Martedì 26 Marzo 2019 | 11:19

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

 
L'analisi
Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

 
L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariCambio di gestione
Rifiuti, a Mola di Bari il servizio raccolta passa di mano

Rifiuti, a Mola di Bari il servizio raccolta passa di mano

 
LecceIl convegno
«Breast Unit», cresce del 18% sopravvivenza dal cancro al seno

«Breast Unit», cresce del 18% sopravvivenza dal cancro al seno

 
FoggiaIl riconoscimento
Istituto di Foggia vince premio OdG per giornale scolastico

Istituto di Foggia vince premio OdG per giornale scolastico

 
TarantoNel Tarantino
Frode da 2,6mln di euro a Regione Puglia, sequestrati beni a società di Massafra

Frode da 2,6mln di euro a Regione Puglia, sequestrati beni a società di Massafra

 
PotenzaQuote rosa
Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

Regionali, una donna in Regione dopo 10 anni: è una 33enne della Lega

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena con «Maratona di New York»

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

Razzismo

Tolleranti e civili a prova di telescopio

«Un’aggressione è di per sé punibile, ma diventa un reato più grave quando motivata dal fatto che l’aggredito sia un nero, un musulmano, un ebreo, un rumeno e via discorrendo»

Tolleranti e civili a prova di telescopio

Il mondo è come lo vedi. Accade così che, nel bel mezzo della torrida estate, il ministro Lorenzo Fontana colpisca ancora, questa volta attaccando la c.d. legge Mancino che punisce i comportamenti legati all’ideologia nazifascista finalizzati alla violenza e alla discriminazione per motivi razziali, etnici, religiosi o nazionali (l. 25 giugno 1993, n. 205). Fontana, anzi, ne chiede l’abrogazione. ui ritiene che si sia «trasformata in una sponda normativa usata dai globalisti per ammantare di antifascismo il loro razzismo anti-italiano».
Appare singolare, tuttavia, evocare un razzismo all’incontrario”, quello di alcuni italiani nei confronti dei loro connazionali e persino di loro stessi. Ogni opinione è legittima, ma sinceramente si fa fatica a comprendere (e a condividere) una siffatta interpretazione della realtà. Un manipolo di “nemici della patria” e i loro schiavi – tra cui, naturalmente, in prima fila vi sono giornalisti e commentatori mainstream, seguiti da alcuni partiti – starebbe attentando all’integrità e all’onore del popolo italiano, reo di non essere in linea con la retorica del pensiero unico. Si tratterebbe di una pericolosa arma ideologica appositamente congegnata per orientare le opinioni, per sopprimere l’identità e la storia degli italiani al fine di renderli strumentalizzabili.
Ora, che effettivamente esista questa arma di distruzione delle masse è alquanto improbabile. Tale affermazione sembra piuttosto evocare – al pari del riferimento ai «burattinai della retorica» – le tante teorie del complotto per la verità molto care ai soci di maggioranza del partito di cui il ministro è vicesegretario: dallo sbarco sulla Luna all’11 settembre, per non parlare delle gettonatissime scie chimiche. Ma, complottismi a parte, è proprio il risultato elettorale del 4 marzo a smentire la tesi: se il patto d’acciaio dei media mainstream e dei partiti politici cui sarebbero legati fosse realmente esistito e avesse plasmato le opinioni degli italiani come si spiega un risultato elettorale che ha premiato in maniera sensibile le attuali forze di governo? E se questo “contratto” ancora esiste ed opera, come mai i sondaggi danno a Movimento Cinque Stelle e Lega il sessanta per cento dei voti potenziali degli italiani?
La verità è un’altra, allora.
Non c’è nessun Grande Fratello che incombe sugli italiani e che vuole imporre un pensiero unico. Se mai, occorrerebbe aprire un dibattito sul peso dei media non tradizionali nella formazione delle opinioni di ciascuno. Non certo per sbandierare un passatismo fuori luogo (e fuori tempo), ma per meglio comprendere le dinamiche, non sempre trasparenti, che sottendono a quelli che sono inevitabilmente destinati a divenire gli strumenti di comunicazione primari – se non esclusivi – dei prossimi anni. È di questi giorni la notizia dell’attacco perpetrato via web nei confronti di Sergio Mattarella la notte successiva al suo rifiuto di nominare Paolo Savona ministro dell’Economia, mediante la creazione di 400 profili Twitter, riconducibili ad un’unica fonte (russa?), che hanno inondato la rete di messaggi nei quali si chiedeva al Presidente della Repubblica di dimettersi. E ieri abbiamo appreso da il Fatto Quotidiano che partiti e movimenti risultati vincitori nell’ultima tornata elettorale si sono avvalsi di fabbriche di troll, organizzazioni che operano on line diffondendo messaggi provocatori e fake news o creando profili fasulli, riconducibili a falsi influencer, interferendo così nei processi di informazione e comunicazione.
Diradate le nubi su possibili presenze orwelliane, resta il cuore della questione posta dal ministro, forse nell’ambito della ricerca di un profilo identitario “forte” nell’attuale compagine governativa o comunque di una visibilità che certo non gli difetta. Anche a costo di rimanere praticamente solo, com’è accaduto questa volta con le nette prese di posizione di Giuseppe Conte, Luigi Di Maio e (pur se in maniera più sfumata) Matteo Salvini.
La legge Mancino si propone – tra l’altro - di reprimere i crimini violenti generati dall’odio. Un’aggressione è di per sé punibile, ma diventa un reato più grave quando motivata dal fatto che l’aggredito sia un nero, un musulmano, un ebreo, un rumeno e via discorrendo. La vittima viene “punita” per il solo fatto di appartenere ad un gruppo odiato dall’aggressore, il cui scopo è quello di logorare o annientare l’identità sociale dell’aggredito.
Dunque, niente pensiero unico, anzi.
Nessuna soppressione delle identità personali o sociali, in nome del globalismo, parola alla moda che non vuol dire certo negazione delle diversità e delle specificità di popoli e individui.
Quanto, infine, a quella parte della legge Mancino che punisce l’incitamento alla discriminazione o alla violenza e la propaganda di idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico, basti ricordare che non è altro che la proiezione della visione del liberalismo classico del XVII secolo a proposito di libertà di manifestazione del pensiero, secondo cui le idee che incitano apertamente alla violenza e alla discriminazione non debbono godere, per ovvie ragioni, della medesima tutela apprestata per tutte le altre opinioni.
Indro Montanelli, giornalista di grande pragmatismo, scriveva: «Siamo tolleranti e civili, noi italiani, nei confronti di tutti i diversi. Neri, rossi, gialli. Specie quando si trovano lontano, a distanza telescopica da noi». Oggi, piuttosto che assecondare (o amplificare) quest’inclinazione, occorrerebbe contrastarla. A tutti i livelli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400