Lunedì 10 Agosto 2020 | 18:15

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Porti Bari e Brindisi, accordo con Cdp per infrastrutture

Porti Bari e Brindisi, accordo con Cdp per infrastrutture

 
Il video
L'ultima cena del Continental a Bari: i clienti cantano «Senza te» e lo chef si commuove

L'ultima cena del Continental a Bari: i clienti cantano «Senza te» e lo chef si commuove

 
L'INTERVISTA
Michielin: il mio show «distanziato», ma come se fossimo allo stadio

Parola di Francesca Michielin: «il mio show «distanziato», ma come se fossimo allo stadio»

 
Criminalità
Bitonto, armati di pitsola rapinano auto a 3 donne che fanno benzina

Bitonto, armati di pistola rapinano auto a 3 donne che fanno rifornimento di benzina

 
L'INDAGINE
Boom del telelavoro a Bari e provincia

Boom del telelavoro a Bari e provincia

 
RICONOSCIMENTO
Corato è una «Città che legge»

Corato è una «Città che legge»

 
IL FATTO
Gioia del Colle, accoltellato in strada durante una lite

Gioia del Colle, accoltellato in strada durante una lite

 
l'Incidente
Altamura, tragico schianto su via Laterza. Muore 67enne

Altamura, tragico schianto su via Laterza. Muore 67enne

 
La storia
Dal Lussemburgo a Monopoli il caso dei sei positivi fantasma

Covid-19, dal Lussemburgo a Monopoli il caso dei sei positivi «fantasma»

 
fase 3
Bari, 20mila rinnovi carte identità elettroniche: approvato progetto per smaltire arretrati Covid

Bari, 20mila rinnovi carte identità elettroniche: approvato progetto per smaltire arretrati Covid

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Vivarini attende, Scala in bilico. Avanza Auteri: altre novità in vista

Vivarini attende, Scala in bilico. Avanza Auteri: altre novità in vista

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Arcelor Mittal, i Genitori Tarantini «delusi7 dalle parole di Conte: «La città va salvata»

Arcelor Mittal, i Genitori Tarantini «delusi7 dalle parole di Conte: «La città va salvata»

 
GdM.TVIl video
L'ultima cena del Continental a Bari: i clienti cantano «Senza te» e lo chef si commuove

L'ultima cena del Continental a Bari: i clienti cantano «Senza te» e lo chef si commuove

 
MateraCovid 19
Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

 
FoggiaNuovi contagi
Foggia, 4 migranti di Borgo Mezzaone sono positivi al Coronavirus

Foggia, 4 migranti di Borgo Mezzanone sono positivi al Coronavirus

 
LecceL'INTERVISTA
La ricerca internazionale scommette nel Salento

La ricerca internazionale scommette nel Salento

 
BrindisiVANDALISMO
Brindisi, discarica abusiva perenne, i residenti denunciano: «Ignorati dalle istituzioni»

Brindisi, discarica abusiva perenne, i residenti denunciano: «Ignorati dalle istituzioni»

 
BatMALASANITÀ
Barletta, «Il ricovero-odissea di mia sorella tra attese e mancanza di acqua e cibo»

Barletta, «Il ricovero-odissea di mia sorella tra attese e mancanza di acqua e cibo»

 
PotenzaL'INTERVISTA
«Per uscire dalla crisi serve la verità»

Potenza, «Per uscire dalla crisi serve la verità»: la Chiesa suona la sveglia alla Basilicata

 

i più letti

lavoro

Bari, tra moda e tradizione parla il sarto Antonio Fanelli: «Non chiamatelo mestiere perduto»

A fronte del declino delle botteghe c'è chi lavora ancora, prediligendo la qualità

Bari, tra moda e tradizione parla il sarto Antonio Fanelli: «Non chiamatelo mestiere perduto»

Il metro a nastro che pende attorno al collo. Gli spilli appuntati al maglione. Le mani sporche di gessetto. La macchina da cucire sempre in movimento.
Il mestiere del sarto, quello per intenderci dei film del neorealismo italiano, non pare godere di buona salute nel XXI secolo. Complici le catene di abbigliamento low cost, gli outlet di veri finti affari, il mercato concorrenziale cinese.
«Quando non riuscirò più a lavorare, la mia sartoria chiuderà battenti per sempre». Antonio Fanelli ha 85 anni e appartiene ad una famiglia di sarti da 5 generazioni. I suoi tre figli non hanno nessuna intenzione di continuare «Troppi sacrifici - racconta Fanelli - – per vivere comunque sul filo delle spese e lavorando senza tregua».
La storica sartoria di via de Rossi riesce a mantenersi grazie ad una clientela ristretta e di alto livello, rimasta fedele al taglio impeccabile di Antonio e del fratello Gioacchino, da poco scomparso.

Eppure negli anni ha vestito ministri, onorevoli, calciatori. Persino un gruppo di ministri dell'Etiopia, giunti a Bari per un matrimonio di «vip». E i tessuti, quelle meraviglie di filati che solo a guardarli ti immaginavi il risultato finale? «Li prendo a contrassegno - racconta Fanelli - ho il campionario, il cliente sceglie e mi faccio spedire quello che mi viene richiesto. Non mi conviene tenerli in bottega».
Sempre più rare, dunque, le insegne dei laboratori di sartoria. «Ora posso permettermi solo un dipendente, sempre lo stesso da 45 anni.- racconta Fanelli. È un mestiere che richiede apprendistato e che tramanderei tanto volentieri ai ragazzi che pure fossero interessati. Se organizzassero corsi, anche comunali, sarei pronto a insegnare gratis. Ma non posso tenere altri dipendenti, proprio non ce la faccio con le spese».

C’è chi invece ha fatto di tutto per seguire il suo sogno: «Sì, ho voluto assecondare la mia grande passione per la moda - racconta Teresa, che svolgeva tutt’altra professione - e aprire un laboratorio sartoriale. Sono sempre stata affascinata dalla ricerca dei tessuti. Ma da alcuni mesi ho dovuto cedere la mia attività». La qualità premia, i costi dei capi sono proporzionati rispetto ai materiali usati, ma le multinazionali della moda hanno spesso la meglio. Anche se i loro abiti durano una sola stagione.

E l’artigiano, il sarto? «Se lavora da solo, senza dipendenti, può farcela a mantenere la sua attività. - spiega Teresa - Ma se hai dipendenti, tra tasse e burocrazie varie, non puoi reggere». Lontani i tempi delle «sartine», quando nell’immediato dopoguerra rappresentavano i primi passi di una latente imprenditorialità al femminile, sebbene lavorassero spesso gratis e a servizio.
La storia di Nunzia De Chirico, invece, è quella di una bambina nata con l’ago tra le mani. Una sartoria che si tramanda da generazioni, iniziata da nonna Rosetta, e che Nunzia, affiancata dalle nipoti Cinzia e Gabriella, ha svoltato dal 1980 in scuola di taglio, dopo averne fatto per un periodo sartoria da donna. «L’atelier Cinzia adesso ha 10 iscritti alla scuola di taglio - raccontano - ci sono stati certo momenti migliori. Per esempio, solo quattro cinque anni fa gli iscritti erano più del doppio». La piccola voce fuori dal coro, a detta dell’atelier: sono aumentati i ragazzi che si riavvicinano al mestiere. «La sartoria di qualità come investimento per il futuro».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie