Martedì 21 Settembre 2021 | 22:36

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Lo spettacolo

Enrico Brignano in scena a Bari: «Io, innamorato pazzo»

Il comico romano conclude la tournée il 18 e 19 aprile al Palaflorio

Enrico Brignano in scena a Bari: «Io, innnamorato pazzo»

Enrico Brignano è innamorato perso. Del suo lavoro, di sua figlia, di sua moglie, del mare. Di quella passione a fare divertire e riflettere il pubblico, che lo porta ogni sera su un palco davanti a circa quattromila spettatori con lo spettacolo Innamorato perso, prodotto da Max Produzioni in collaborazione con Vivo Concerti, e scritto, tra gli altri, dallo stesso Brignano.
La lunga tournée dell’attore ha la sua tappa conclusiva a Bari, in due serate al Palaflorio, il 18 e 19 aprile (ore 21). Peculiarità del tour è quella di aver girato i più grandi palazzetti dello sport in ogni parte d’Italia, facendo registrare sempre il tutto esaurito.


Brignano, di chi e di cosa lei è innamorato perso?
«Alla mia età sono innamorato perso del mio lavoro, del palcoscenico, del mio passato, ma anche del mio futuro. Io sono la mia memoria, se non la avessi perderei me stesso. Sono innamorato perso della mia città, Roma, della mia donna, di mio figlia, della bicicletta, del mare, dell’amore. Sono innamorato di questo genere di spettacolo che ho portato in giro in tutta Italia nei grandi palazzetti, ed è fatto di grande spettacolarità. I palazzetti dello sport sono un posto desueto, ma ti permettono anche di stare a contatto con migliaia di persone ogni sera, e mi sono sentito un po’ una pop star».


Sulla scena con lei c’è anche sua moglie. Com’è condividere questa esperienza con la persona con la quale si condivide anche la vita?
«Condividere vita e palco è difficile, perché se ti sopporti anche nella vita poi diventa un lavoro, per noi non è così, è una cosa molto emozionante. Ci siamo conosciuti proprio su un palcoscenico in Tutto suo padre, e poi questo spettacolo è stato fatto ad hoc per permetterci di interagire nel modo migliore, ad esempio quando cantiamo una canzone dedicata a nostra figlia».


Cosa vorrebbe che il pubblico portasse a casa con sé dopo lo spettacolo?
«Il buonumore. Abbiamo fatto circa trenta repliche di uno spettacolo che dura tre ore e penso che siano due gli elementi fondamentali che catturano il pubblico: il divertimento, e la riflessione su cosa sarà il nostro futuro. C’è ad esempio un invito esplicito a rispettare il mare, ad avere una coscienza ecologica maggiore».


Innamorato Perso è uno spettacolo scritto da Enrico Brignano, Mario Scaletta, Riccardo Cassini, Manuela D’Angelo e Luciano Federico. Sul palco anche Flora Canto, Pasquale Bertucci, Michele Marra. Musiche di Andrea Perrozzi, coreografie di Marco Bebbu, scene di Marco Calzavara, costumi di Valentina Davoli, fotografia di Marco Lucarelli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie