Domenica 31 Maggio 2020 | 19:53

NEWS DALLA SEZIONE

fase 2
Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

 
Via Manzoni pedonale? Fioccano i dubbi

Bari, via Manzoni pedonale? Fioccano i dubbi

 
L'INIZIATIVA
Mascherine tricolori, sit in sul lungomare

Bari, mascherine tricolori, sit in sul lungomare

 
la protesta
Bari, manifestazione Gilet arancioni: «Basta con le menzogne. La pandemia non esiste»

Bari, manifestazione Gilet arancioni: «Basta con le menzogne. La pandemia non esiste» FOTO

 
Nel barese
Ruvo, auto rubata e data alle fiamme in zona «Matine»

Ruvo, auto rubata e data alle fiamme in zona «Matine»

 
LA SENTENZA
Scatta la terza condanna a carico di «Cassa Prestanza»: dovrà versare 34mila euro a una ex dipendente comunale

Bari, «Cassa Prestanza» dovrà pagare buonuscita a ex dipendente comunale

 
emergenza coronavirus
Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

Fase 2 a Bari, Decaro incontra e ringrazia i volontari: «Siete la nostra forza»

 
Il concessionario Audi Magnifica
Bari, «Prestiti e formule per stimolare il mercato dell’auto»

Bari, «Prestiti e formule per stimolare il mercato dell’auto»

 
Emergenza
Snobbati i test a Gravina. In 25 su 40 non si fidano

Bimbo di 2 anni fa test sierologico a Gravina. Gli adulti lo snobbano: in 25 su 40, non si fidano

 
emergenza coronavirus
Bari, solidarietà, sorrisi e tablet ai bambini più svantaggiati

Bari, solidarietà, sorrisi e tablet ai bambini più svantaggiati del Libertà

 
Paesaggio
Il ponte di Gravina, da James Bond ai Luoghi del cuore

Il ponte di Gravina, da James Bond ai Luoghi del cuore del Fai

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

Fogliazza e i veleni sul Bari: uno sfogo, nulla di personale

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barifase 2
Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

Bari, distanze non rispettate: sanzionato titolare locale quartiere Murattiano

 
PotenzaVIOLENZA
Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

 
BrindisiFASE 2
Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

Brindisi, contrordine, ordinanza sospesa: locali aperti anche dopo mezzanotte

 
LecceIL DIBATTITO
Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

 
BatLA PROTESTA
Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

Barletta Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

 
Foggiaoperazione «Ares»
A San Severo mafia, droga e racket in 37 chiedono il rito abbreviato

San Severo, mafia, droga e racket: 37 chiedono rito abbreviato

 
MateraArte
Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

Fase 2 a Matera, riaprono i siti delle chiese rupestri nei Sassi

 
TarantoIl siderurgico
Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

Arcelor Mittal, parlamentari M5s: «Chiarire rinvio prescrizione Aia»

 

i più letti

TELEMEDICINA

Procreazione assistita al tempo del Covid: l'assistenza alle coppie di Bergamo arriva da Conversano

Il percorso consente mediante una piattaforma di telemedicina le prime consultazioni, con visita a distanza e i controlli dei primi esami

Procreazione assistita,  lo «Jaia»di Conversano in soccorso alle coppie di Bergamo

CONVERSANO - Procreazione assistita al tempo del Coronavirus. L’unità operativa di Fisiopatologia della riproduzione del «Florenzo Jaia» di Conversano va in soccorso delle coppie che devono ricorrere alla fecondazione assistita in Lombardia, in particolare quelle che si rivolgono all’ospedale «Giovanni XXIII» di Bergamo, una delle strutture italiane più coinvolte dall’emergenza Covid-19.

E’ il frutto di un progetto sperimentale di telemedicina, ribattezzato Smart Pma, attivo da qualche giorno, che «vuole dare la possibilità alle coppie che sono in attesa di trattamento - riporta una nota delle strutture sanitarie - di completare l’iter diagnostico e ottimizzare la preparazione alle cure per quando sarò possibile riprendere l’attività clinica». Il percorso messo a punto consente alle coppie di eseguire, mediante una piattaforma di telemedicina Fenix televisita, le prime consultazioni e i controlli dei primi esami, con la definizione degli step successivi, in attesa degli esami strumentali, come le ecografie, che verranno eseguite in ospedale appena possibile.

Fanno parte della rete anche alcuni dei maggiori centri pubblici italiani: il policlinico «San Martino» e l’ospedale evangelico internazionale di Genova, il «Moscati» di Avellino, il «Niguarda» di Milano, il «Sant’Orsola» di Bologna, il «Pertini» di Roma e il Centro Fivet di Torino. «Le coppie che devono ricorrere alla medicina per avere figli stanno vivendo l’attuale sospensione delle attività non urgenti come uno stop forzato del loro percorso e vedono allontanarsi sempre di più una risposta alle proprie esigenze, con ulteriore sofferenza per l’ansia del tempo che scorre e l’età che avanza - spiega Francesco Fusi, il fisiopatologo promotore della rete pma di telemedicina - la cura della fisiopatologia della riproduzione non è naturalmente una disciplina salva-vita ma ha un ruolo importante per il benessere psico-fisico di donne e uomini. Abbiamo quindi pensato di poter offrire un servizio prezioso sfruttando le nuove tecnologie, in modo da guadagnare tempo e seguire le coppie a casa per tutte quelle attività che non richiedono necessariamente un contatto diretto con i clinici».

Per effetto dei provvedimenti restrittivi finalizzati al contenimento dei contagi Covid, nella struttura di Conversano - che eroga in media 700 trattamenti l’anno e oltre 7mila prestazioni ambulatoriali - è attivo attualmente il servizio di Oncofertilità mirato alla preservazione di gameti e ovociti in pazienti oncologici candidati a trattamenti chemioterapici e radioterapici. «La recente sospensione dei trattamenti di Pma - spiega Giuseppe D’Amato, responsabile dell’Unità di Medicina della Riproduzione dello «Jaia» - ha finito con il gravare maggiormente sulle pazienti con bassa prognosi: vuoi per età che per la ridotta riserva ovarica. Da qui la necessità di garantire l’assistenza attraverso la smart pma in rete con altri centri».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie