Sabato 29 Febbraio 2020 | 08:35

NEWS DALLA SEZIONE

l'emergenza
Il Coronavirus ferma il Carnevale di Putignano: niente festa della Pentolaccia

Il Coronavirus ferma il Carnevale di Putignano: niente festa della Pentolaccia

 
a picone
Bari, svaligiano appartamento di una pensionata: 3 ladri colti in flagrante

Bari, svaligiano appartamento di una pensionata: 3 ladri colti in flagrante

 
Do ut des
Mafia a Bari, la sentenza: «clan Parisi imponeva guardiani e case popolati»

Mafia a Bari, la sentenza: «clan Parisi imponeva guardiani e case popolari»

 
Ironia sul web
Il «Virus Corona» diventa una canzone firmata da Rimbamband e Renato Ciardo

Il «Virus Corona» diventa una canzone firmata dalla Rimbamband

 
La recensione
Libertà verticale la nuova via del Mediterraneo

Libertà verticale la nuova via del Mediterraneo

 
La curiosità
Sannicandro, farmacia regala Amuchina ai clienti: «La vostra salute ci sta a cuore»

Sannicandro, farmacia regala Amuchina ai clienti: «La vostra salute ci sta a cuore»

 
La curiosità
Gli studenti di Gravina sfornano il robot appassionato di arte, storia e teatro

Gli studenti di Gravina sfornano il robot appassionato di arte, storia e teatro

 
Le indagini
Bari, disposto incidente probaborio sui resti di Margherita, la 50enne polacca

Bari, disposto incidente probaborio sui resti di Margherita, la 50enne polacca

 
L'iniziativa
Triggiano, la raccolta di alimenti per i poveri viaggia online

Triggiano, la raccolta di alimenti per i poveri viaggia online

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, Monopoli e Potenza: il secondo posto infiamma

Bari, Monopoli e Potenza: il secondo posto infiamma

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggianel foggiano
Manfredonia, rubò fucili e gioielli da casa della ex, ma perse un bracciale durante il furto: preso insieme a un complice

Manfredonia, rubò fucili e gioielli da casa della ex, ma perse un bracciale durante il furto: preso insieme a un complice

 
LecceL'allarme
Coronavirus, chiude a Lecce ristorante cinese: non viene nessuno

Coronavirus, chiude a Lecce ristorante cinese: non viene nessuno

 
TarantoNel Tarantino
Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

 
Batcoronavirus
Trani, il sindaco dispone chiusura scuole per sanificazione

Bat, scuole chiuse per sanificazione

 
Brindisidai carabinieri
S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

 
Materarifiuti
Matera, il grande pasticcio della differenziata

Matera, il grande pasticcio della differenziata

 

i più letti

Delitto Sciannimanico

Bari, i giudici di appello sul killer Perilli: mai pentito dell'omicidio

IL caso dell'agente immobiliare ucciso il 26 ottobre del 2015 al rione Japigia

perilli omicidio sciannimanico

«Ciò che ha creato più sconcerto è che Perilli non abbia mai rappresentato alcun pentimento o ravvedimento per quanto accaduto e, soprattutto, non abbia mai inteso spendere una sola parola di compassione nei confronti dei parenti e della fidanzata di Giuseppe Sciannimanico o di mera partecipazione allo straziante dolore da costoro provato a causa della propria azione».

E’ un passaggio delle motivazioni con le quali la Corte di Assise di Appello di Bari ha confermato nel novembre scorso la condanna all’ergastolo per Roberto Perilli, l'agente immobiliare barese imputato in qualità di mandante dell’omicidio del collega 28enne Giuseppe Sciannimanico, ucciso il 26 ottobre 2015. Stando alla ricostruzione accusatoria, condivisa dai giudici, Perilli avrebbe commissionato il delitto al pregiudicato Luigi Di Gioia (condannato in abbreviato a 30 anni di reclusione) perché temeva per i suoi affari.

Per i giudici Perilli avrebbe «predisposto scientificamente un agguato mortale, costruito sulla base di stratagemmi che soltanto un esperto professionista delle dinamiche della attività delle agenzie immobiliari avrebbe potuto conoscere: Di Gioia, autonomamente, di certo non sarebbe stato in grado di ideare e preparare una trappola così articolata».

«La trappola organizzata - spiega la Corte - si concilia con la inequivoca manifestazione della volontà di aggredire l’incolumità della persona della vittima. Il tipo di ferite prodotte, due colpi netti sparati in parti vitali del corpo (spalla e capo, ndr), evidenziando il carattere estremo dell’intento e, quindi, non si può dubitare che proprio l’uccisione fosse il mandato consegnato al sicario, così come comprovato dalle specifiche e agghiaccianti modalità dell’azione posta in essere dall’auto materiale del delitto: una vera e propria esecuzione».

Nella sentenza i giudici definiscono le «modalità dell’azione raccapriccianti, di eccezionale pervicacia e di rara ed elevatissima intensità è il dolo che ha sorretto la condotta» e "ciò non può che attribuire un grado particolarmente elevato alla capacità a delinquere del colpevole, determinatosi ad agire per uno spregevole movente nelle fasi della ideazione, della preparazione e della esecuzione del reato».  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie