Sabato 11 Luglio 2020 | 03:22

NEWS DALLA SEZIONE

Welfare
Fase 3 a Bari, 1270 domande a sostegno dei disabili gravi

Fase 3 a Bari, 1270 domande a sostegno dei disabili gravi

 
Il caso
Ruvo, si infittisce il mistero sulle ossa umane di via Ostieri

Ruvo, si infittisce il mistero sulle ossa umane di via Ostieri

 
Il caso
«Torre Quetta, rischio mafia la gestione torni al Comune»

«Torre Quetta a rischio mafia: la gestione torni al Comune»

 
La decisione
Bari, evase dal carcere di Foggia: Gip dispone scarcerazione per figlio boss

Bari, evase dal carcere di Foggia: Gip dispone scarcerazione per figlio boss

 
Turismo
Bari, blitz dei sindaci di Acquaviva e Casamassima in aeroporto: «Così si promuove il territorio»

Bari, blitz dei sindaci di Acquaviva e Casamassima in aeroporto: «Così si promuove il territorio»

 
Comunali
Conversano, corsa tra ex compagni di scuola: Loiacono sfida Lovascio

Conversano, corsa tra ex compagni di scuola: Loiacono sfida Lovascio

 
Via libera
Polignano, Costa Ripagnola: ok commissione a istituzione Parco

Polignano, Costa Ripagnola: ok commissione a istituzione Parco. La palla passa al Consiglio

 
Il caso
Terlizzi, «Lei è positivo». Ma è un errore. Incubo per un 45enne

Terlizzi, «Lei è positivo». Ma è un errore. Incubo per un 45enne

 
questa mattina
Bari, protesta braccianti agricoli davanti sede della Regione

Bari, protesta braccianti agricoli davanti sede della Regione

 

Il Biancorosso

calcio
Bari 13 luglio contro Ternana, ds Scala: «Sorteggio non molto favorevole»

Bari 13 luglio contro Ternana, ds Scala: «Sorteggio non molto favorevole»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa novità
Asl Taranto acquista capannone per Cittadella del Carnevale

Asl Taranto acquista capannone per Cittadella del Carnevale

 
Leccesport
Ciclocross, sarà Lecce ad ospitare il campionato italiano nel 2021

Ciclocross, sarà Lecce ad ospitare il campionato italiano nel 2021

 
BariWelfare
Fase 3 a Bari, 1270 domande a sostegno dei disabili gravi

Fase 3 a Bari, 1270 domande a sostegno dei disabili gravi

 
PotenzaIl caso
Potenza, violenza sessuale: confermata condanna a farmacista «spione»

Potenza, violenza sessuale: confermata condanna a farmacista «spione»

 
BrindisiPolitica
Torchiarolo, sciolto il Consiglio. Viceprefetto Coluccia commissario

Torchiarolo, sciolto il Consiglio. Viceprefetto Coluccia commissario

 
MateraGiustizia
Matera, annullata la sentenza a 6 anni di reclusione

Matera, annullata la sentenza a 6 anni di reclusione

 
Foggiacontrolli Polizia locale
Vieste. vendita merce contraffatta sulle spiagge: allontanati 5 venditori ambulanti con Daspo

Vieste, vendita merce contraffatta in spiaggia: allontanati 5 ambulanti con Daspo

 
BatNella Bat
Trinitapoli, scoperta maxi piantagione ci cannabis con oltre 3400 piante

Trinitapoli, scoperta maxi piantagione di cannabis con oltre 3400 piante

 

i più letti

Al tempo del Coronavirus

Bari, la denuncia: «Io prigioniera di Asclepios, in attesa del tampone»

Viaggio all’interno del girone dantesco di chi si sottopone al tampone, tra procedure incomplete e assistenza ai possibili malati Covid-19 tutta da cifrare

Bari, la denuncia: «Io prigioniera di Asclepios, in attesa del tampone»

Storie di ordinaria lotta al coronavirus, con viaggio all’interno del girone dantesco di chi si sottopone al tampone, tra procedure incomplete e assistenza ai possibili malati Covid-19 tutta da cifrare. Nei giorni scorsi una coppia barese, Nicola e Anna (nomi di fantasia per una storia reale) sono in apprensione per i rischi del contagio: Nicola ha avuto contatti con un collega positivo a fine febbraio e la moglie da sabato 14 marzo ha febbre (37-38°).

Questo il racconto alla Gazzetta. Nicola: «Sono stato alcuni giorni in quarantena volontaria e mi sono posto il problema di un eventuale contagio per i miei familiari, pur da possibile asintomatico. Il medico curante mi ha detto di monitorare la situazione, chiamando il numero verde regionale: il call center ha aperto la pratica su di noi». Poi la persistenza della febbre per Anna cambia tutto: «Dopo cinque giorni di febbre abbiamo contattato il 118 che è venuto a prendere mia moglie scandinava - aggiunge - dopo esplicita segnalazione di febbre da possibile Coronavirus. Gli operatori del servizio medico erano bardati con le tute: per ragioni di sicurezza si sono sincerati che Anna potesse scendere autonomamente evitando rischi con l’accesso in ambienti che potevano essere contaminati». Poi il trasferimento al Policlinico e l’ingresso in un «limbo» indefinito. Qui la descrizione è di Anna: «Sono arrivata alle 13,30 al Policlinico e sono passata da un nuovo doppio triage tra ambulanza e pronto soccorso. Mi hanno poi fatta sedere su una sedia, sola, in una sala di Asclepios una volta di radiologia, dove erano allocati, “temporaneamente” mi hanno detto, i potenziali Covid-19. Bene qui sono stata dalle 13,40 alle 22,30, salvo le visite degli infermieri per i prelievi, per l’eco al torace e il tampone, tutto a distanza di un’ora o due ore».

«Sono stata - aggiunge - sostanzialmente abbandonata senza possibilità di entrare e uscire nonché di rifocillarmi con acqua o alimenti, nessuna premura. Il bagno? Ho scoperto che c’era un wc in comune nel corridoio. Ma non a rischio contagio? Nella stanza vicino alla mia poltroncina c’era anche un secchio con siringhe usate alla portata di tutti, con la scritta potenziale infetto…». A fine serata il colpo di scena: «Alle 22,30, dopo nove ore, un medico mi ha detto che il mio esame non era rientrato tra i tamponi già analizzati e potevo scegliere tra attendere lì i risultati nella stessa stanza, su una sedia, o tornare a casa». E qui c’è un bug (un errore nel sistema, si direbbe in informatica): come si sposta un potenziale Covid senza auto? Il marito era in potenziale quarantena, restano i mezzi pubblici o il taxi (ma il servizio è quasi impossibile da recuperare per i timori degli autisti). O una ambulanza in fitto per il trasferimento. Anna si domanda: «Non c’era un letto per me. E se fossi stata una anziana? Sono tornata a casa a piedi, da sola. Possibile che non ci sia una modalità di gestione protocollata di un potenziale malato che ha fatto il tampone?». Infine l’attesa del responso: «Sul referto - chiarisce Anna - c’è scritto “sarà contatta se il test è positivo”. Non ho avuto notizie sulla tempistica dell’esame. Dopo ventiquattr’ore, per superare l’ansia e sapere se ero infetta o meno, ho chiamato il Pronto soccorso s e ho ottenuto il responso. Come mi è stato trasmesso? Per telefono…». Da qui la richiesta di Nicola e Anna: «Il possibile contagiato resta in uno spazio indefinito, senza normative che possano delimitare i suoi spostamenti o i suoi contatti. La quarantena di 14 giorni è un suggerimento o un invito. Chi combatte questa emergenza deve provare a porre rimedio alle défaillance che sono emerse dalla nostra esperienza», conclude la coppia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie