Lunedì 14 Ottobre 2019 | 13:49

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Ezio Totorizzo, il manager barese che piace a Mtv

Ezio Totorizzo, il manager barese che piace a Mtv

 
nel Barese
Molfetta, moria di gatti a Madonna della Rosa

Molfetta, moria di gatti a Madonna della Rosa

 
raccolta fondi
Sinfonia «Resurrezione» per costruire San Nicholas a New York

Sinfonia «Resurrezione» per costruire San Nicholas a New York

 
tecnologia
Bari, arriva Pepper, robot sociale che gioca con i bambini

Bari, arriva Pepper, robot sociale che gioca con i bambini

 
il caso
Acquaviva, invitato alla sagra cantante amato dai boss: Comune ritira patrocinio

Acquaviva, alla sagra cantante amato dai boss: Comune ritira patrocinio Il rapper: io sono fedele

 
Il caso
Bari, sorpresi a bruciare rifiuti in campagna: denunciati un 58enne e 36enne

Bari, sorpresi a bruciare rifiuti in campagna: denunciati un 58enne e 36enne

 
La novità
Bari, ecco il primo forno sociale: costruito dai cittadini con terra e paglia

Bari, ecco il primo forno sociale: costruito dai cittadini con terra e paglia

 
dal 15 al 18 ottobre
Bari, arriva il Festival del Cinema Spagnolo

Bari, arriva il Festival del Cinema Spagnolo

 
la protesta
Bari, corteo per la Siria: palloncini pieni di vernice rossa contro consolato turco

Bari, corteo per la Siria: palloncini pieni di vernice rossa contro consolato turco

 
Michele amoruso
Bari, la seconda vita del killer del clan: da ergastolano a detenuto modello, chiede semilibertà

Bari, la seconda vita del killer del clan: da ergastolano a detenuto modello, chiede semilibertà

 

Il Biancorosso

contro la ternana
Il Bari non sbaglia più: vittoria che sa di svolta

Il Bari non sbaglia più: vittoria che sa di svolta

 

NEWS DALLE PROVINCE

Brindisiil giallo
Società sponsorizza «Meraviglioso Natale» a Ostuni, il sindaco: «Mai autorizzati, li diffido»

Società sponsorizza Meraviglioso Natale a Ostuni, il sindaco: «Mai autorizzati, li diffido»

 
BariL'intervista
Ezio Totorizzo, il manager barese che piace a Mtv

Ezio Totorizzo, il manager barese che piace a Mtv

 
BatNel Nordbarese
Canosa, nudo e ubriaco aggredisce per strada ex compagna: arrestato

Canosa, nudo e ubriaco aggredisce per strada ex compagna: arrestato

 
Leccenel salento
Nardò, 16enne cade facendo parkour: in coma

Nardò, 16enne cade facendo parkour: in coma

 
PotenzaI dati
Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

 
Tarantol'indagine
Martina Franca, spaccio di droga, chiamata «Babà», era diventato un lavoro: 3 in carcere

Martina Franca, spaccio di droga, chiamata «Babà», era diventato un lavoro: 3 in carcere

 
Foggianel foggiano
Orta Nova, in 4 tentano colpo in banca: ferita una guardia giurata

Orta Nova, in 4 tentano colpo in banca: ferita una guardia giurata

 
MateraIl caso
Sparatoria nella notte a Policoro, due feriti: scatta un fermo

Mafia: duplice tentato omicidio a Policoro, fermato 49enne

 

i più letti

Operazione della Dda

Scommesse in mano ai clan: a Crotone 11 anni a un barese

Francesco Martiradonna è stato condannato per concorso esterno: avrebbe fornito alla 'ndrangheta la struttura informatica per la gestione del gioco clandestino

Scommesse in mano ai clan: a Crotone 11 anni a un barese

Secondo la Dda avrebbe collaborato con la cosca degli Arena per imporre il suo portale di scommesse, Centurionbet, in tutta la provincia di Catanzaro. Per questo ieri il barese Francesco Martiradonna, 46 anni, è stato condannato in abbreviato a 11 anni e 4 mesi dal gup Carmela Tedesco: l’accusa (rappresentata dai pm Domenico Guarascio e Debora Rizza) aveva chiesto 12 anni.
La vicenda di Martiradonna (cui è stato contestato il concorso esterno in associazione mafiosa) è un tassello dell’inchiesta Johnny, che a maggio 2017 aveva scardinato il clan Arena facendone emergere gli interessi sul centro di accoglienza dei migranti di Isola Capo Rizzuto.

Oltre che, appunto, nel sistema delle scommesse: il bookmaker maltese Centurion riconducibile a Martiradonna (e nato sulle ceneri di una precedente esperienza a Londra) avrebbe collaborato con la Kroton degli Arena, cui avrebbe messo a disposizione la propria piattaforma informatica e i «totem» per la raccolta delle scommesse. Per questo il barese era dapprima finito in carcere, quindi ai domiciliari, infine (nello scorso gennaio) aveva ottenuto il ritorno in libertà con il divieto di dimora in Calabria. Ma nel frattempo, a novembre 2018, era stato nuovamente arrestato nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Bari sulle scommesse: Francesco Martiradonna era finito in carcere insieme ai fratelli Mariano e Michele e al padre Vito (ritenuto lo storico cassiere dei clan della città vecchia), anche in questo caso con l’accusa di aver operato tramite la Centurion generando scommesse per un miliardo di euro grazie a una catena di società residenti in paradisi fiscali. Uno schermo quasi perfetto. Tanto che i sequestri dalla Finanza, per oltre 200 milioni, sono stati eseguiti solo in piccola parte. E al punto che un altro degli indagati in un procedimento collegato, quello della Dda di Reggio Calabria, il barese Antonio Ricci, è stato rimesso in libertà a Malta (dove era stato fermato il giorno di Pasquetta) dopo che un tribunale di appello ha respinto la richiesta di estradizione delle autorità italiane.


Tornando all’inchiesta di Crotone, sono complessivamente 65 le condanne emesse ieri in abbreviato: riguardano esponenti dei clan ma anche colletti bianchi come Leonardo Sacco (17 anni e 4 mesi), ex vicepresidente nazionale delle Misericordie che avrebbe consegnato agli Arena gli appalti dei servizi nei centri di accoglienza. Nel mondo delle scommesse, invece, gli Arena avrebbero gestito in monopolio la raccolta a Crotone e provincia tramite la loro Kroton Games, che per l’infrastruttura tecnologica si appoggiava appunto alla Centurion ottenendo tra luglio 2013 e febbraio 2015 profitti per 1,3 milioni di euro.
I componenti della famiglia Martiradonna sono tuttora ai domiciliari. A luglio il Tribunale dovrebbe decidere una serie di patteggiamenti concordati con i pm della Dda di Bari: tre anni per Michele, 2 anni e 8 mesi per Mariano, 2 anni per Vito e un anno e 8 mesi per Tommy Parisi, figlio dello storico capoclan Savino, con l’aggravante dell’articolo 7 (aver favorito un clan mafioso) contestata pure a Vito. Francesco Martiradonna invece verrà giudicato con il rito abbreviato

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie