Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 07:13

NEWS DALLA SEZIONE

NEWS DALLE PROVINCE

LecceComponente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
MateraNel Materano
Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

 
BariInaugura il 21 febbraio
Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

 
TarantoAl Teatro Fusco
La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

 
BrindisiA Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
BatDopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
FoggiaLa storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 

La protesta

Gilet arancioni invadono Roma: migliaia di agricoltori pugliesi contro il Governo

Intanto arriva l'ok al decreto da Centinaio «Ora servono i soldi»

Sono già radunati a piazza Santi Apostoli gli olivicoltori con i gilet arancioni arrivati a Roma da Puglia, Calabria, Sicilia, Campania, Lazio, Abruzzo e Toscana, per chiedere decreti d’urgenza e risorse per le gelate che hanno messo in ginocchio l’olivicoltura pugliese e per la xylella, la peste degli ulivi. Tanti i cartelli che si leggono che raccontano storie di sofferenze, «Ridateci la dignità», «Non siamo cittadini di Serie B», «In attesa del decreto moriremo gelati». Non mancano riferimenti alla politica sulle posizioni ambigue in tema xylella del M5S, «Con Grillo in regia attentate la nostra economia» o «Di Maio incontra i gilet gialli francesi, e gli olivicoltori quando?».
In piazza campeggia un tappeto di rami secchi legati da nastrini arancioni e un feretro pieno di bottiglie di olio extravergine d’oliva italiano, una delle prime simboliche azioni di protesta che gli olivicoltori hanno preparato. 

«E' l’immagine simbolo della nostra olivicoltura ridotta ad un cimitero di ulivi per la xylella e per le gelate dello scorso anno - afferma il portavoce dei gilet arancioni, Onofrio Spagnoletti Zeuli - senza interventi rapidi e concreti del governo saremo costretti a chiudere tutto e sarebbe una bomba sociale ed economica per il Sud intero».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400