Giovedì 25 Febbraio 2021 | 12:20

NEWS DALLA SEZIONE

il progetto
AIESEC … Per uscire dalla propria zona di comfort

In viaggio con Aiesec, tra volontariato internazionale e nuove esperienze

 
La fortuna
Dalla dea bendata ai giorni nostri

Dalla «dea bendata» ai giorni nostri

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoguardia di finanza
Truffa gasolio a Taranto; sequestrati 2 mln di beni a 5 imprese

Truffa gasolio a Taranto; sequestrati 2 mln di beni a 5 imprese

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
Barinel Barese
Gravina, fidanzamento osteggiato dalle famiglie sfocia in una rissa in strada: 4 arresti

Gravina, fidanzamento osteggiato dalle famiglie sfocia in una rissa in strada: 4 arresti

 
FoggiaI fatti a settembre
Foggia, tabaccaio ucciso durante rapina: 5 persone arrestate dopo 5 mesi

Foggia, tabaccaio ucciso in rapina: 5 persone arrestate dopo 5 mesi, anche un minore VD

 
MateraIl virus
Covid 19, virus dilaga a Montescaglioso: coprifuoco anticipato alle 20

Covid 19, virus dilaga a Montescaglioso: coprifuoco anticipato alle 20

 
LecceL'incidente
Auto travolge bici: muore ciclista 45enne in Salento

Auto travolge bici: muore ciclista 45enne in Salento

 
BrindisiIl caso
Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

 

i più letti

LA LETTERA

Oggi come allora "Distaccati ma sempre più vicini"

Uno scritto tanto attuale scritto nel 1953

L'eco dell'ambiente

Federica Marangio

Federica Marangio

Uno spazio per stimolare la conversazione con i cittadini sull'eco dell’ambiente nella nostra salute. Commenti e opinioni a federicamarangio@gmail.com

Oggi come allora "Distaccati ma sempre più vicini"

Quanto basta, in cucina come nei giorni scanditi dal post Covid. E l’odore di una lettera ingiallita, datata 1953, diventa il pizzico di sale che rende meno scialbo questo tempo non ordinario. “Siamo distaccati, ma sempre più vicini”. Recita così l’incipit dell’epistola ritrovata in questi giorni che Armando aveva inviato alla madre Francesca due anni prima di morire in un incidente stradale a soli 44 anni. Le distanze – lui a Taranto per lavoro, lei a Mesagne –impedivano di trascorrere il Natale insieme. “Il destino ha voluto che io sia lontano: è la metamorfosi della vita. Io sto bene, grazie a Dio e spero lo stesso di voi. Questo Natale festeggerò vicino ai miei piccoli, voi tutti festeggiatelo con lo stesso ardore e la stessa armonia, inneggiando alla vita che ci ha fatto nascere, vivere ed amare”.

Parole che, sebbene concepite 67 anni fa, fanno eco in questo equilibrio così precario, in cui un passo alla volta, anzi, un pizzico alla volta, aiutano a rendere, forse, meno amaro il piatto del giorno. “Cara mamma, ti mando un po’ di frutta squisita. Fattene una buona scorpacciata. Per te il miglior boccone che non ti farà male e che sarà anche di tuo gradito gusto”. I pacchi evidentemente hanno sempre avuto una vita propria, una storia parallela, viaggiando di famiglia in famiglia, dal Sud al Nord, al solo fine di portare sollievo, una pratica usitata oramai. Dal Sud avranno preso il largo derrate alimentari che avrebbero potuto sfamare un esercito in tempi di magra. Armando si rivolge alla madre in segno di gratitudine. “Il tempo passa ma il ricordo e l’affetto materno grande non tramontano mai, il nostro affetto familiare è un affetto raro, come fare a dimenticarlo? Mi auguro che i miei figli seguano il mio esempio e, attraverso le immense difficoltà della vita, unico e amoroso conforto sono i genitori: e soprattutto la mamma. Soltanto allora la perla della coscienza è salva”.

Anche oggi, in un 2020 iniziato nel nome di un flagello che si insinua nelle fragilità, siamo noi figli che abbiamo il dovere morale di proteggere i nostri genitori, l’anello più debole della catena. Che questo virus sia riuscito a sconvolgere le nostre vite, riportandoci a rispolverare sentimenti dimenticati, la noia, la paura, l’umiltà, lo abbiamo compreso sin da subito. Eppure, ritrovarsi tra le mura domestiche, ci porta a compiere azioni che abbiamo sempre rimandato. “Non ho tempo” lo abbiamo pronunciato così tante volte da farne un mantra. Oggi, come in un cerchio dantesco, per la legge del contrappasso ne abbiamo talmente tanto da non sapere che farne. Eppure, innaffiare le piante e attendere con pazienza che sbocci il fiore, preparare un piatto e gustarlo con soddisfazione allo stesso desco, capire il prezzo della libertà e alzare lo sguardo al cielo con fede e speranza, pregando insieme con il Papa in una piazza che non è mai stata così eloquente, sono le lezioni più belle che potessimo sperare da un anno, partito male, ma che, come ha scritto Armando in quel lontano 1953, ci vede “distaccati, ma sempre più vicini”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie