Venerdì 24 Settembre 2021 | 05:35

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Il comizio

Di Maio a Matera: «Recovery Fund? Soldi in mano a responsabili». Scatta contestazione in piazza

Il Ministro: «I fondi saranno spesi da Regioni e Comuni»

MATERA  - «Di tutto questo parleremo ovviamente dopo le elezioni. Per quanto mi riguarda siamo concentrati su due cose: il referendum e il Recovery fund»: Così il Ministro degli esteri, Luigi Di Maio - a Matera per partecipare ad un’iniziativa elettorale - ha risposto all’ANSA che gli chiedeva un commento alle parole del vicesegretario del Pd, Andrea Orlando, che aveva parlato di un «tagliando» per il Governo. «Il 20 e il 21 settembre col referendum - ha continuato Di Maio - tagliamo 345 parlamentari, un fatto storico. Il secondo tema è il Recovery fund: abbiamo 200 miliardi da spendere in poco tempo, in pochi anni, per risollevare l’economia italiana. Su questo c'è un fortissimo interesse da parte dei cittadini», ha concluso Di Maio. Il ministro è stato poi contestato da un gruppo di manifestanti armati di cartelloni presenti al comizio in piazza. 

«Per quanto riguarda il Recovery fund vinceremo se riusciremo a spendere i soldi in tempo e bene perché sono l’unico treno che passa per uscire da questa crisi economica": Lo ha detto a Matera il Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, rispondendo alle domande dei giornalisti. «Il tema vero - ha spiegato Di Maio - è che il Recovery fund ci deve permettere di creare lavoro. Quindi digitalizzazione, investimenti nelle ristrutturazione energetiche, nella riqualificazione energetica devono avere al centro le nostre imprese, soprattutto - ha concluso Di Maio - le piccole e medie imprese».

«Regioni e Comuni spenderanno i 200 miliardi del Recovery fund. Mettiamo questi soldi in mano alle persone che responsabilmente sappiano spenderli": lo ha detto a Matera, rispondendo a una domanda sul confronto in vista delle elezioni comunali del 20 e 21 settembre, il Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.
Insistendo sul concetto di spesa affidata a persone responsabili, Di Maio ha aggiunto che «non ci sarà una seconda opportunità».

«Stanno girando molte falsità sul referendum. Non credeteci. C'è chi sta provando a usare la paura degli italiani per fare in modo che tutto resti com'è. Mostriamoci più forti. Il referendum del 20 e 21 settembre è la nostra occasione, l’occasione di ognuno di noi per decidere il futuro di questo Paese». Lo scrive su Fb il ministro Luigi Di Maio postando foto della sua tappa a Matera. «Grazie! Questo è il Sì della piazza di Matera. Una delle tante bellissime piazze che ci stanno accogliendo in questi giorni. Tutte, per dire Sì al taglio di 345 parlamentari», aggiunge Di Maio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie