Mercoledì 16 Giugno 2021 | 12:42

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Gigi Riva, l’omaggio

Gigi Riva, l’omaggio

 
la riflessione
Se l’Italia chiude il corridoio della Cina verso l’Europa

Se l’Italia chiude il corridoio della Cina verso l’Europa

 
Dopo i fatti di Melfi
Dal linguaggio violento alla violenza politica

Dal linguaggio violento alla violenza politica

 
Taranto in C
La rinascita di una città ha a che fare con lo sport

La rinascita di una città ha a che fare con lo sport

 
L'editoriale
Una riforma della giustizia per ridare fiducia ai cittadini

Una riforma della giustizia per ridare fiducia ai cittadini

 
L'analisi
Quei sindaci «bersagli mobili» da mettere in sicurezza

Quei sindaci «bersagli mobili» da mettere in sicurezza

 
L'analisi
Più chiarezza sui vaccini non si può morire a 18 anni

Più chiarezza sui vaccini non si può morire a 18 anni

 
La riflessione
I doveri nascosti dietro l’ambiente in Costituzione

I doveri nascosti dietro l’ambiente in Costituzione

 
La riflessione
Più del 40% dei fondi: ora il Sud alza la voce in Europa

Più del 40% dei fondi: ora il Sud alza la voce in Europa

 
L'analisi
La giustizia nel nome del popolo indignato

La giustizia nel nome del popolo indignato

 
Il punto
Mettiamoci d’accordo sul significato di ambiente

Mettiamoci d’accordo sul significato di ambiente

 

Il Biancorosso

verso il futuro
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Bari, gli Antro e la truffa alla Provincia

Bari, gli Antro e la truffa alla Provincia

 
FoggiaSanità
San Giovanni Rotondo, bimba di 18 mesi salva dopo un intervento al cervello

San Giovanni Rotondo, bimba di 18 mesi salva dopo un intervento al cervello

 
Leccemobilità
Lecce, gli automobilisti spendono per la sosta e snobbano i mezzi pubblici

Lecce, gli automobilisti spendono per la sosta e snobbano i mezzi pubblici

 
BrindisiBlitz nel porto
Brindisi, un chilo di coca nel doppiofondo del tir

Brindisi, un chilo di coca nel doppiofondo del tir

 
BatAmbiente
Bat, continua la moria di tartarughe

Bat, continua la moria di tartarughe

 
PotenzaIl caso
Stellantis, Bardi: nuova prospettiva per lo stabilimento di Melfi

Stellantis, Bardi: nuova prospettiva per lo stabilimento di Melfi

 
TarantoDroga
Taranto, due arresti per spaccio

Taranto, due arresti per spaccio

 
Materala vicenda
Truffa dell'arrotino, una denuncia a Matera

Truffa dell'arrotino, una denuncia a Matera

 

i più letti

L'analisi

Se le scuole riaprono ma stravince la dad

Dal tracciamento ai trasporti è cambiato ben poco dall’inizio dell’anno. Il problema di fondo rimane ed è più grave in quelle regioni dove la confusione vince sempre sulla chiarezza. Una? La Puglia

didattica a distanza

Dopo «resilienza», la seconda parola più gettonata dai politici italiani, in questi giorni, è «certi», la terza «del senso», quarta «di responsabilità», quinta e ultima «degli italiani». Ora cosa voglia dire «resilienza» non lo sa nessuno. Come probabilmente pochi - soprattutto pochi politici - conoscono il livello del senso di responsabilità degli italiani soprattutto in piena primavera e dopo mesi di più o meno duro lockdown. Un livello indecente, da quanto visto ieri e l’altro ieri.
Bar, ristoranti, cinema, spiagge stanno faticosamente rialzando le saracinesche e già si appalesa l’incubo degli epidemiologi: la coda. È accaduto a Milano all’alba davanti ad una sala cinematografica.

Accade (accadeva anche prima) davanti ai locali di qualsiasi città italiana dalla Val d’Aosta alla Sicilia. La politica, quella «certa del senso di responsabilità degli italiani», imbarazzata, la butta in caciara e litiga sui massimi sistemi: meglio tornare a casa alle 22 con una tolleranza di dieci minuti, o alle 23?
Tant’è. Mentre il dibattito si apre - e nessuno riesce a chiuderlo - silenzio sull’unica vera attività che dovrebbe essere svolta come Dio comanda e nella massima sicurezza: la scuola.

Dal tracciamento ai trasporti è cambiato ben poco dall’inizio dell’anno. Il problema di fondo rimane ed è più grave in quelle regioni dove la confusione vince sempre sulla chiarezza. Una? La Puglia. Qui almeno il 70% degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado da ieri poteva tornare a seguire le lezioni in presenza, con il passaggio in zona arancione, ma l’impressione - stando alle richieste di didattica a distanza pervenute agli istituti scolastici dalle famiglie - è che di alunni nelle classi ce ne siano davvero pochi.

A Bari licei e istituti tecnici si sono organizzati per la riapertura dopo le sei settimane di chiusura per la zona rossa e comunque con la possibilità per le famiglie, come avviene da ottobre 2020, di scegliere la Dad. Al liceo scientifico Scacchi la dirigente Chiara Conte ha comunicato la presenza solo di 46 studenti su 1.540, meno del 3%. Stesso panorama all’istituto Euclide-Caracciolo, al liceo scientifico Fermi (una decina di ragazzi sugli oltre 1.600 iscritti), al Convitto Cirillo, all’istituto Giulio Cesare, all’istituto De Lilla, al Majorana eccetera.

«Si continua a non voler affrontare il problema in maniera concreta: l'unica soluzione è lo scaglionamento degli orari», scrive il presidente di Asstra Puglia e Basilicata, l’associazione delle imprese private di trasporto, Matteo Colamussi, in merito al trasporto scolastico, con i mezzi che non possono superare il 50% di riempimento.
Il governatore Michele Emiliano del resto sa che i miracoli non si possono fare (a livello locale e nazionale, ma già quando più di un anno fa il virus è apparso e si è trovato davanti un nemico che giocava con i banchi a rotelle) ed è per questo, con i contagi ancora alti, che ha deciso di passare la patata bollente alle famiglie: decidete voi tra presenza e Dad (didattica a distanza).
Qui hanno tutti ragione. L’epidemia molla la presa appena appena e fa ancora paura. Ma ha ragione anche chi chiede allo Stato di fare lo Stato. E la decisione sulla riapertura delle scuole non può spettare alla Regione, né tantomeno alle famiglie. Riguarda le competenze statali e lo Stato - prendendosi le proprie responsabilità - ha deciso per il via libera. Magari, organizzandosi prima e meglio...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie