Martedì 29 Settembre 2020 | 01:46

NEWS DALLA SEZIONE

Il punto
Il presidente dell'Inps e l'idea dei manager a basso costo

Il presidente dell'Inps e l'idea dei manager a basso costo

 
il punto
Il dilemma del Carroccio tra nazione e regioni

Il dilemma del Carroccio tra nazione e regioni

 
Il commento
Se la mascherina a Foggia è d'obbligo

Se la mascherina a Foggia è d'obbligo

 
L'ANALISI
Dove ancorarsi di fronte alla tempesta coronavirus

Dove ancorarsi di fronte alla tempesta coronavirus

 
Il commento
Studenti, i grandi più garantiti dei piccoli

Studenti, i grandi più garantiti dei piccoli

 
L'ANALISI
Sud reagisci così pensano di toglierti i soldi europei

Sud reagisci così pensano di toglierti i soldi europei

 
L'analisi
Il super blindato Premier ora può alzare la posta

Il super blindato Premier ora può alzare la posta

 
IL PUNTO
Credito e finanza non ostacoliamo il cambiamento

Credito e finanza: non ostacoliamo il cambiamento

 
l'Analisi
Ridotta la quantità aumentiamo la qualità

Referendum e riduzione parlamentari: ridotta la quantità aumentiamo la qualità

 
Analisi
Le stagioni dello scontro tra destra e sinistra

Le stagioni dello scontro tra destra e sinistra

 
Analisi
Puglia, via libera da Consiglio Ministri a decreto su doppia preferenza di genere

La preferenza di genere. Storia di un flop annunciato

 

Il Biancorosso

Post-partita
Bari, Auteri vede bicchiere mezzo pieno: «Troppi regali, ma siamo solo all'inizio»

Bari, Auteri vede bicchiere mezzo pieno: «Troppi regali, ma siamo solo all'inizio»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceLe indagini
Lecce, fidanzati massacrati a coltellate: al setaccio memoria pc e cellulari

Lecce, fidanzati massacrati a coltellate: al setaccio memoria pc e cellulari

 
MateraIn tribunale
Marconia, minorenne stuprate alla festa: al via incidente probatorio

Marconia, minorenne stuprate alla festa: al via incidente probatorio

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, 3mila euro per evitare attacchi su a ex consigliere regionale: indagato blogger

Taranto, 3mila euro per evitare attacchi su a ex consigliere regionale: indagato blogger

 
BariIl sindaco
Altamura, allunno positivo al Covid: terza scuola chiusa in pochi giorni

Altamura, allunno positivo al Covid: terza scuola chiusa in pochi giorni

 
FoggiaCoronavirus
Asl Foggia, contagiato dal Covid operatore sanitario: tamponi urgenti

Asl Foggia, contagiato dal Covid operatore sanitario: tamponi urgenti

 
PotenzaIn ospedale
Potenza, al San Carlo impianto di protesi acustica di ultima generazione, è il primo in Sud Italia

Potenza, al San Carlo impianto di protesi acustica di ultima generazione, è il primo in Sud Italia

 
BatIl caso
Barletta, per arginare i contagi il sindaco «frena» le scuole di danza: proteste

Barletta, per arginare i contagi il sindaco «frena» le scuole di danza: proteste

 
BrindisiIl caso
Brindisi, ricovero choc al Perrino: donna non si lavava da anni, larve di mosca nelle ferite

Brindisi, ricovero choc al Perrino: donna non si lavava da anni, larve di mosca nelle ferite

 

i più letti

Analisi

Nella città di Modugno come un frutto fuori stagione

La pandemia si diffonde come la calunnia di rossiniana memoria, è un “venticello… che alla fin trabocca e scoppia, si propaga e si raddoppia” fino a trasformarsi in una pericolosa catena di Sant’Antonio

Nella città di Modugno come un frutto fuori stagione

Settantotto. Non stiamo dando i numeri, ma sono i tamponi risultati positivi fra i lavoratori di un’azienda agricola di Polignano a Mare che hanno trasformato uno dei più begli angoli di Puglia, fiore all’occhiello del turismo dell’intera regione, in un focolaio d’infezione. In questi casi, la prudenza non è mai troppa, ma se questi sono i numeri ufficiali, è facile presumere che i potenziali soggetti da sottoporre a isolamento potrebbero essere molti di più, solo a considerare la quantità di contatti che ognuno dei contagiati può aver avuto ben al di là del posto di lavoro.

Perché la pandemia, per dirlo in maniera ancora più chiara, si diffonde come la calunnia di rossiniana memoria, è un “venticello… che alla fin trabocca e scoppia, si propaga e si raddoppia” fino a trasformarsi in una pericolosa catena di Sant’Antonio. E fa rabbia che questo ennesimo, sciagurato exploit si sia registrato proprio a Polignano a Mare, che nemmeno due mesi fa si era imposta come un concentrato di coraggio e virtù, ospitando l’edizione fisica del “Libro possibile” e dimostrando come non fosse rischiosa una ripresa in sicurezza persino delle tanto neglette attività culturali, sottoposte a regole e restrizioni che poi, non si capisce perché, non sono state imposte da subito anche a quei luoghi di svago rivelatisi invece dei micidiali volani dell’infezione.

Intendiamoci, individuare cause e responsabilità è un compito che spetta ad altri, eppure di qualcosa bisognerà farsi una chiara ragione: la fine del lockdown non è stato un “tana libera tutti” e chi lo ha pensato si è assunto la responsabilità della ripresa dei contagi, ben oltre le previsioni dei sanitari. Questo ennesimo episodio sta a ricordarci che col virus dovremo convivere a lungo e che pur senza fare ricorso al “dagli all’untore”, dovremo saper assumere – e pretendere civilmente dagli altri – atteggiamenti responsabili ancora per molto tempo. Perché se non ce ne siamo accorti, dopo i cori dai balconi, abbiamo subìto un rigurgito di irresponsabilità che ha sconfessato le teorie di quanti avevano attribuito alla quarantena la capacità di renderci migliori.

E davanti ai raduni di negazionisti – tranquilli, si ammalano anche loro – o alle migliaia di “like” che il popolo della rete ha elargito alla signora del “Non ce n’è coviddi” trasformandola in una penosa influencer, le uniche parole sagge che ci tornano alla mente sono quelle di Massimo Cacciari. Per il quale chi era imbecille (ma lui aveva usato una espressione molto più… forte) prima della quarantena, lo sarebbe rimasto anche dopo ed anzi, aveva ottime possibilità di peggiorare.

Serve un cambio di passo, allora, nella mentalità di tutti, per cominciare a capire che il virus non va in naftalina come gli abiti al cambio di stagione: ci ha colti alla sprovvista in inverno e ha dimostrato di non temere il caldo estivo. E che nell’attesa di uno sperimentato sostegno farmaceutico, il vaccino più importante sta nei nostri comportamenti, quegli stessi che non tutti hanno assunto durante i fine settimana al mare su spiagge affollate fino all’inverosimile alla faccia del distanziamento o nelle serate della movida: ritenevano che fosse sufficiente evitare Croazia, Grecia e Spagna per mettersi al sicuro? Eccoli serviti. La stagione turistica della Puglia da tutto esaurito sta volgendo al termine, ma i contagi continuano e la curva è in crescita. E forse non è esagerato dire che si è chiuso qualche occhio di troppo anche quando sarebbe stato preferibile intervenire. E sanzionare a costo di rendersi impopolari.

Il caso di Polignano la dice lunga: prima il Comune, poi un’azienda privata e non sappiamo ancora nulla di possibili reazioni a catena, ma guai a pensare che non sarebbe potuto o che non possa accadere altrove, in Puglia come in Basilicata. Non ci saranno altri lockdown, così almeno assicura il governo, ma per evitare il ricorso alle chiusure bisogna far sì che stavolta non siano i nostri comportamenti a creare danni ancora più gravi, alla salute come all’economia. Ripartiamo da Polignano, allora, nell’augurio che il paese di Domenico Modugno esca presto da questo incubo senza danni gravi. E adoperiamo le necessarie cautele: abbiamo tutti bisogno di…”Volare”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie