Domenica 14 Agosto 2022 | 23:55

In Puglia e Basilicata

PensieriCorrenti Festival

Davide Shorty in concerto a Locorotondo: «Il pianeta lo salviamo partendo da noi stessi»

Davide Shorty in concerto a Locorotondo: «Il pianeta lo salviamo partendo da noi stessi»

Il cantante palermitano sarà sul palco il 29 luglio, in piazza Aldo Moro

27 Luglio 2022

Bianca Chiriatti

Prende il via questa sera da Locorotondo (Ba) la seconda edizione di PensieriCorrenti Festival, che si propone di unire la divulgazione scientifica alla cultura e all'arte, per renderla più fruibile a tutti. Un fitto programma che fino al 31 luglio animerà la centralissima Piazza Aldo Moro con una serie di eventi, incontri, divulgazioni e concerti nati da un'idea dell'associazione culturale Itriae Culturae in collaborazione con l'Universita degli Studi di Bari 'Aldo Moro'.

Tra gli appuntamenti più attesi indubbiamente quello del 29 luglio con Davide Shorty, talento musicale poliedrico, cantautore, rapper e producer di Palermo capace di far convivere la sua inconfondibile voce soul con sonorità innovative e melodie contaminate da jazz e rap. «Un vero piacere poter essere parte di un contesto del genere, cerco di rispettare il posto in cui viviamo, essere gentile con il pianeta. Purtroppo abbiamo un modo di fare che ci porta a danneggiarlo, dovremmo rimetterci in discussione, rivedere le nostre abitudini. Come musicista oltre a fare intrattenimento, riuscire un minimo a educare un pubblico ritengo sia una cosa meravigliosa».

Una consapevolezza e sensibilità che sono cresciute col tempo: «È evidente che tutto abbia un impatto nella nostra vita, e occorre dare segnali forti e importanti. Ho iniziato a meditare, a cercare una riconnessione con me stesso e con il mondo che mi circonda, purtroppo altrove vedo menefreghismo e rassegnazione. Nonostante tutto anche nel nostro piccolo è importante provare a fare la differenza».

Il nuovo singolo di Davide Shorty si chiama «Fame Chimica», brano spensierato e per una volta lontano dal consueto impegno nelle tematiche: «Ho ricevuto un beat ed è nato in automatico, c'è bisogno di un po' di leggerezza dopo gli anni che abbiamo passato. È quasi un esercizio di stile, una canzone giocosa, non volevo appesantirla ma volevo che fosse per come l'ho concepita». E per il futuro sicuramente lo aspetta «tanta buona musica. Il giradischi è sempre acceso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725