Sabato 17 Agosto 2019 | 23:13

NEWS DALLA SEZIONE

Lo spettacolo
«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

 
Il giorno di Ferragosto
Bari, dipendente negozio alimentari prende a sprangate cliente dopo lite: arrestato

Bari, dipendente negozio alimentari prende a sprangate cliente dopo lite: arrestato

 
Dopo le analisi
Mola di Bari, è allarme alga tossica: «Ricci pericolosi»

Mola di Bari, è allarme alga tossica: «Ricci pericolosi»

 
Nel Barese
Casamassima, pastore bengalese sottopagato, costretto a fare i bisogni nel pozzo: arrestato imprenditore

Casamassima, sfrutta pastore, gli fa usare il pozzo per i bisogni: arrestato

 
Nella serata del 16 agosto
Polignano a Mare: auto in fiamme sulla SS 16

Polignano a Mare: auto in fiamme sulla SS 16

 
Siparietto esilarante
Monopoli, dopo il concerto il direttore d'orchestra balla sul palco «YMCA»

Monopoli, dopo il concerto il direttore d'orchestra balla sul palco «YMCA»

 
Nel Barese
Monopoli, lido «allargato» abusivamente: sequestrati ombrelloni e lettini, 2 denunce

Monopoli, lido «allargato» abusivamente: sequestrati ombrelloni e lettini VIDEO

 
L'episodio
Corato, evade dai domiciliari: cc lo trovano e lui li picchia e minaccia, arrestato

Corato, evade dai domiciliari: cc lo trovano e lui li picchia e minaccia, arrestato

 
La denuncia
«Bari, spiaggia di Pane e pomodoro negata ai disabili a Ferragosto»

«Bari, spiaggia di Pane e pomodoro negata ai disabili a Ferragosto»

 

Il Biancorosso

Sport
Bari calcio, boom per gli abbonamenti: superati i 5mila tesserati

Bari calcio, boom abbonamenti: superati i 5mila tesserati

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl gesto per gelosia
Taranto, crede che lui abbia un'altra: 27enne gli danneggia l'auto e picchia i poliziotti intervenuti, denunciata

Taranto, crede che lui abbia un'altra: gli danneggia l'auto e picchia i poliziotti intervenuti, denunciata

 
LecceNel Leccese
Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

 
BariLo spettacolo
«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

«I Capuleti e i Montecchi»: l'amore tra Romeo e Giulietta torna a vivere ad Acquaviva

 
MateraTragedia nel Materano
Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

Metaponto, donna annega mentre fa il bagno: forse un malore

 
BatI numeri
Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

Burrata di Andria irresistibile: vendite cresciute del 17,5%

 
BrindisiNel Brindisino
Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

Mesagne, struttura ospitava anziani malati senza autorizzazioni: chiusa

 
FoggiaIl caso
Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

Foggia, gemellini prematuri, uno «scambiato» per femmina: problemi all'anagrafe

 

i più letti

Cassazione

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

La sentenza ai fini civili nei confronti dell'ex dg dell'azienda sanitaria nonchè di un dirigente e di un investigatori privato pagato 24mila euro

BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Quando Lea Cosentino, ex direttore generale della Asl di Bari, diede all’investigatore privato Antonio Coscia l’incarico per la bonifica degli uffici dell’Asl, non c'erano «interessi pubblici perseguiti dall’ente» ma «la sola salvaguardia, per mezzo di denaro pubblico, di esigenze di natura privata e professionale». Lo scrive la Corte di Cassazione nelle motivazioni con le quali nel settembre 2018 ha dichiarato definitivamente la responsabilità dell’ex Lady Asl, di Coscia e dell’allora direttore dell’Area patrimonio della Asl di Bari, Antonio Colella, per il reato di peculato. La vicenda risale al 2008.

Coscia fu pagato 24mila euro per «svolgere un’attività di verifica dei sistemi informatici della Asl» ma in realtà «la Cosentino aveva investito Coscia di altri compiti». La Cassazione, rigettando i ricorsi degli imputati, ha condiviso la ricostruzione della Corte di Appello, secondo la quale «unica finalità era quella di bonificare gli ambienti della direzione per evitare la possibilità di subire intercettazioni delle conversazioni da parte dell’autorità giudiziaria». I falsi relativi alle delibere con cui fu autorizzato quell'incarico sono tuttavia prescritti. Per questo sarà un nuovo processo dinanzi alla Corte di Appello di Bari a rideterminare le pene per Cosentino e Colella (condannati a 2 anni e 1 mese di reclusione). È invece definitiva la condanna di Coscia a 2 anni e 3 mesi.

Per tutti e tre la Cassazione ha confermato le statuizioni civili di condanna a risarcire i danni alla Regione Puglia. Nel processo era contestata anche un’altra vicenda, risalente al 2007, relativa alle presunte irregolarità nella selezione per un posto da primario di allergologia nell’Ospedale di Altamura. La Cassazione ha annullato le condanne per Cosentino e altri cinque imputati, assolvendoli da due accuse di falso, e ha dichiarato la prescrizione per un’altra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie