Martedì 28 Gennaio 2020 | 23:21

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente a Japigia
Bari, investe con l'auto un motociclista in via Caldarola e fugge: beccato dalla polizia

Bari, investe con l'auto un motociclista in via Caldarola e fugge: beccato dalla polizia

 
Le dichiarazioni
Palagiustizia Bari, Bonafede: «In 6 mesi da tendopoli a palazzo di 10 piani»

Palagiustizia Bari, Bonafede: «In 6 mesi da tendopoli a palazzo di 10 piani»

 
Il caso
Bari, inchiesta palazzina della 'morte' a Japigia, indagato l'ex sindaco Francesco De Lucia

Bari, inchiesta palazzina della 'morte' a Japigia: indagato l'ex sindaco De Lucia.
La replica: «Colpe altrove»

 
Processo Pandora
Mafia a Bari, 90 condanne ai clan Diomede, Mercante e Capriati. La sentenza

Mafia ultimi 15 anni a Bari, 90 condanne ai clan Diomede, Mercante e Capriati.
Risarcito il Comune. La sentenza

 
La storia
Lascia la carriera a Milano e torna in Puglia per aiutare la figlia a respirare bene: il post è virale

Lascia la carriera a Milano e torna in Puglia per aiutare la figlia a respirare bene: il post è virale

 
Lo stop nel 2013
Molfetta, dopo 6 anni e un processo con 28 assoluzioni, riprendono i lavori al Porto

Molfetta, dopo 6 anni e un processo con 28 assoluzioni, riprendono i lavori al Porto

 
Il giallo
Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio

Bari, recuperato in mare il cadavere di una donna: forse un suicidio (FOTO)

 
L'operazione
Bari, trafficante di droga ingerisce 54 ovuli di eroina: arrestato dalla Gdf

Bari, trafficante di droga ingerisce 54 ovuli di eroina: arrestato dalla Gdf

 
Il caso
Bari, camionista elude additivo AdBlue con dispositivo illegale: fermato al porto

Bari, camionista elude additivo AdBlue con dispositivo illegale: fermato al porto

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Costa: «Da ora per noi ogni gara è una finale»

Bari calcio, Costa: «Da ora per noi ogni gara è una finale»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'incidente a Japigia
Bari, investe con l'auto un motociclista in via Caldarola e fugge: beccato dalla polizia

Bari, investe con l'auto un motociclista in via Caldarola e fugge: beccato dalla polizia

 
FoggiaIl caso
Attentati a Foggia, sequestrate 6 bombe carta e munizioni: arrestata intera famiglia

Attentati a Foggia, sequestrate 6 bombe carta e munizioni: arrestata intera famiglia

 
BatIl processo
Mafia, chiesti 16 anni a pregiudicato per 2 tentati omicidi nel Nord Barese

Mafia, chiesti 16 anni a pregiudicato per 2 tentati omicidi nel Nord Barese

 
PotenzaIl caso
Potenza, adescano un 70enne e gli rubano i soldi: denunciate 2 donne

Potenza, adescano un 70enne e gli rubano i soldi: denunciate 2 donne

 
HomeIl fenomeno
Morbillo, allarme in Salento 40 casi in un mese: anche 4 bimbi, due figli di «no vax»

Morbillo, in Salento due casi al giorno, coinvolti adulti e bimbi: anche figli di «no vax»

 
BrindisiOperazione dei Cc
Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino a scuola a Ostuni

Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino scuola a Ostuni

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 

i più letti

Il caso

Bari, troppo sangue sull’asfalto: «Il lungomare sia pedonale»

I numerosi incidenti estivi (anche mortali) tra il margherita e pane e pomodoro riaccendono il dibattito sulla sicurezza. La proposta di residenti e operatori. L’assessore: «Non nell’immediato»

Bari, troppo sangue sull’asfalto: «Il lungomare sia pedonale»

BARI - Velocità superiore ai 50 chilometri all’ora consentiti per legge nelle città, nei paesi e in generale nelle zone urbanizzate. Inversioni a U nonostante la linea bianca continua che divide le corsie in base al senso di marcia. Mancata precedenza. Sorpassi azzardati. Distrazioni dovute all’utilizzo del telefonino alla guida. Così troppo spesso l’asfalto del lungomare Di Crollalanza e Nazario Sauro si tinge di rosso sangue. «È un lungomare killer», tuonano le madri degli adolescenti e dei neopatentati quando, scorrendo i titoli dei giornali e le pagine dei social, si imbattono nella notizia dell’ennesimo giovane centauro che è franato per terra, vittima di un incidente più o meno grave. «Dissuasori, bande rumorose, postazioni fisse della Polizia locale, fotored e dispositivi per rilevare la velocità» è la richiesta di chi abita e lavora a ridosso della importante arteria di scorrimento, in entrata e in uscita da Bari, che si affaccia sul mare.

Lo scorso anno i vigili urbani hanno multato 2.027 fra automobilisti e conducenti degli scooter in transito sul lungomare. Nei primi sei mesi del 2019 i verbali compilati sono stati già 1.296. Restringendo l’analisi alle violazioni dell’articolo 146 del codice della strada, le contravvenzioni per mancata precedenza e mancato rispetto della segnaletica sono state 86 nel 2018, di cui 62 sul lungomare monumentale che va dal teatro Margherita al ponte di via Di Vagno. Nei primi sei mesi del 2019 le infrazioni riscontrate sono state in totale 32.

A riaccendere i riflettori sul problema della sicurezza del lungomare, che si trascina da decenni, sono stati gli incidenti delle ultime due settimane. Quello di mercoledì scorso, all’altezza del comando regionale dei Carabinieri, ha mandato in ospedale tre feriti, di cui due in codice rosso.
«È una questione irrisolta da quando trent’anni fa sedevo in Consiglio comunale fra le file del Partito comunista», ricorda l’avvocato Gianni Di Cagno, che abita e ha lo studio professionale nel quartiere Madonnella. «All’epoca - ricorda l’ex componente del Consiglio superiore della Magistratura - già si discuteva dell’ipotesi di creare una corsia centrale sul lungomare sud destinata ai tram o agli autobus. Idea che potrebbe essere ancora attuale, una sorta di navetta per collegare i parcheggi di scambio. Restringendo a due le carreggiate, una per ogni senso di marcia, si andrebbe necessariamente a ridurre la velocità e a impedire i sorpassi».

Gianni Di Cagno è però convinto che sia arrivato il momento di ripensare la viabilità di Madonnella, e in particolare dell’Umbertino, zona in cui c’è un’alta concentrazione di locali e attività di ristorazione: «Le piazze sono diventate luogo di incontro e di passeggio. Piuttosto che sanzionare i gestori dei pub, dei bar e dei ristoranti che hanno messo i tavolini su largo Adua, sarebbe il caso di rendere pedonale anche quel tratto di strada, in maniera coerente con quanto avvenuto di fronte al Kursaal. Sarebbero sacrificati una ventina di posti auto, da recuperare altrove. Largo Giannella è invece diventato un parco divertimenti: prima la ruota panoramica, poi la torre, poi i villaggi del gusto, ora quello della birra con tavoloni in legno, gazebo e musica fino a notte inoltrata. La giunta Decaro è chiamata a fare delle scelte per trasformare nei fatti l’Umbertino nel salotto buono della città. Bari soffre una mancanza di progettualità di ampio respiro, manca un dibattito sul futuro, sui grandi progetti. Il progetto di rinascita “Costa sud” va armonizzato con l’esistente».
Ritornando all’emergenza sicurezza, l’avvocato rimarca: «In attesa delle imponenti riqualificazioni, qualcosa va fatto. Il tratto più pericoloso è quello fra il teatro Margherita e il ponte Di Vagno. Da motociclista, conosco i rischi che si corrono su alcuni incroci a raso. Si potrebbe mettere un semaforo di fronte alla sede dell’Inps, più utile rispetto a quello della Regione: i dipendenti entrano ed escono da via Dalmazia e non dal lungomare».

Anche i titolari delle attività di ristorazione invocano soluzioni. Fra coloro che sono favorevoli alla chiusura al traffico c’è Paolo Caramia, che gestisce il bar «Il Riviera». «Nelle città che vivono di turismo come Rimini - dice - il lungomare è dedicato al passeggio. Serve un atto di coraggio da parte dell’amministrazione comunale e un cambiamento di mentalità da parte dei baresi. Libero dalle auto, sul lungomare si potrebbero creare eventi per le famiglie, gli sportivi e i bambini potrebbero correre, andare in bicicletta o sui pattini senza doversi guardare le spalle. Sarebbe un luogo da vivere da mattina a sera. Il lungomare è una risorsa sottovalutata, non se ne deve discutere come di un’area potenzialmente fonte di pericolo».
Caramia lavora al bar da 13 anni. Ma rammenta l’epoca in cui su quel tratto era possibile parcheggiare. Suggerisce: «Una alternativa per rallentare il traffico potrebbe essere quella di ripristinare la sosta, questa volta a grattino e quindi a pagamento, ai margini di entrambe le carreggiate. Non nascondo che questo provvedimento per le attività di ristorazione rappresenterebbe una boccata d’ossigeno: aumenterebbe la clientela, agevolata dall’opportunità di lasciare l’auto senza difficoltà. Ovviamente bisognerebbe incrementare i controlli contro la doppia fila e gli strombazzamenti dei clacson». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rossini

    08 Settembre 2019 - 09:19

    Che follia, chiudere al traffico il lungomare. Quella zona di Bari è ristretta tra la ferrovia e il mare. Le arterie che la percorrono sono Corso Sonnino, via Dalmazia e appunto il lungomare. Chiudendo quest'ultimo il traffico si riverserà sulle altre due strade creando intasamenti incredibili. Non è meglio creare dei dossi sul lungomare per rallentare la velocità dei veicoli?

    Rispondi

  • Filosofo

    07 Settembre 2019 - 17:17

    Tantissime città italiane farebbero l'impossibile per avere una strada che colleghi l'est e l'ovest della cittadina. Un punto CARDINE di viabilità che si vuole chiudere. Giammai!! L'Amministrazione e le Forze dell'Ordine si impegnassero ancora di più nel rispetto del Codice della Strada e i risultati si vedranno. E al crocevia INPS vi è obbligo si volta a destra. E tutti girano a sinistra.....

    Rispondi

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie