Mercoledì 16 Ottobre 2019 | 21:25

NEWS DALLA SEZIONE

A Bari
Canta in via Sparano per studiare in Puglia: l'odissea di un soprano russo

Canta in via Sparano per studiare in Puglia: l'odissea di un soprano russo

 
lavoro
Bitritto, sciopero Solution 30 Italia: in 99 rischiano il posto

Bitritto, sciopero Solution 30 Italia: in 99 rischiano il posto

 
nel Barese
Corato, rapinarono negozio in centro: arrestati padre e figlio

Corato, rapinarono negozio in centro: arrestati padre e figlio

 
nel Barese
Casamassima, rapina, furti d'auto ed estorsioni al centro commerciale: 51enne in carcere

Casamassima, rapina, furti d'auto ed estorsioni al centro commerciale: 51enne in carcere

 
sanità
Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

 
nel primo pomeriggio
Bari, anziano investito da moto mentre attraversa la strada, centauro fuggito

Bari, anziano investito da moto mentre attraversa la strada, centauro fuggito

 
Lingua italiana
Bari, in piazza Diaz un dizionario gigante per le parole da «salvare»

Bari, in piazza Diaz un dizionario gigante per le parole da «salvare»

 
la misura
Il questore: «Niente cellulari per Lestingi, patron di 'Meraviglioso Natale'»

Il questore: «Niente cellulari per Lestingi, patron di 'Meraviglioso Natale'»

 
tra Polignano e Cozze
Comitato Via: «Validi i permessi di Costa Ripagnola, ma potrebbe servire una variante»

Comitato Via: «Validi i permessi di Costa Ripagnola, ma potrebbe servire una variante»

 
a carrassi
Bari, stalking all'ex compagno fino a rompergli un braccio: misure per un 34enne

Bari, stalking all'ex compagno fino a rompergli un braccio: misure per una 34enne

 
sogni e lavoro
La favola di Pasquale, da Mola a New York per aprire un megastore di caramelle

La favola di Pasquale, da Mola a New York per aprire un megastore di caramelle

 

Il Biancorosso

lega pro
Sabbione, il Bari ha un bomber «di scorta», già tre reti per lui

Sabbione, il Bari ha un bomber «di scorta», già tre reti per lui

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoTaranto
Dl imprese, M5S punta i piedi: no a immunità penale ex Ilva: «Non serve»

Dl salva imprese, M5S punta i piedi: no a immunità penale ex Ilva: «Non serve»

 
LecceIncidente mortale
Lecce, contromano sulla statale: confermati arresti per carabiniere

Lecce, contromano sulla statale: confermati arresti per carabiniere

 
PotenzaL'anniversario
Fca festeggia i 25 anni impianto di Melfi: è tra i più innovativi al mondo

Fca festeggia i 25 anni impianto di Melfi: è tra i più innovativi al mondo

 
BrindisiPreso dalla Polizia
Brindisi, spacciava in casa cocaina e marijuana: in cella un 45enne

Brindisi, spacciava in casa cocaina e marijuana: in cella un 45enne

 
Foggiail blitz
Mafia e droga a Foggia: 5 arresti, anche un agente della Polizia Locale

Mafia e droga a Foggia: 5 arresti, anche un agente della Polizia Locale

 
BariA Bari
Canta in via Sparano per studiare in Puglia: l'odissea di un soprano russo

Canta in via Sparano per studiare in Puglia: l'odissea di un soprano russo

 
BatDanza
«Libero Corpo»: a Bisceglie Regione Puglia finanzia corso di formazione per danzatori professionisti

«Libero Corpo»: a Bisceglie Regione Puglia finanzia corso di formazione per danzatori professionisti

 
Materamorirono in 2
Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

 

i più letti

Le dichiarazioni

Bari, ministro Provenzano in Fiera: «Per il Sud cruciale il rapporto con l'Europa»

Il ministro per il Sud e la coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, ha annunciato da Bari le «cinque missioni per la coesione» che saranno le linee guida della sua attività

Bari,  ministro Provenzano in Fiera: «Per il Sud cruciale il rapporto con l'Europa»

Il ministro per il Sud e la coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, ha annunciato da Bari le cinque missioni per la coesione» che saranno le linee guida della sua attività. Provenzano ha partecipato oggi con il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ad una conferenza stampa sul tema 'Sud e Europa, una nuova prospettiva per l’Italià.

Le cinque missioni elencate dal ministro sono: «lotta alla povertà educativa minorile», destinando risorse fino a 15 miliardi di euro, «spezzare l’isolamento del Mezzogiorno» investendo in «infrastrutture materiali e immateriali» e nella «infrastrutturazione ambientale e sociale», «anticipare nel Sud il "green new deal"», il «trasferimento tecnologico e la rete dei talenti, un’idea che vorrei lanciare oggi per la prima volta» ha detto il ministro, e infine «correre con l’istituzione delle Zes, incentrate sulla logistica marittima».

«L'urgenza è mettere in salvo la programmazione 2014-2020, arrivare nel 2019 a scongiurare il rischio di disimpegno di risorse europee, che purtroppo c'è. Ci sono realtà che rischiano di perdere già nel 2019 decine di milioni di euro. Ci deve essere uno sforzo congiunto delle amministrazioni regionali e dei ministeri perché non vada sprecato o perduto un solo euro». Lo ha detto dalla Fiera del Levante di Bari il ministro per il Sud e la coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, sottolineando che per lo sviluppo del Sud «è cruciale il rapporto con l’Europa».

A questo proposito il ministro ha evidenziato che «per la prima volta dopo tanti anni il commissario europeo per politiche di coesione è una donna, ed è una del sud Europa».

«I paesi del sud Europa - ha aggiunto - sono stati quelli più penalizzati dalla crisi e in cui il bisogno di politiche di riequilibrio è decisivo»

«Provare a mettere insieme tutti gli strumenti per sancire il diritto a restare» è uno degli impegni annunciati dal ministro per il Sud e la coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, che oggi ha partecipato ad un incontro con la stampa nella Fiera del Levante di Bari.

«Non cederò alla retorica 'piagnisteo della emigrazionè, - ha detto il ministro - credo che sia fondamentale assicurare la libertà di andare e fare esperienze, ma anche offrire l'opportunità di tornare e creare le condizioni per avere un diritto a costruirsi un futuro, se uno lo vuole, nel luogo in cui nasce, nei luoghi che ama. La mobilità è una conquista quando è una scelta, ma se diventa l’unica via di mobilità sociale è una sventura che prepara altre sventure».

Provenzano ha spiegato che «ci sono misure specifiche che vanno rafforzate, 'Resto al sud’è una di queste, ma «è una sfida che non riguarda solo il Mezzogiorno, - ha aggiunto - perché lo stesso diritto a restare è quello che hanno le valli del Piemonte, del Veneto e della Lombardia che si stanno spopolando».

«Lo strumento imprescindibile, la pre-condizione, la prima vera politica di coesione nazionale di cui avremmo bisogno è mettere al centro la lotta alle mafie e alla corruzione, che purtroppo è quello che ha unificato il Paese in tutti questi anni». Lo ha detto a Bari il ministro per il Sud e la coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, elencando gli strumenti per il rilancio del Mezzogiorno.

«Non dobbiamo inventarne nuovi - ha detto il ministro - ma far funzionare quello che c'è. Molti strumenti si sovrappongono in termini di competenze e responsabilità, penso alle agenzie di sviluppo, e abbiamo bisogno di definire confini di competenza chiari che evitino sovrapposizioni».

«Penso che Palazzo Chigi - ha continuato Provenzano - debba prendere in mano una regia sul complesso degli investimenti pubblici nel paese e che si doti di quei bracci operativi che sono le agenzie di sviluppo». Ha quindi rilanciato l’idea di una «Banca pubblica per gli investimenti» e di «rafforzare la Banca per il mezzogiorno».

«Abbiamo bisogno - ha detto ancora Provenzano - di rafforzare la capacità amministrativa a tutti i livelli e di riaprire le porte di accesso della pubblica amministrazione a una nuova generazione che, in particolare nel mezzogiorno, ha molto da dare».

LA SFIDA DI MATERA - «La Sfida di Matera deve riguardare il Mezzogiorno soprattutto dopo il 2019, può essere un esempio di quanto l’investimento in industria culturale e creativa sia uno dei settori su cui immaginare lo sviluppo del Mezzogiorno». Lo ha detto il ministro per il Sud e la coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, partecipando nella Fiera del Levante di Bari ad una conferenza stampa sul tema 'Sud e Europa, una nuova prospettiva per l’Italià.

«Mi recherò a Matera, conto di chiamare il sindaco nelle prossime ore, per capire cosa si può fare nelle ultime settimane di Matera Capitale europea della Cultura 2019» ha detto Provenzano.

«Le stime dicono - ha aggiunto il ministro - che se avessimo un livello di attività nel settore dell’industria culturale e creativa paragonabile a quello del centro-nord e alla media europea, si libererebbe la possibilità di 200mila posti di lavoro nel Mezzogiorno, di qualità e rivolto alle competenze dei giovani. Quando diciamo che il Sud deve tornare a produrre, - ha concluso - ci riferiamo proprio alla nuova industria in cui l'industria culturale e creativa ha ruolo essenziale»

IL RAPPORTO CON ANCI E COMUNE - «Dobbiamo fare uno sforzo concordato con le Regioni e con i Ministeri per far spendere a quegli enti che ne hanno più bisogno, gli enti locali. Chiederò al presidente dell’Anci, Antonio Decaro, un impegno straordinario per capire come riprogrammare risorse e fondi di coesione per farli arrivare immediatamente ai Comuni». Lo ha annunciato dalla Fiera del Levante di Bari il ministro per il Sud e la coesione territoriale, Giuseppe Provenzano.
«Un’altra cosa da fare - ha detto il ministro - è una banca di buone prassi sulla programmazione, mettiamoci in rete, tutte le autorità di gestione, regionali e nazionali, e capiamo cosa ha funzionato per importarlo altrove». Per Provenzano «il Sud non è una causa persa. È interesse dell’Italia e in primo luogo delle regioni del Nord investire nel Mezzogiorno, nel nostro mercato interno, che oggi attiva circa il 14% del Pil centrosettentrionale». «Il messaggio che dobbiamo lanciare - ha concluso il ministro - è che investire al sud fa bene a tutta l’Italia e anche al centro-nord. Questa è la nostra priorità, ed è in discontinuità con gli ultimi 20 anni in cui l’Italia si è avvitata in una contrapposizione territoriale tra nord e sud che ha fatto male all’intero paese. Dobbiamo fare del Mezzogiorno l’area in cui sperimentare, avviare, anticipare il modello di sviluppo che dobbiamo realizzare in tutta Italia domani». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie