Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 21:47

NEWS DALLA SEZIONE

La tragedia
Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

 
Il caso
Bari, omicidio Perez: ridotta condanna al padre dell'assassina

Bari, omicidio Perez: ridotta condanna al padre dell'assassina

 
Il caso
Ospedale in Fiera: «Niente visite a pagamento. Per i medici solo spazi amministrativi»

Ospedale in Fiera: «Niente visite a pagamento. Per i medici solo spazi amministrativi»

 
Il virus
Covid 19, spenti 2 focolai a Ruvo, il sindaco: «Capitolo doloroso»

Covid 19, spenti 2 focolai a Ruvo, il sindaco: «Capitolo doloroso»

 
L'evento
Giornata della Memoria, Frediano Sessi domani sarà ospite del Comune di Giovinazzo

Giornata della Memoria, Frediano Sessi domani sarà ospite del Comune di Giovinazzo

 
L'iniziativa
Bari, dai biscotti al tiramisù: un laboratorio di pasticceria per 40 ragazzi del Redentore

Bari, dai biscotti al tiramisù: un laboratorio di pasticceria per 40 ragazzi del Redentore

 
Lotta al virus
Covid 19, i vaccini in arrivo in Puglia: scortati dalla Polizia

Covid 19, i vaccini in arrivo in Puglia: scortati dalla Polizia

 
Il documento
Reati fiscali in Puglia, arriva il protocollo d'intesa tra Procura Bari, Gdf e Agenzia entrate

Reati fiscali in Puglia, arriva il protocollo d'intesa tra Procura Bari, Gdf e Agenzia entrate

 
Il caso
Bari, bimbo morto asfissiato, il Garante: «Il cell non può sostituire i genitori». La psicologa: «Responsabilizzare gli adulti

Bari, bimbo morto asfissiato, il Garante: «Il cell non può sostituire i genitori». La psicologa: «Responsabilizzare gli adulti»

 
Il caso
Bitritto, tragedia sfiorata: crolla controsoffitto all’ingresso dell’ufficio postale

Bitritto, tragedia sfiorata: crolla controsoffitto all’ingresso dell’ufficio postale

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa tragedia
Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

 
Brindisia S. Michele Salentino
Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

 
TarantoL'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 
PotenzaSHOAH
Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

 
FoggiaIl caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
BatIl caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
MateraIl caso
Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

 
LecceIl caso
Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

 

i più letti

l'evento

Uniba: per la prima volta studente rifugiato si laurea in Scienze Politiche. La cerimonia

Si chiama Afewerki Ghebremichael, è arrivato nel 2010 dall'Eritrea e ha 35 anni

Palazzo Ateneo sito in Piazza Umberto I, 1, 70121 Bari

Afewerki Ghebremichael è il primo studente rifugiato laureatosi all’Università 'Aldo Moro' di Bari. Nel pomeriggio c'è stata la cerimonia di consegna della pergamena di laurea alla presenza del rettore Stefano Bronzini. L'evento si è tenuto in apertura del seminario di studio su 'Valorizzazione dei titoli e delle competenze di migranti e rifugiatì a cura del centro per l’apprendimento permanente (Cap) dell’ateneo sorto nel 2016 nell’ambito del progetto di integrazione dei migranti. «E' un momento di grande soddisfazione - ha detto il rettore Bronzini - per l’Università tutta, è solo l’inizio di altre esperienze di integrazione che continueremo a realizzare nelle nostre aule. Siamo orgogliosi di lanciare un messaggio di pace e di collaborazione internazionale in un momento storico come questo».

«Ho lasciato in Eritrea la mia famiglia e tutta la mia gente - ha detto Ghebremichael -, sono arrivato a Bari nel 2010 dopo un lungo viaggio e sono stato accolto con affetto dalla grande famiglia dell’ateneo barese. Le difficoltà sono state molto soprattutto per l’apprendimento della lingua italiana molto diversa dalla mia. Ora dopo la laurea triennale in scienze politiche proseguirò gli studi con la specialistica in diritto internazionale presso l’Università di Bologna dove sono stato ammesso al corso universitario in inglese».

«E' una grande soddisfazione per l’intera comunità formativa dell’ateneo - ha detto la coordinatrice del Cap, Fausta Scardigno - è un punto di arrivo ma anche di partenza perché questo è un risultato di squadra e lo stesso risultato dobbiamo farlo ottenere agli altri studenti internazionali seguiti dal nostro ateneo. Questa è una settimana particolare, partita ieri e che finirà venerdì prossimo, perché i valutatori del Consiglio d’Europa considereranno le competenze pregresse di 47 rifugiati che, anche in assenza del titolo di studio originale, potranno essere inseriti nei nostri corsi di laurea».

«E' un dovere per le istituzioni che accolgono per l’istruzione terziaria - ha proseguito Scardigno - e noi siamo tra le università che aderiscono al manifesto delle Università Inclusive promosso dall’UNHCR garantendo che il capitale umano non vada sprecato e quindi valorizzato. E’ necessario che il simbolo di quella pagella trovata nella tasca del bambino annegato insieme ad altri profughi rimanga nella memoria di tutti come necessità di riconoscimento di quella che è la formazione acquisita nel proprio Paese di origine per poter ripartire in una formazione sempre più ampia».

Il giovane si è laureato in Scienze politiche all’Università di Bari. Nel 2010 arrivò in Italia in fuga dall’Eritrea ottenendo lo status di rifugiato politico. 

In una nota l’Università ripercorre le tappe che hanno portato lo studente alla laurea dopo aver vinto la borsa di studio di 'Crui-Ministero dell’Interno-Andisu, «grazie alla quale si è potuto iscrivere al corso di laurea in Scienze Politiche, Relazioni internazionali e Studi europei di Bari. E laurearsi con una tesi sull'Eritrea nella politica estera italiana dal 1949 al 1991».
Nel suo Paese, evidenzia l’Università, Ghebremichael aveva conseguito il diploma in Scienze Infermieristiche e collaborato per due anni come assistente medico in un ospedale. Poi, però, lavorando con organizzazioni internazionali che si occupano di migranti, «ha scoperto che non solo gli piaceva la mediazione culturale ma ha capito che voleva studiare relazioni internazionali». Si avvicina con questa motivazione al Centro per l’apprendimento permanente (Cap) dell’università di Bari che nel frattempo stava portando avanti il master breve in 'Immigrazione, diritto e pratiche di inclusionè. E il Cap lo "aiuta a ottenere i documenti necessari per l’iscrizione ai corsi accademici, occupandosi del riconoscimento dei titoli di studio pregressi, primo passo per l’integrazione accademica».

Dal 18 al 22 novembre, informa l’Ateneo, il Cap ospiterà i valutatori del Cimea e del Consiglio d’Europa che hanno scelto l'Università di Bari per la Settimana del Passaporto Europeo delle Qualifiche dei rifugiati beneficiari di asilo politico o protezione internazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie