Lunedì 22 Ottobre 2018 | 12:18

NEWS DALLA SEZIONE

La classifica
Taranto poco smart: al 120esimo posto per vivibilità

Taranto poco smart: al 102esimo posto per vivibilità

 
La proposta
Giochi del Mediterraneo 2015Comune di Taranto si candida

Giochi del Mediterraneo 2025 Comune di Taranto si candi...

 
Nella città vecchia
Taranto, nel ristorante di pescel'energia elettrica era... a sbafo

Taranto, nel ristorante di pesce l'energia elettrica er...

 
Scoperta dal Noe di Lecce
Manduria, piantagione ulivi trasformata in discarica

Manduria, piantagione ulivi trasformata in discarica

 
Consegnate al comune
Petizione genitori tarantini per chiudere Ilva, raccolte 4mila firme

Petizione genitori tarantini per chiudere Ilva, raccolt...

 
Nel Tarantino
S.G. Jonico, autocarro investe e uccide ciclista 80enne

San Giorgio Jonico, autocarro investe e uccide ciclista...

 
Dopo l'intervento
Taranto, bimba gettata dal balcone: trasferita al Gemelli

Taranto, bimba gettata dal balcone: trasferita al Gemel...

 
Lotta allo spaccio
Marina di Ginosa, ritrovati 60 kg di marijuana in un casolare: 2 arresti

Marina di Ginosa, ritrovati 60 kg di marijuana in un ca...

 
Il caso
Taranto, provocò un incidente in cui una bimba rimase gravemente ferita: a giudizio 23enne

Taranto, provocò incidente e bimba perse una mano: a gi...

 
Il siderurgico
Ilva, il tempo stringe: chi assumerà Mittal? Lavoratori ancora al buio

Ilva, il tempo stringe: chi assumerà Mittal? Lavoratori...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

L'agguato davanti al caseificio

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»»

Ricostruite dai carabinieri le fase del ferimento avvenuto il 5 luglio: in carcere un tarantino

È stato proprio lui a sparare al genero. Non ci sono mai stati dubbi ma adesso è arrivata la notifica dell’ordinanza di arresto per Nicola Pizzolla. Fu lui ad esplodere cinque colpi di pistola tra la gente, davanti ad un caseificio a Locorotondo, in una strada di grande passaggio. Ci sarebbero state vecchie ruggini di famiglia all’ombra del tentato omicidio avvenuto il 5 luglio scorso intorno alle 13.30 in via Fasano. Il 56enne tarantino Nicola Pizzolla fu arrestato poco dopo dai carabinieri della Compagnia di Monopoli con l’accusa di porto abusivo di arma clandestina e - appunto - tentato omicidio. Ferito alle gambe e all’addome il 33enne Francesco Consoli, genero del suo feritore.

Tra i due pare non corresse buon sangue dopo la separazione con la figlia di Pizzolla. L’uomo, colpito dalle pistolettate riuscì a rientrare nel caseificio dove lavora e poi cadde. Soccorso dai suoi colleghi, dopo la fuga dell’autore del ferimento, fu accompagnato all’ospedale di Martina Franca. A breve dovrà essere sottoposto a un delicato intervento chirurgico in seguito alla perforazione dell’intestino.

Secondo la ricostruzione fatta dagli investigatori, Pizzolla, tarantino residente al rione Paolo VI, quella mattina si recò a Locorotondo sul luogo di lavoro del suo ex genero per un chiarimento. Ma le sue intenzioni, già alla partenza, non dovevano essere così pacifiche. Stando a quanto emerso, il 56enne chiamò fuori dal caseificio il ragazzo con una scusa e, dopo una animata discussione in cui disse “Sei un uomo morto”,  “Ci hai rovinato”, estrasse da un marsupio tenuto a tracolla una pistola cal. 22 e fece fuoco da distanza ravvicinata. Esplose almeno 5 colpi dei quali 3 attinsero il giovane dapprima alle gambe poi, mentre fuggiva, al gluteo e all’anca. La vittima riuscì comunque a trovare riparo dentro il caseificio, mentre fra le vie limitrofe si scatenò un fuggi fuggi dei passanti, evidentemente non abituati ad assistere a tali scene.

Dopo averlo colpito,fuggì disfacendosi dell’arma - secondo quanto lui stesso ha dichiarato agli investigatori - sulla strada che da Locorotondo conduce a Martina Franca. Sono ancora in corso le indagini da parte dei carabinieri per recuperare l’arma. Pizzolla, fu rintracciato a piedi tra le strade del quartiere Paolo VI di Taranto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400