Sabato 21 Settembre 2019 | 03:01

NEWS DALLA SEZIONE

TU NON CONOSCI IL SUD - VINTAGE
Che scoperta, è Sophia l'italiana più famosa

Che scoperta, è Sophia
l'italiana più famosa

 

Il Biancorosso

Il match di domenica
Bari, Schiavone out per derby con Francavilla

Bari, Schiavone out per derby con Francavilla

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl rapporto sanità
Umanizzazione ospedali, Bari sul podio con Santa Maria e San Paolo

Umanizzazione cure, Bari sul podio con Santa Maria e San Paolo

 
PotenzaLe assunzioni
Concorsi Arpab, assessore ai sindacati: non abbandonate il tavolo

Concorsi Arpab, assessore ai sindacati: non abbandonate il tavolo

 
FoggiaFinanziato dal Miur
Sanità, il robot «Mario» in corsia a Casa Sollievo: progetto di Exprivia

Sanità, la robotica in corsia e a casa: progetto di Exprivia

 
LecceUN 45enne
Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

 
BrindisiDenunciato un uomo
Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

 
MateraL'iniziativa
Matera 2019, un concerto fra i Sassi con il compositore della musica spettarla

Matera 2019, un concerto fra i Sassi con il compositore della musica spettarla

 
TarantoIl Riesame
Taranto, accolto ricorso ex Ilva: Altoforno 2 resterà acceso

Taranto, accolto ricorso ex Ilva: Altoforno 2 resterà acceso

 
BatL'inchiesta
Barletta, tangenti al carabinieri per l'appalto delle palazzina

Barletta, tangenti al carabinieri per l'appalto delle palazzine

 

i più letti

La regista dei "Basilischi"

L'Oscar alla carriera
per Lina Wertmüller

E' stata la prima donna candidata alla statuetta per la migliore regia con "Pasqualino Settebellezze" nel 1977

Tu non conosci il Sud

Oscar Iarussi

Oscar Iarussi

Un mondo nel verso di Bodini. Il Sud guardato da un altro verso.

L'Oscar alla carriera per Lina Wertmüller

Lina Wertmüller, 90 anni

L’Academy of Motion Picture Arts & Sciences ha annunciato che tra gli Oscar alla carriera assegnati  quest’anno c'è anche la statuetta per la regista italiana Lina  Wertmueller. I quattro premiati - con la Wertmueller, ci sono David Lynch, Wes Studi e Geena  Davis - saranno presentati il 27 ottobre agli 11/i Annual  Governors Awards dell’Academy. - «Sono felice per questa notizia» - ha detto all’ANSA - Lina Wertmueller. commentando la decisione dell’Academy di assegnarle l’Oscar alla carriera. «Non me lo aspettavo ma lo prendo volentieri», aggiunge con la solita ironia. «Mi fa piacere dedicarlo a Enrico Job, compagno di una vita e di lavoro e a nostra figlia Maria», prosegue la regista novantenne raggiunta nella sua casa romana. 

Lina Wertmüller, all’anagrafe Arcangela Felice Assunta Wertmüller von Elgg Spanol von Braueich, è stata la prima donna candidata all’Oscar per la migliore regia con Pasqualino Settebellezze (1976, Oscar 1977). Ha esordito con I basilischi (1963), girato fra Minervino Murge e Spinazzola in Puglia e la vicina Palazzo San Gervasio (Potenza), il paese di cui è originario il padre, un avvocato lucano dal blasone svizzero-tedesco. Lina è nata a Roma e ha già scritto i testi per Canzonissima nel 1959, quando la sua amica più cara, l’attrice Flora Carabella, moglie di Marcello Mastroianni, la presenta a Federico Fellini, di cui diventa aiuto-regista per nello stesso 1963 del film che la rivela.

I basilischi sono i "vitelloni" del Sud, cioè i giovani accidiosi in preda alle chimere di fuga. Nel prologo dei Basilischi, la voce narrante tesse uno sconsolato elogio della «controra», la siesta dopo il pranzo che paralizza quasi tutto il paesello. Nel finale la medesima voce tira le somme:

Parla, parla... Tanto che non partirà più tutti l’hanno capito, e pure lui. Perché? Eh, e ci u sap! Può essere che ad Antonio gli manca qualche cosa, o forse ci manca a tutti noi... Oppure può essere che siamo quelli chela razza, il clima, il luogo, la storia hanno voluto che fossimo, come dice quel grand’uomo del Sud. Bah...

«Quel grand’uomo del Sud» è Giustino Fortunato, scrittore e politico nato a Rionero in Vulture: dal suo Le due Italie è estrapolata la frase sulla razza, il clima e il luogo. Wertmüller la piega alla chiave grottesca del film, che sembra vanificare ogni ipotesi di riscatto meridionalistico. I basilischi è co-prodotto dalla "22 dicembre", la società di Ermanno Olmi e Tullio Kezich, e riserva un ruolo per Flora Carabella al fianco dei giovani interpreti principali, il napoletano Stefano Satta Flores che sul set apulo-lucano muove i primi passi di una carriera di pregio proseguita con Ettore Scola e Pasquale Squitieri, troncata troppo presto (morirà nel 1985), e il barese Antonio Petruzzi che si farà valere nel settore alberghiero. Indimenticabile il dialogo con marcate cadenze meridionali tra Satta Flores e una ragazza sgonnellante, pedinata sue giù lungo le scalinate del borgo semideserto, fino all’incontro che entrambi fingono sia casuale:

«A proposito, cercavo proprio a lei…»
«A me!?»
«Eh, avrà notato che è parecchio che l’ho notata…»
«Embè».
«Beh, signorina io voglio sperare, beh, insomma, che
non vorrà deludere il mio sogno».
«Lei è un serio ragazzo è vero e mi piace, però ci devo
pensare, la risposta fra tre giorni».

La battuta diventa un tormentone. «La risposta fra tre giorni» non è solo la replica di una giovane donna che si tira la calza. È l’evidenza di un attendismo senza scampo. Ma prima o poi la risposta arriva, come l'Oscar... Evviva la regista dagli occhiali bianchi, evviva Lina! 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie