Domenica 21 Aprile 2019 | 06:30

NEWS DALLA SEZIONE

Verso il voto
Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

 
L'intervista
Caringella: «Sulle inchieste giudiziarie si è passati dall'indignazione all'indifferenza

Caringella: «Sulle inchieste giudiziarie si è passati dall'indignazione all'indifferenza

 
In città
Bari: grosso nido d'api in via Salvemini, zona messa in sicurezza

Bari: grosso nido d'api in via Salvemini, zona messa in sicurezza

 
Il caso
Bari, chiude la gioielleria Trizio Caiati in via Sparano: addio a un altro negozio storico

Bari, chiude la gioielleria Trizio Caiati in via Sparano: addio a un altro negozio storico

 
Lo scontro
Incidente stradale sulla Terlizzi - Molfetta: muore una ragazza

Incidente sulla Terlizzi-Molfetta, auto si ribalta: muore una ragazza

 
In Tv
Palazzo Poli di Molfetta in un documentario di Michele Cristallo

Palazzo Poli di Molfetta in un documentario di Michele Cristallo

 
La storia a lieto fine
Dall'Argentina al trullo di Locorotondo: anziano migrante ritrova le sue radici

Dall'Argentina al trullo di Locorotondo: anziano migrante ritrova le sue radici

 
Sgominata banda
Bari, assalivano armati furgoni portavalori: 5 in manette

Bari, assalivano armati furgoni portavalori: 5 in manette

 
Fishing for Litter
Molfetta, pescatori in prima linea contro un mare di plastica

Molfetta, pescatori in prima linea contro un mare di plastica

 
Trasporti
Pendolari, in Puglia arriva la riforma: più bus dove servono

Pendolari, in Puglia arriva la riforma: più bus dove servono

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso il voto
Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

 
TarantoA taranto
Ex Ilva, ambientalisti Taranto: «Il 24 aprile presidio per arrivo Di Maio»

Ex Ilva, ambientalisti Taranto: «Il 24 aprile presidio per arrivo Di Maio»

 
BrindisiL'incidente
Moto contro auto sulla Monopoli-Alberobello: muore un 54enne

Moto contro auto sulla Monopoli-Alberobello: muore un 54enne

 
LecceNel Salento
Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

 
HomeLe festività pasquali
Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

 
BatLotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
GdM.TVOperazione Ultimo Avamposto
Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

 
PotenzaElezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 

Bullismo

Bari, «Minacciato e picchiato a 11 anni dal branco nei bagni della scuola»

La drammatica denuncia del padre del bambino ai Carabinieri dà il via all’inchiesta

bullismo

BARI - C’è un bambino allegro, solare e sereno che ha 11 anni e che frequenta la seconda media di un istituto cittadino. Un bel giorno, anzi un brutto giorno per lui e la sua famiglia, cambia tutto. Accade infatti che un gruppo composto da tre bulli, più grandi di qualche anno, lo avrebbe più volte picchiato e minacciato, dopo avere preteso soldi da lui. Succede anche che la vittima racconta di strane pasticche che il «branco» avrebbe provato a fargli ingerire. Teatro di percosse, minacce e vessazioni, i bagni dell’istituto. Qui dove, stando a una dettagliata denuncia, avrebbe anche subito un approccio di natura sessuale. A comporre la marmaglia, sempre per quello che il padre è riuscito a sapere da suo figlio, sarebbero tre ragazzi che frequentano classi superiori della stessa scuola. Questo almeno è quanto riferisce nell’esposto che ha dato il via all’inchiesta e il cui fondamento è ora al vaglio degli inquirenti. Insomma, accuse gravissime.

Questa è una storia di bullismo che più dolorosa non si può. Anche perché la vittima, che chiameremo Nicola (nome di fantasia) per colpa delle vessazioni subite, da una settimana ormai non va più a scuola. E allora, proviamo a riannodare i fili della vicenda, almeno per come è stata riferita dal padre dell’11enne, sia ai Carabinieri, sia al preside dell’istituto.
Siamo all’inizio del nuovo anno scolastico. Sembra filare tutto serenamente, come è avvenuto l’anno prima. La scuola, i compiti, la famiglia, gli amici. Poi, però, qualcosa cambia. Nicola comincia a comportarsi in maniera strana. Sembra quasi che voglia nascondere qualche cosa. Si chiude in se stesso ogni giorno di più. È come se fosse costantemente a disagio, se provasse vergogna. Mostra segni di irrequietezza e nervosismo in famiglia, così insoliti per il suo carattere. «In classe si distrae troppo» raccontano gli insegnanti ai suoi genitori. A un certo punto, però, tutto ciò che ha dentro esplode: scoppia a piangere e racconta il suo dramma. Riferisce in particolare ai genitori di quella volta, siamo a fine settembre, che viene avvicinato da un ragazzo più grande nei bagni. Lo mettono in mezzo in tre e gli chiedono 70 euro. Il più cattivo gli sferra un pugno, gli strappa l’orologio dal polso e lo minaccia: «Ti crepo di mazzate se non mi porti i soldi». Nicola ha paura. Riesce a recuperare 50 euro, rubandoli dal borsellino del fratello. La somma non basta e viene picchiato di nuovo. Pugni e calci e anche altro. Il ragazzo lo avrebbe ferito al braccio con un coltellino multiuso e la punta di un compasso. «Ci devi dare 70 euro o ti ammazziamo con una pistola!». Questo più o meno il tenore della minaccia.

Raccolta la confessione i genitori del piccolo dicono tutto al preside. Ma la sensazione è che Nicola abbia tenuto qualcos’altro dentro. Anche grazie alle attenzioni e all’aiuto dei nonni, quel qualcosa un po’ alla volta affiora dolorosamente. A volte il racconto è dettagliato, preciso. Altre volte lo è un po’ meno. Riferisce ad esempio di una caramella che sarebbe stato costretto a ingerire e che gli avrebbe provocato bruciore di stomaco e che poi ha vomitato. Un giorno vede i tre bulli armeggiare con un sacchettino rosso. Nicola viene costretto a seguirli in bagno dove viene picchiato ancora. Gli dicono che se non tace, lo fanno fuori. E poi c'è quella volta in cui il branco gli avrebbe abbassato i pantaloni e strappato le mutande, forse per umiliarlo. Nel lungo elenco, infine, spunta persino una pistola. Nicola trema e piange quando dice tutto questo. Teme di essere ucciso. Il padre denuncia tutto ai Carabinieri. La Procura presso il Tribunale per i minorenni ora indaga.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400