Venerdì 23 Aprile 2021 | 02:09

NEWS DALLA SEZIONE

Viabilità
Bari, due tamponamenti sulla «100» e sulla «16»

Bari, due tamponamenti sulla «100» e sulla «16»

 
Formazione
Bari, borse di studio ai laureati con tesi sulla città

Bari, borse di studio ai laureati con tesi sulla città

 
Corte d'Appello
Bari, femminicidio al Madonnella: le motivazioni della condanna

Bari, femminicidio al Madonnella
le motivazioni della condanna

 
Il caso
Gita scolastica virtuale? Polemiche per l'iniziativa barese

Gita scolastica virtuale? Polemiche per l'iniziativa barese

 
Covid
A Mola un servizio gratuito di ascolto psicologico

A Mola un servizio gratuito di ascolto psicologico

 
La storia
«Ho perso mio padre, a lui niente monoclonali»: burocrazia fatale per un 69enne barese

«Ho perso mio padre, a lui niente monoclonali»: burocrazia fatale per un 69enne barese

 
La campagna vaccinale
vaccino

Bari, Jhonson & Jhonson arrivato
al «Giovanni Paolo II»

 
Criminalità
Bari, dopo un mese di latitanza arrestato pregiudicato vicino al clan Strisciuglio

Bari, dopo un mese di latitanza arrestato pregiudicato vicino al clan Strisciuglio

 
nel Barese
Recovery, poche risorse al Sud: sindaco di Acquaviva occupa Comune per protesta

Recovery, poche risorse al Sud: sindaco di Acquaviva occupa Comune per protesta

 
L'intervista
Università di Bari, lo Sviluppo Sostenibile come argomento cardine del “nuovo mondo”

Università di Bari, lo Sviluppo Sostenibile come argomento cardine del “nuovo mondo”

 
Palagiustizia
Bari, i capi degli uffici giudiziari scrivono alla Cartabia: «Serve altra sede»

Bari, i capi degli uffici giudiziari scrivono alla Cartabia: «Serve altra sede». Sisto: «Presto sopralluogo»

 

Il Biancorosso

Serie C
Turris e Bari a confronto

Turris e Bari a confronto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccetrasporti
Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

Surbo, riattivazione scalo: «Obiettivo importante per la Puglia e il Salento»

 
BariViabilità
Bari, due tamponamenti sulla «100» e sulla «16»

Bari, due tamponamenti sulla «100» e sulla «16»

 
MateraLavori pubblici
Matera, cambia volto il teatro Quaroni

Matera, cambia volto il teatro Quaroni

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, il commissario del porto ascoltato in Commissione Ecomafie

Taranto, il commissario del porto ascoltato in Commissione Ecomafie

 
GdM MultimediaCultura
Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

Trani, viaggio virtuale nel Polo museale diocesano

 
FoggiaTragedia sfiorata
Rignano Garganico, nigeriano con coltello e spranga di ferro aggredisce equipe medica

Rignano Garganico, nigeriano con coltello e spranga di ferro aggredisce equipe medica

 
BrindisiCovid
Brindisi, contagi in calo: «Merito della zona rossa»

Brindisi, contagi in calo: «Merito della zona rossa»

 

i più letti

Il reportage

Bari, il Covid non frena i patiti del sesso: né mascherina né preservativi

Ragazze giovanissime al lavoro in città fin dalle 17.30: ma qui i controlli non li fa nessuno

BARI - Mascherina? Macché! Il preservativo? Dipende, senza preservativo si guadagna di più. Esiste dunque un terreno dove le regole igieniche e anti contagio sono completamente bandite: le strade del sesso a pagamento. La zona grigia tra illegalità e squallore, tra schiavitù e libera scelta.

Le prostitute non hanno cambiato abitudini, tanto meno i loro clienti. Hanno solo cambiato orari e, in parte, luoghi. L’emergenza sanitaria, questo mostro che si è preso le nostre esistenze e in alcuni casi i nostri affetti più cari, ha investito anche il dark universe del sesso mercenario, mutandone geografia e rituali. Si comincia alle 17.30, in modo che per le 22 clienti e ragazze scompaiano, ma non certo per il rispetto delle norme piuttosto per evitare di inciampare in controlli da parte delle forze di polizia, preoccupazione che agita clienti e sfruttatori, più che le stesse donne. Gli orari sono cambiati, sì. Prima della pandemia il «mercato» apriva i battenti all’imbrunire, si lavorava intensamente in serata, alla chiusura di uffici e negozi, e il venerdì e soprattutto il sabato, si andava avanti fino a notte fonda. E se qualche tempo fa lo zoo si apriva in periferia, adesso la merce è esposta in piena città.

Alla luce del giorno Adesso le ragazze che a piedi, dal quartiere Libertà, raggiungono via Buozzi, Strada Glomerelli, via San Giorgio Martire, le puoi incontrare dopo le 17, in piena luce del giorno. Si muovono a piedi, con le gambe sottili avvolte nei leggins e i tacchi alti. In questa zona sono giovanissime, belle, qualcuna minorenne. Vengono dall’Europa dell’Est, cambiano città al massimo ogni due mesi. Sfruttate, ovvio, dalle «solite» organizzazioni, solo che a differenza di un tempo conoscono la vita che le aspetta in Italia, sanno in anticipo che qualcuna potrà anche provare a fare la badante o la cameriera, ma che la prostituzione è comunque un passaggio obbligato.

Strada Glomerelli Un fuoco ne annuncia la presenza. Sono in tre, giovanissime. Le automobili le caricano all’incrocio tra Strada Glomerelli e la seconda traversa di via San Giorgio Martire, percorrono poche decine di metri e si fermano in uno slargo dove, in automobile, consumano il rapporto. Dall’altra parte della strada, un’autodemolizione, un grande laboratorio di falegnameria, un’azienda di sanitari. Dopo le 18 le attività sono regolarmente in servizio. Arriva pure qualche sparuto cliente, parcheggia accanto alle automobili dove il rapporto orale si consuma sui sedili anteriori, qualcuno non ci bada, qualcun altro non si accorge di nulla.

Lungo via Buozzi Le ragazze sostano a bordo strada. Le auto passano a meno di un metro. Ciascuna ha un cellulare tra le mani, una lieve luce illumina di bianco i loro volti. Altre sono su via Bruno Buozzi, all’imbocco delle tre stazioni di servizio, una dopo l’altra: i clienti le caricano qui, poi si appartano negli sterrati del lungo viale che porta fuori dalla città, c’è chi si spinge negli anfratti di viale Europa. Un’altra è sola, dinanzi all’ingresso dell’ex centrale Enel: una cancellata semi aperta, un piccolo slargo, facile fermarsi, farla salire, e ripartire senza dar tanto nell’occhio. A quest’ora, oltre tutto, tanti uomini sono a caccia, si annusano, si riconoscono, ci sono macchine e furgoncini noti, sia alle prostitute sia ai loro «invisibili» controllori, quelli che il lessico maschile del secolo scorso chiamava protettori, nel peggiore dei casi papponi, quelli che oggi chiamiamo sfruttatori o aguzzini. Certo, la vita di strada non cambia, qualunque sia il nome che scegli di dare alle persone o alle cose. Un tempo erano lucciole, oggi sono spesso vittime della tratta. Di fatto sono lì, vestite in maniera inequivocabile, con il loro mestiere infame e soldi da dover spartire sempre con qualcun altro, che sia l’accompagnatore, il padrone di casa, il connazionale, il fratello, il fidanzato...

Tra Santa Fara e la Peroni Il mercato dunque apre che è ancora giorno. Da strada Glomerelli andiamo verso Santa Fara, anche qui ce ne sono tante, dall’incrocio di Strada Massimi Losacco, poi sotto il cavalcavia, al distributore di benzina, all’ampio e buio slargo con la fabbrica della Peroni. Ragazze dell’Est. Sono quelle che più «tirano» in questo periodo. Quelle che possono chiedere tariffe più alte, fra 35 e 50 euro per mezzora e rapporti completi (senza preservativo, come già detto). Nessuna delle giovani che incontriamo nel pomeriggio fin verso la sera (sono decine e decine) indossa la mascherina.
lo squallore del san nicola Dallo stabilimento della birra è impossibile non sconfinare nel rodeo San Nicola , tra gli enormi parcheggi vuoti, le stradine, le complanari, i tratti di sterrato dove il leggendario mercato del sesso all’ombra dello stadio continua senza sosta. A prescindere da qualsiasi emergenza possibile. L’atmosfera, da queste parti, non cambia mai: febbrile, inquieta e lurida.

Qui le tariffe precipitano. Ci sono donne, uomini e trans che si prostituiscono anche per 5 euro. Ci sono le nigeriane, con le loro postazioni ben delimitate e l’evidente regia criminale dei clan che le governano. Fuochi accesi e fari che nella penombra delle 19 saettano impazziti in un carosello già visto, in quello zoo fatto di voyeuristi, clienti e prostitute/i . Chi vende chi compra chi guarda chi controlla chi insegue. Lo stadio San Nicola è ciò che è sempre stato: motori accesi, disperazione, violenza, abusi.

Nessun controllo La geografia urbana del sesso a pagamento è ben chiara. Le zone, le fasce orarie, le etnie, le tariffe, tutto è noto, anche alle forze di polizia che per la gran parte le evita, per altre transita da qui distrattamente. E poi, cosa ci sarebbe da fare? Se non trovi gli aguzzini cosa potresti volere da queste ragazze? Però ti domandi come sia possibile che nei sacrosanti controlli quotidiani per il rispetto delle leggi anti Covid, nei blitz fatti tra gli adolescenti dell’Umbertino e i balordi dei vari circoli della birra, questo capitolo di bassa umanità non venga per niente passato al setaccio, piuttosto ignorato come una prassi inevitabile. Qui il virus non alligna? Qui non ci si contagia? Nelle scuole sì, nei ristoranti sè e negli abitacoli delle automobili no?

Il mattino dopo Dalle 22, invece, tutto si placa. Tranquilli: qualora qualche maschio si svegliasse pieno di voglia, c’è il turno mattutino. Le complanari della tangenziale a Sud, il perimetro intorno al Majesty, il reticolo di strade provinciali intorno alle statali 96, 98 e 100. Nigeriane e donne dell’Est, meno giovani di quelle che lavorano in piena città. Il prezzo per rapporto varia tra 15 e 30 euro. I clienti? Un fiume in piena.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie