Mercoledì 21 Novembre 2018 | 21:07

NEWS DALLA SEZIONE

La conferenza stampa
Unicef a Taranto, epidemiologo: «I bambini mangiano e respirano diossina»

Unicef a Taranto, epidemiologo: «I bambini mangiano e respirano diossina»

 
Il caso
Canapa "light", a Taranto scattano i sequestri

Canapa "light", a Taranto scattano i sequestri

 
La decisione
Taranto, sindaco Melucci ritira le dimissioni

Taranto, il sindaco Melucci ci ripensa e ritira le dimissioni

 
Violenza su minorenni
Taranto, istruttore abusava delle sue giovani allieve in palestra: arrestato

Taranto, istruttore abusava delle sue giovani allieve in palestra: arrestato

 
Taranto
Ex Ilva, Genitori Tarantini contro Di Maio: lei ci ha tradito

Ex Ilva, Genitori Tarantini contro Di Maio: lei ci ha tradito

 
I funerali del 19enne
Calciatore suicida, l'allenatore del Martina: vuoto incolmabile

Calciatore suicida, l'allenatore del Martina: vuoto incolmabile

 
Dopo le dimissioni
Taranto, crisi in Comune: Melucci resta fermo a 17

Taranto, crisi in Comune: Melucci resta fermo a 17

 
La scoperta
Taranto, nascondeva moto rubate nel suo garage: arrestato 42enne

Taranto, nascondeva moto rubate nel suo garage: arrestato 42enne

 
Il caso
Taranto, accoglienza migranti: la Procura accende i fari

Taranto, accoglienza migranti: la Procura accende i fari

 
Promozione
Calcio, si impicca calciatore 19enne del Martina: rinviata partita con Barletta

Calcio, si impicca calciatore 19enne del Martina: rinviata partita col Barletta

 
L'indagine
Taranto, furti in casa: arrestato un georgiano

Taranto, furti in casa: arrestato un georgiano

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

A Taranto

Rubano auto ed estorcono denaro ai proprietari per restituirle: 10 arresti

La banda rubava le auto, poi si 'metteva d'accordo' con i proprietari usando un linguaggio criptato

Una presunta organizzazione criminale dedita ai furti, al traffico di autovetture rubate (prevalentemente Fiat 500, Fiat Panda, Lancia Y e Land Rover "Evoque") e alle estorsioni nei confronti dei proprietari, è stata smantellata dagli agenti della Squadra Mobile di Taranto, che hanno eseguito fino a questo momento dieci delle tredici misure cautelari - quattro in carcere e sei ai domiciliari - emesse dal gip Benedetto Ruberto su richiesta del sostituto procuratore Lanfranco Marazia. In alcuni casi le vittime denunciavano il furto della propria autovettura, per poi, a distanza di qualche giorno segnalarne l’avvenuto rinvenimento. Circostanza che ha destato ovviamente sospetti.

Le indagini hanno consentito di appurare in più casi che l’auto di cui veniva denunciato il furto si trovava nella disponibilità degli indagati - i quali provvedevano poi a spostarla e collocarla nel luogo ove poi il proprietario la ritrovava - e che i derubati si mettevano in contatto (il più delle volte tramite parenti o persone amiche) con gli stessi indagati per pagare il riscatto. Sin dalle prime battute dell’indagine sono emersi poi frequenti contatti telefonici tra gli indagati dediti ai furti ed autotrasportatori/meccanici operanti in altri centri della provincia, coi quali i primi dialogavano su compravendite di autovetture e componenti meccaniche.

Gli indagati utilizzavano un linguaggio criptato, adoperando espressioni simboliche, come ad esempio il termine «ragazze» per indicare le vetture rubate o "vendita» per alludere all’operazione del «cavallo di ritorno». In tutto sono 4 le ordinanze di custodia cautelare in carcere e 6 agli arresti domiciliari emesse dal gip. E’ contestato il reato di associazione a delinquere finalizzata al furto di autovetture, ricettazione, riciclaggio ed estorsione. La misura cautelare in carcere è stata notificata a Francesco D’Angela, di 32 anni; Cataldo Laneve, di 49; Vincenzo Marinelli, di 35; e a Mirko Schiavone, di 29.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400