Giovedì 17 Gennaio 2019 | 03:39

NEWS DALLA SEZIONE

Arresti a Taranto
Gestivano prostitute dal carcere in Francia: vicino alla banda anche sacerdote

Gestivano prostitute da carcere in Francia: vicino a banda anche un prete

 
La cerimonia
Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

Nadia Toffa è cittadina onoraria di Taranto: «Siete la mia forza»

 
Nel Tarantino
Massafra, picchia la madre per 8 anni, arrestato 26enne

Massafra, picchia la madre per 8 anni, arrestato 26enne

 
della nave Bergamini
Incidente nella stazione navale Taranto, ferito sottoufficiale

Taranto, ormeggio trancia gamba a sottoufficiale, sempre grave

 
Al rione Tamburi
Taranto, cede controsoffitto in classe dopo petardo, l'aula era vuota

Taranto, cede controsoffitto in classe dopo petardo, l'aula era vuota

 
Tragedia sfiorata
Taranto, pezzi di cemento si staccano dal balcone: ferita una donna

Taranto, pezzi di cemento si staccano dal balcone: ferita una donna

 
Nel Tarantino
Laterza: mamma, bimbo e nonna morirono in incidente, chiesto rinvio a giudizio

Laterza: mamma, bimbo e nonna morirono in incidente, chiesto rinvio a giudizio

 
Con la procedura XLIF
Taranto, riuscito intervento unico in Puglia contro la scoliosi

Taranto, riuscito intervento unico in Puglia contro la scoliosi

 
Nel tarantino
Castellaneta: in 3 immobilizzano ragazzo rumeno e lo derubano, tra loro un minore

Castellaneta: in 3 immobilizzano ragazzo rumeno e lo derubano, tra loro un minore

 
ex ilva
Taranto, intesa Mittal-sindacati: revocato lo sciopero

Taranto, intesa Mittal-sindacati: revocato lo sciopero

 
Nel Tarantino
Trasformava pistole a salve in armi vere: un arresto a Massafra

Trasformava pistole a salve in armi vere: un arresto a Massafra

 

A Taranto

Rubano auto ed estorcono denaro ai proprietari per restituirle: 10 arresti

La banda rubava le auto, poi si 'metteva d'accordo' con i proprietari usando un linguaggio criptato

Una presunta organizzazione criminale dedita ai furti, al traffico di autovetture rubate (prevalentemente Fiat 500, Fiat Panda, Lancia Y e Land Rover "Evoque") e alle estorsioni nei confronti dei proprietari, è stata smantellata dagli agenti della Squadra Mobile di Taranto, che hanno eseguito fino a questo momento dieci delle tredici misure cautelari - quattro in carcere e sei ai domiciliari - emesse dal gip Benedetto Ruberto su richiesta del sostituto procuratore Lanfranco Marazia. In alcuni casi le vittime denunciavano il furto della propria autovettura, per poi, a distanza di qualche giorno segnalarne l’avvenuto rinvenimento. Circostanza che ha destato ovviamente sospetti.

Le indagini hanno consentito di appurare in più casi che l’auto di cui veniva denunciato il furto si trovava nella disponibilità degli indagati - i quali provvedevano poi a spostarla e collocarla nel luogo ove poi il proprietario la ritrovava - e che i derubati si mettevano in contatto (il più delle volte tramite parenti o persone amiche) con gli stessi indagati per pagare il riscatto. Sin dalle prime battute dell’indagine sono emersi poi frequenti contatti telefonici tra gli indagati dediti ai furti ed autotrasportatori/meccanici operanti in altri centri della provincia, coi quali i primi dialogavano su compravendite di autovetture e componenti meccaniche.

Gli indagati utilizzavano un linguaggio criptato, adoperando espressioni simboliche, come ad esempio il termine «ragazze» per indicare le vetture rubate o "vendita» per alludere all’operazione del «cavallo di ritorno». In tutto sono 4 le ordinanze di custodia cautelare in carcere e 6 agli arresti domiciliari emesse dal gip. E’ contestato il reato di associazione a delinquere finalizzata al furto di autovetture, ricettazione, riciclaggio ed estorsione. La misura cautelare in carcere è stata notificata a Francesco D’Angela, di 32 anni; Cataldo Laneve, di 49; Vincenzo Marinelli, di 35; e a Mirko Schiavone, di 29.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400