Giovedì 09 Luglio 2020 | 00:39

NEWS DALLA SEZIONE

Cultura e spettacoli
Nardò, «Sassidacqua» di Mino De Santis fra dolce e amaro

Nardò, «Sassidacqua» di Mino De Santis, fra dolce e amaro

 
Musica e spettacolo
Il rap urbano di Claid, denunce e speranza

Barletta, il rap urbano di Claid, tra denunce e speranza

 
musica
Niccolò Fabi: «Il mio live al Locus, tra canzoni e regole di sicurezza»

Niccolò Fabi: «Il mio live al Locus, tra canzoni e regole di sicurezza»

 
nuove uscite
«Ogni angolo è un mondo»: online il video dei salentini Crifiu con Valerio Jovine

«Ogni angolo è un mondo»: online il video dei salentini Crifiu con Valerio Jovine

 
nuove uscite
Il rapper pugliese Nilo e l'estate spensierata a «Porto Rico»

Il rapper pugliese Nilo e l'estate spensierata a «Porto Rico»

 
nuove uscite
«Last Goodbye»: il pugliese Stefano Cece reinterpreta il classico di Jeff Buckley

«Last Goodbye»: il pugliese Stefano Cece reinterpreta il classico di Jeff Buckley

 
Lutto
C’era una volta Ennio. Addio a un’icona del ‘900

C’era una volta Ennio Morricone. Addio a un’icona del ‘900

 
Musica
A Trani Larry Franco omaggia Santorsola

A Trani Larry Franco omaggia Santorsola

 
sinergie musicali
«Deja que llora», Bob Sinclair pubblica pezzo del duo barese Dual Beat

«Deja que llora», Bob Sinclar pubblica pezzo del duo barese Dual Beat

 
L'Intervista
Di Maglie: noi artisti non siamo delle cicale. Al lavoro per il suo nuovo disco

Di Maglie: noi artisti non siamo cicale. Al lavoro per il nuovo disco

 
Musica
Una chitarra pugliese per il Gispsy jazz

Una chitarra pugliese per il gipsy jazz: esce l'album di Pietro Lazazzara

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari, Raffaele Bianco: «Cresce la tensione per i playoff»

Bari, Raffaele Bianco: «Cresce la tensione per i playoff»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa firma
Taranto, intesa su corso Medicina in ex sede della Banca d'Italia

Taranto, intesa su corso Medicina in ex sede della Banca d'Italia

 
LecceIl provvedimento
Dl semplificazioni, esclusa ma ss 275. Fitto: incredibile, la Regione in silenzio

Dl semplificazioni, esclusa la ss 275. Fitto: incredibile, la Regione in silenzio

 
Foggiasul gargano
Foggia, prefetto emette 2 interdittive antimafia: presunti legami con i clan

Foggia, prefetto emette 2 interdittive antimafia: presunti legami con il clan

 
Batnella bat
Trani, minacce ed estorsioni ai genitori per comprare alcol: arrestato 50enne

Trani, minacce ed estorsioni ai genitori per comprare alcol: arrestato 50enne

 
Brindisinel Brindisino
Tuturano, aggredisce e picchia la moglie davanti ai figli: arrestato 30enne

Tuturano, aggredisce e picchia la moglie davanti ai figli: arrestato 30enne

 
MateraLa battaglia Legale
Matera, l'ex casello conteso resta in mano al Comune

Matera, l'ex casello conteso resta in mano al Comune

 
Potenzail caso
Potenza, giallo mascherine: blitz Finanza al San Carlo

Potenza, giallo mascherine: blitz Finanza al San Carlo

 

i più letti

L'intervista

Torna a Bari Notre Dame de Paris, il pugliese Graziano Galatone è tra le colonne del cast

L'attore interpreta il ruolo di Febo fin dalla prima messinscena: appuntamento del 10 al 15 dicembre al PalaFlorio

Torna a Bari Notre Dame de Paris, il pugliese Graziano Galatone è tra le colonne del cast

Dopo 17 anni di repliche, con oltre 4 milioni di spettatori solo in Italia, torna in scena a Bari Notre Dame de Paris, l’opera popolare moderna con le musiche di Riccardo Cocciante, tratta dal romanzo di Victor Hugo. L’appuntamento è al PalaFlorio, da martedì 10 a domenica 15 dicembre, e nel cast, oltre a Giò Di Tonno (Quasimodo), Elhaida Dani (Esmeralda), vincitrice della prima edizione di The Voice of Italy e Vittorio Matteucci (Frollo), c'è il pugliese Graziano Galatone, nato a Palagianello (Ta), che dal 2002 veste i panni del perfido capitano Febo.

Cosa si prova a portare in scena ancora una volta «Notre Dame de Paris?»
«È sicuramente un onore far parte ancora di questo cast, vuol dire che il personaggio funziona, è artisticamente credibile, e il pubblico è affezionato allo spettacolo e a noi attori. È curioso come a volte vengano a trovarci in camerino alcuni fan che ci portano foto di tanti anni fa, in cui erano venuti a vederci da bambini, e oggi sono più che ventenni! Mi diverte molto».

Lei è una delle colonne portanti del cast, presente fin dalla prima messinscena: qual è la forza di quest’opera, ancora così acclamata dopo quasi 18 anni di repliche?
«Il pubblico italiano è romantico, ci si affeziona spesso alle storie d’amore, poi le canzoni sono diventate veri e propri classici, si canticchiano subito, e più un motivo è orecchiabile, più entra nei cuori della gente. È questa la forza di Notre Dame, insieme alla costruzione dello spettacolo, alla regia, all’innovazione. Il pubblico viene per assistere, ma anche per cantare, vuole essere coinvolto»

A quale tratto del personaggio di Febo è più affezionato?
«Febo non è una bella persona, non è un tipo piacevole, ma ha comunque un ruolo chiave nello spettacolo, viene manipolato da tutti, è il demone della situazione. Alla fine, però, gli arriva la fregatura, perché è vero che gli altri muoiono e lui sopravvive, ma sposa Fiordaliso. Che forse è anche peggio della morte».

Ha ribadito spesso e volentieri il forte legame con la sua regione. Com’è il pubblico pugliese?
«Senza dubbio gli spettatori del Sud sono più calorosi, per natura. Altrove il pubblico è più composto, ma questo spettacolo rende la platea unica e riconoscibile: mentre al Teatro dell’Opera un certo coinvolgimento sarebbe un elemento di disturbo, qui si cerca l'interazione, e gli spettatori rispondono con entusiasmo»

Oggi secondo lei qual è la situazione del teatro musicale in Italia?
«Il genere dell’opera è rimasto integro per decenni, ma io non sono mai chiuso davanti alle evoluzioni. Tutti i classici se trasformati con nuove tecnologie, strumenti, musicalitá, possono innovarsi ed essere recepiti da un pubblico più vasto, anche più giovane. È così che Notre Dame ha avuto questo successo»

Che progetti ha Graziano Galatone appena finita la tournée?
«Tutti i giorni sono impegnato su Rai 2 con I Fatti Vostri, sto facendo la spola tra Roma e le varie cittá dove siamo impegnati con gli spettacoli, è faticoso ma sono molto felice. Quest’estate invece sarò in giro con la mia band, con uno show più leggero: divento intrattenitore puro, nelle piazze, in eventi e concerti, raccogliendo le più belle canzoni italiane e internazionali. Il pubblico apprezza questa mia versatilitá».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie