamura. Dino Striccoli era molto conosciuto per la sua attività professionale e per i trascorsi politici di consigliere comunale socialista e di assessore nella giunta guidata da Rachele Popolizio (2001-2004). Chiusa la parentesi politica, si era dedicato totalmente all’attività di ingegnere.

È un’altra vittima dell’incrocio sulla Altamura-Corato, che s’interseca appunto con un’altra provinciale, la 159, che a sua volta conduce alle direttrici per Gravina e Poggiorsini-Spinazzola da una parte e per Oasi San Giovanni-Ruvo dall’altra. All’origine dell’ultimo incidente non si escluderebbe l’errore umano del mancato rispetto di uno stop. Resta, però, la certezza che da anni è pronto un progetto della Città metropolitana per la realizzazione di una rotatoria di 40 metri di diametro ma non c’è traccia dei lavori, quindi l’iter amministrativo è ancora in corso.

Fermi restando i comportamenti alla guida, quell’incrocio sta diventando un cimitero di croci. C’è il flusso di veicoli più cospicuo per il collegamento Nord Barese-Murgia e il traffico complessivo è caratterizzato da un’importante componente di mezzi pesanti e furgoni commerciali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie