Martedì 18 Febbraio 2020 | 02:00

NEWS DALLA SEZIONE

le indagini
Bari, morì dopo essere arrivata in gravi condizioni al Policlinico: disposta autopsia

Bari, morì dopo essere arrivata in gravi condizioni al Policlinico: disposta autopsia

 
i controlli
Bari, a spasso con 5 chili di marijuana: arrestata nigeriana

Bari, a spasso con 5 chili di marijuana: arrestata nigeriana

 
23 febbraio
Papa a Bari, 50mila persone previste in città, il sindaco: «Siamo pronti»

Papa a Bari, 50mila persone previste in città, il sindaco: «Siamo pronti»

 
Questa mattina
Bitonto, inaugurata la «Cittadella del bambino»

Bitonto, inaugurata la «Cittadella del bambino»

 
Il fatto
Bari, rapper gira videoclip con assalto a portavalori ma arrivano i carabinieri

Bari, rapper gira videoclip con assalto a portavalori ma arrivano i carabinieri

 
L'iniziativa
A Bari si può dare l'ultimo saluto ai nostri amici a 4 zampe: le onoranze funebri «speciali»

A Bari si può dare l'ultimo saluto ai nostri amici a 4 zampe: le onoranze funebri «speciali»

 
Sanità
Altamura, la denuncia di Sasso (Lega): «la Regione scarica 300 bimbi disabili»

Altamura, la denuncia di Sasso (Lega): «la Regione scarica 300 bimbi disabili»

 
Banco Farmaceutico
Raccolta del farmaco cresce del 20% in Puglia: «Aiuteranno circa 33mila persone bisognose»

Raccolta del farmaco cresce del 20% in Puglia: «Aiuteranno circa 33mila persone bisognose»

 
Donazione di organi
Trapianti, Emiliano incontra le famiglie dei donatori: «La Puglia ha un cuore grande, ma si può fare di più»

Trapianti, Emiliano incontra le famiglie dei donatori: «La Puglia ha un cuore grande, ma si può fare di più»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa tragedia
Matera, 39enne si allontana da casa in auto: trovato morto in un dirupo

Matera, 39enne si allontana da casa in auto: trovato morto in un dirupo

 
PotenzaL'inchiesta
Potenza, maltrattamenti in Istituto Padri Trinitari: assolti

Potenza, maltrattamenti in Istituto Padri Trinitari: assolti

 
TarantoStalking
Perseguita e violenta per 4 mesi una donna: arrestato 49enne nel Tarantino

Perseguita e violenta per 4 mesi una donna: arrestato 49enne nel Tarantino

 
FoggiaL'aggressione
San Severo, giovane di 32 anni accoltella anziano all'addome

San Severo, un trentaduenne accoltella anziano all'addome

 
LecceIl caso
Lecce, detenuto da fuoco alla sua cella: intossicati 5 agenti penitenziari

Lecce, detenuto dà fuoco alla sua cella: intossicati 5 agenti penitenziari

 
NewsweekLa storia
Barletta, il «ragazzo delle farfalle» morto sulla strada. I genitori nelle scuole: mai più

Barletta, il «ragazzo delle farfalle» morto sulla strada. I genitori nelle scuole: mai più

 
BrindisiPallacanestro
Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

 

i più letti

arti marziali

Kempo Dankan: la prima italiana cintura nera in questa disciplina è una barese

Si chiama Flora Salerno, ha 42 anni ed è una farmacista

Kempo Dankan: la prima italiana cintura nera in questa disciplina è una barese

A vederla, non puoi che riconoscerle un’anima tersicorea. Bionda e delicata, dolce sorriso, sottile come un giunco. Il suo destino? Non altro che volteggiare sulle punte. Non bastasse, l’equivoco ulteriore è se la incontri competente e professionale dietro al banco di farmacia a Bitritto: dal 2005 in camice bianco, una laurea conseguita nel 2002 in chimica farmaceutica. Ma guarda, allora è una farmacista, non una ballerina. E invece, Flora Salerno, quarantaduenne barese, è la prima Maestra donna in Italia di Kempo Dankan, disciplina di arti marziali. Dal 1971, ovvero da quando è stato fondato il Kempo, è la prima donna che riesce a conseguire la cintura nera.

«Il 1° gennaio 2020, dopo 18 anni di pratica - racconta orgogliosa -. Sono sempre stata affascinata dalle arti marziali ma cercavo una disciplina che non consentisse l’uso della violenza. Attraverso alcuni amici sono venuta a conoscenza del Kempo Dankan, mi ha conquistata per i suoi valori di base».
«La disciplina nasce in Italia, seppure di matrice orientale – spiega – codificata da un maestro di San Severo, il gran maestro Michele Masucci».
Il Kempo, infatti, antichissima disciplina ginnico-marziale ispirata ai vari aspetti filosofici del Bramanesimo, Taoismo, Confucianesimo e Buddhismo Zen, ha alla base un metodo elaborato nel XVII secolo d.C. da tre maestri cinesi; un monaco Zen, uno taoista e un esperto combattente delle scuole popolari. Riuniti nel monastero di Shao Lin, si scambiarono le differenti esperienze tecnico-teoriche per raggiungere una conoscenza marziale più estesa della tradizione del tempo. Dopo mesi di lavoro definirono un metodo nuovo e unico per finalità e contenuti.

«Da questi presupposti il maestro Michele Masucci, già cintura nera di Bujintsu Kempo e Shotokan Karate, ha codificato nel 1971 il Kempo Dankan – spiega Salerno - e fondato il Cisok, federazione che raccoglie i primi praticanti».
La scuola è tuttora guidata da Masucci: nel 1992, introducendo il Kempo Dankan nel contesto internazionale delle arti marziali, è stato riconosciuto General teacher ed insignito della cintura rossa 9° grado dall'Ibf - International budo federation. Il fondamento filosofico e laico del Ken Sensei Dankan Po, abbreviato in Kempo Dankan, si basa sull’armonia tra l’uomo, la società e la natura.
«Il Kempo Dankan è un vero e proprio stile di vita, un dialogo con se stessi e con il proprio corpo – spiega Salerno –. Non c'è contatto fisico, l’avversario non è il nemico da battere, ma lo strumento per superarsi. Infatti è proibito colpire, se sei aggredito non devi reagire. Ruota tutto attorno al controllo degli istinti primordiali, della pulsione istintiva. Autocontrollo e mentalità non violenta».

Le regole del Kempo Dankan parlano di educazione allo spirito di sacrificio, all’azione disinteressata, alla lealtà, alla ricerca dell’equilibrio mentale e armonia delle emozioni, alla fiducia nelle proprie capacità, al raggiungimento della percezione dell’armonia universale presente nel proprio intimo. Nonché al al potenziamento del livello di salute.
«Pratico regolarmente ormai dalla fine degli studi. Non mi sono fermata nemmeno in gravidanza». Sorride. Flora ha due figli, un maschio di 9 anni e una femmina di 6.
«Il mio maestro, Daniele De Sario, è medico; questo contribuiva a rassicurarmi. Ho praticato fino al settimo mese per il primo figlio, fino al sesto per la seconda -. ci racconta -. Tra l’altro praticavo anche da sola perché le arti marziali favoriscono il travaglio».
Flora Salerno continua ad allenarsi con il maestro 8° dan Daniele De Sario, ed è presidente da tre anni della «Daishi Kempo Kai» di Bari.

«La scuola madre rimane a San Severo, oltre Bari c’è un’altra palestra a Modugno. Non siamo in molti a praticare, purtroppo - spiega Flora –. Io pratico tre volte alla settimana per un'ora e mezza, ma dall’allenamento esco rigenerata. Il messaggio che vorrei passasse, alle donne soprattutto, è di non sentirsi in colpa se dedicano tempo al loro benessere, fisico e psicologico. Io faccio Kempo. Lavoro, ho due figli e un marito. Non si tratta di sottrarre tempo a nessuno, ma di funzionare al meglio. Per dare il meglio. L’obiettivo è essere felici».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie