Martedì 26 Marzo 2019 | 11:38

NEWS DALLA SEZIONE

La riflessione
Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

Governo, alleati ma sempre più concorrenti a caccia di voti

 
L'analisi
Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

Amaro lucano per Di Maio nell’urna dolce per Salvini

 
L'analisi
Il circolo vizioso che frena la Basilicata

Il circolo vizioso che frena la Basilicata

 
La riflessione
La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

La «favola» del bus a fuoco e la sua morale per Salvini

 
L'analisi
Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

Il Movimento in affanno e politiche all’orizzonte

 
La riflessione
L’autonomia non fa cultura

L’autonomia non fa cultura

 
L'analisi
Via della seta, ma per il Sud via della beffa

Via della seta, ma per il Sud via della beffa

 
La riflessione
La metamorfosi del belpaese dalla Vlora alla Diciotti

La metamorfosi del Belpaese dalla Vlora alla Diciotti

 
L'analisi
Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

Gli aiuti di Stato il credito e il paradosso tra i due diritti

 
la polemica
La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

La Madonna della Pace salentina «plagiata» da una casa di moda tedesca

 
La riflessione
Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

Matera, silenzio sui suoi ambasciatori di cultura locale

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa polemica
Elezioni, blog 5 Stelle: «Pd elegge Pittella e 2 indagati»

Elezioni, blog 5 Stelle: «Pd elegge Pittella e 2 indagati»

 
BariCambio di gestione
Rifiuti, a Mola di Bari il servizio raccolta passa di mano

Rifiuti, a Mola di Bari il servizio raccolta passa di mano

 
LecceIl convegno
«Breast Unit», cresce del 18% sopravvivenza dal cancro al seno

«Breast Unit», cresce del 18% sopravvivenza dal cancro al seno

 
FoggiaIl riconoscimento
Istituto di Foggia vince premio OdG per giornale scolastico

Istituto di Foggia vince premio OdG per giornale scolastico

 
TarantoNel Tarantino
Frode da 2,6mln di euro a Regione Puglia, sequestrati beni a società di Massafra

Frode da 2,6mln di euro a Regione Puglia, sequestrati beni a società di Massafra

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena con «Maratona di New York»

 
BrindisiI funerali
L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

L’addio a Davide, Sara e Giulia: tre comunità del Brindisino unite dal dolore

 

L'analisi

Un «patto» per far rivivere lo sport che conta

Mai come oggi la città di Bari è piena di stadi, palestre, piscine e piste che funzionano a pieno regime. Insomma ci sono i contenitori, ma mancano i contenuti

Un «patto» per far rivivere lo sport che conta

I colori biancorossi dello sport di vertice si stingono, sbiadiscono. Se non fosse per il rosa fluo delle ragazze del calcio femminile (la Pink ha anche vinto lo scudetto Primavera e giocherà in serie A) e per il rosso sgargiante della canoa polo del Cus (serie A1), nel capoluogo pugliese lo sport che conta a livello di squadra non esiste più.
La città felice e vincente degli anni passati ha lasciato il posto alla città infelice e sconfitta. Con un paradosso: mai come oggi siamo pieni zeppi di stadi, palestre, piscine e piste che funzionano a pieno regime. Insomma, ci sono i contenitori, mancano i contenuti. L’addio del Bari calcio è solo l’ultimo di una lunga lista nera.

Mancano da tanto tempo pallacanestro e pallavolo, che invece sgomitano nei campionati minori. La pallanuoto ha fatto un passo indietro ed è ripiombata nello stagno della serie B, il rugby non riesce a venir fuori dalla palude della serie C; per vedere la pallamano che conta bisogna andare a Conversano; il tennis cerca lentamente di guadagnare posizioni. La grandeur si è sgretolata, complice la cronica mancanza di fondi, l’assenza di un significativo sostegno istituzionale, la latitanza degli sponsor, l’anomalia di un tessuto imprenditoriale sordo, pur predicando l’attaccamento al territorio. E a proposito di istituzioni, la burocrazia a volte sembra accanirsi, girando il dito nella ferita, come per la incredibile vicenda della richiesta - da parte del Comune - del pagamento della tassa rifiuti a chi gestisce gli impianti sportivi cittadini. Il tramonto sulla città del lungomare non è mai stato così nero.

Buona volontà e competenza non bastano più per volare alto. Dice Angelo Giliberto, presidente del Coni Puglia: «Che la scomparsa della squadra del Bari dal calcio professionistico sia un bruttissimo colpo per la città e lo sport barese è lampante. Negli sport di squadra, ad alti livelli non resta ora che il baluardo della Pink Bari, che disputa la serie A di calcio femminile e ha appena vinto lo scudetto Primavera. Adesso il paradosso che vive lo sport cittadino è ancora più evidente: sotto il profilo impiantistico vanta strutture al top, si pensi ai due stadi, al PalaFlorio, al Cus, alle piscine comunali, alla lunga serie di palestre di quartiere, PalaMartino in testa, fino ai playground diffusi. Un patrimonio che, aggiungendoci il calore che i tifosi baresi sanno dare, si scontra sempre più con l’assenza di squadre di livello: dal basket al volley alla pallanuoto, discipline che a Bari per motivi e vicissitudini diverse non sono riuscite a trovare costanza nella crescita. Un problema che ha varie cause: di gestione delle società sportive, di un appeal che di fatto non si riesce a costruire col tessuto imprenditoriale del territorio, quindi anche di approccio culturale.

«Eppure abbiamo tecnici in grado di allevare talenti in tanti sport - nelle discipline individuali pensiamo a baresi doc come l’oro olimpico Domenico Montrone nel canottaggio, al judoka Giuliano Loporchio, fresco anche di un argento ai Giochi del Mediterraneo, al plurimedagliato Fabio Parisi nella greco-romana, per fare qualche nome recente - oltre che grandi capacità nell’organizzare grandi eventi, da tempo sempre più presenti anche in città. Come Coni Puglia, i corsi della nostra Scuola regionale dello sport, nel formare dirigenti attraverso tutti gli strumenti di management, puntano in parallelo a far passare un messaggio-chiave: il movimento sportivo di base deve recuperare il suo approccio più autentico, quello del volontariato, della passione che sappia prescindere dalla immediata circolazione della moneta. Un antidoto per uno sport fattosi troppo imprenditoriale già a livelli di base».

Perché allora non dare vita a un patto per far rinascere lo sport di vertice? Magari creando un consorzio di società baresi, pronte a razionalizzare le risorse disponibili, con una seria programmazione? C’è il tempo per discutere prima che partano i campionati: una sinergia di alto profilo farebbe risplendere di nuovo i colori biancorossi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400