Domenica 18 Agosto 2019 | 00:46

NEWS DALLA SEZIONE

Lo spettacolo
«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

 
Il giorno di Ferragosto
Bari, dipendente negozio alimentari prende a sprangate cliente dopo lite: arrestato

Bari, dipendente negozio alimentari prende a sprangate cliente dopo lite: arrestato

 
Dopo le analisi
Mola di Bari, è allarme alga tossica: «Ricci pericolosi»

Mola di Bari, è allarme alga tossica: «Ricci pericolosi»

 
Nel Barese
Casamassima, pastore bengalese sottopagato, costretto a fare i bisogni nel pozzo: arrestato imprenditore

Casamassima, sfrutta pastore, gli fa usare il pozzo per i bisogni: arrestato

 
Nella serata del 16 agosto
Polignano a Mare: auto in fiamme sulla SS 16

Polignano a Mare: auto in fiamme sulla SS 16

 
Siparietto esilarante
Monopoli, dopo il concerto il direttore d'orchestra balla sul palco «YMCA»

Monopoli, dopo il concerto il direttore d'orchestra balla sul palco «YMCA»

 
Nel Barese
Monopoli, lido «allargato» abusivamente: sequestrati ombrelloni e lettini, 2 denunce

Monopoli, lido «allargato» abusivamente: sequestrati ombrelloni e lettini VIDEO

 
L'episodio
Corato, evade dai domiciliari: cc lo trovano e lui li picchia e minaccia, arrestato

Corato, evade dai domiciliari: cc lo trovano e lui li picchia e minaccia, arrestato

 
La denuncia
«Bari, spiaggia di Pane e pomodoro negata ai disabili a Ferragosto»

«Bari, spiaggia di Pane e pomodoro negata ai disabili a Ferragosto»

 

Il Biancorosso

Sport
Bari calcio, boom per gli abbonamenti: superati i 5mila tesserati

Bari calcio, boom abbonamenti: superati i 5mila tesserati

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl gesto per gelosia
Taranto, crede che lui abbia un'altra: 27enne gli danneggia l'auto e picchia i poliziotti intervenuti, denunciata

Taranto, crede che lui abbia un'altra: gli danneggia l'auto e picchia i poliziotti intervenuti, denunciata

 
LecceNel Leccese
Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

 
BariLo spettacolo
«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

 
MateraTragedia nel Materano
Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

 
BatI numeri
Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

 
BrindisiNel Brindisino
Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

 
FoggiaIl caso
Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

 

i più letti

Il retroscena

Scommesse online, «scuola barese» nel mirino: fa girare tanti soldi

Stando alle indagini calabresi e baresi, la famiglia Martiradonna da un lato e Antonio Ricci dall’altro, sarebbero dei broker abilissimi e corteggiati perché in grado di fare girare un «sacco di soldi».

Scommesse online, «scuola barese» nel mirino: fa girare tanti soldi

BARI - «Ed effettivamente Antonio Ricci, garantendo gli interessi economici della cosca di ‘ndrangheta Tegano nel reggino e della famiglia catanese di cosa nostra Santapaolo-Ercolano, aveva una sponsorizzazione criminale che poteva permettergli di agire soverchiamente nei confronti dei Martiradonna (oggetto della parallela iniziativa cautelare della Procura di Bari), costretti a subire la sottrazione di assets aziendali, grazie ai quali il Ricci aveva avviato la sua nuova lucrosa attività». Accuse pesanti quelle contestate dalla Dda di Reggio Calabria e che in più punti si intrecciano con le accuse molto contestate dalla Dda di Bari a Vito Martiradonna e ai suoi figli. Insomma, se non proprio un derby «Martiradonna-Ricci» poco ci manca. Dalle carte dell’inchiesta di Reggio Calabria sul ruolo di Antonio Ricci, 43 anni, barese, arrestato a Malta nell’ambito dell’inchiesta sulla montagna di soldi realizzati grazie alle scommesse online, per l’accusa, illecitamente, i paralleli sono numerosi. Stando alle carte, la famiglia Martiradonna da un lato e Ricci dall’altro, sarebbero dei broker abilissimi, molto corteggiati perché in grado di fare girare un «sacco di soldi» come raccontano i pentiti.

Per Ricci, tutto ruota intorno a Beataland che in passato ha anche sponsorizzato il Bari calcio. La storia di questo marchio maltese, sanato - e dunque diventato legale - nel 2016, è legata a doppio filo con quella dei Martiradonna. «Antonio Ricci - racconta il pentito Mario Gennaro al pm calabrese Stefano Musolino - inizialmente anni fa lavorava insieme al cugino Martinadonna su Bet1128, poi si sganciò da Martinadonna e si creò una sua, diciamo, struttura quindi un suo ufficio, una sua completamente struttura, completamente staccata». Secondo un altro collaboratore di giustizia, dietro la separazione ci sarebbe una lite su questioni di soldi. Fatto sta che Ricci, con la Oia Services di Malta (intestata a un prestanome e schermata dietro fiduciarie di Hong Kong), aveva poi rilevato da alcuni imprenditori calabresi il marchio Betaland che, insieme a Planetwin365, è uno dei pilastri intorno a cui ruota l’indagine.

Betaland avrebbe raccolto l’interesse dei clan calabresi. Planetwin invece avrebbe raccolto quelli della città di Bari, e in particolare di uno, il clan Parisi, come spiega ai pm baresi il collaboratore di giustizia Antonio De Manna: «Tutte le sale a marchio Planetwin365 a Bari e forse anche in provincia - dice - sono riferibili a Tommaso Parisi», il figlio di Savino, cantante neomelodico di cui era stato disposto l’arresto nel filone barese dell’indagine. E poi aggiunge che «il re delle scommesse qua a Bari è uno soltanto e si chiama Vitin l’Enel», al secolo Vito Martiradonna, ritenuto un tempo il cassiere dei Capriati cui garantisce ancora un «mensile» per il sostentamento: tra loro si chiamano fratelli ma nelle parole del vecchio boss Antonio Capriati c’è risentimento per i soldi che non sono mai tornati indietro. A condurre l’inchiesta barese, i finanzieri del Gico del Comando provinciale di Bari.
Ricci è stato arrestato su mandato d’arresto europeo. Nei prossimi giorni, davanti all’autorità giudiziaria maltese, sarà discussa la fondatezza della misura cautelare. «Aspetterei a rilasciare giudizi avventati sul mio assistito - fa sapere l’avvocato Gaetano Sassanelli che assiste Ricci -. Per prudenza meglio attendere il completamento della procedura di estradizione e il vaglio dell’Autorità giudiziaria maltese. Preciso comunque che non siamo di fronte all’arresto di un latitante. Il mio assistito è stato raggiunto nella sua abitazione regolarmente segnalata nel registro degli italiani residenti all’estero. Nessuna attività d’intelligence dal momento che il suo indirizzo è noto anche all’autorità giudiziaria».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie