Sabato 20 Ottobre 2018 | 10:09

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso a Roccanova (Pz)
Crisi editoria: in Basilicata un'edicola resiste da 100 anni

Crisi editoria: in Basilicata un'edicola resiste da 100...

 
Costi della politica
Basilicata, taglio ai vitalizi: pronti i i ricorsi degli ex parlamentari

Basilicata, taglio ai vitalizi: pronti i i ricorsi degl...

 
Un 24enne
Rionero, aveva coca e marijuana: arrestato spacciartore dai Cc

Rionero, aveva coca e marijuana: arrestato spacciatore ...

 
Il riconoscimento
Maratea premiata a Milano«Stella al merito sociale»

Maratea premiata a Milano
«Stella al merito sociale»

 
Opere pubbliche
Basilicata, Basento - Bradano: il «fantasma» dello schema idrico

Basilicata, Basento - Bradano: il «fantasma» dello sche...

 
La decisione
Potenza, ucciso in macelleria con 11 coltellate: fu omicidio volontario

Potenza, ucciso in macelleria con 11 coltellate: fu omi...

 
La sentenza
Potenza, maltrattavano i loro alunni: condannate due maestre

Potenza, maltrattavano i loro alunni: condannate due ma...

 
Stalking
Potenza, incendiò 2 auto della famiglia della sua ex: arrestato 22enne

Potenza, incendiò 2 auto della famiglia della sua ex: a...

 
A Paoladoce di Avigliano
Acqua sporca dai rubinetti, si cerca soluzione

Acqua sporca dai rubinetti, si cerca soluzione

 
La decisione della Regione
Post offensivo contro le donne, dirigente rischia il posto

Offende le donne su Fb, dirigente rischia il posto

 
Dalla Regione
Basilicata, 500 euro al mese a chi assiste familiare disabile

Basilicata, 500 euro al mese a chi assiste familiare di...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Operazione della Polizia

Furti in gioiellerie a Potenza
Nomadi agivano Centro Sud

Un uomo di 42 anni, di etnia rom, è stato arrestato stamani dalla Polizia, a Castelvolturno (Caserta), con l’accusa di essere il capo di una banda specializzata in furti in gioiellerie: ne sarebbero stati messi a segno almeno una decina, nelle regioni del Centrosud, con un bottino del valore di centinaia di migliaia di euro.
Un’altra persona, che vive abitualmente nel campo nomadi di Giugliano (Napoli), è sfuggita all’arresto forse perché è attualmente all’estero. Durante una delle perquisizioni eseguite stamani dagli agenti, sono stati trovati appunti con l'annotazione dei nomi di alcune gioiellerie situate in varie città.
Le indagini sono cominciate dopo un furto in un gioielleria di Potenza, il 28 gennaio: i ladri seguirono la proprietaria fino a casa, vi entrarono nella notte per rubare le chiavi del negozio, che svaligiarono in circa quattro minuti. Prima di arrivare alla gioielleria rubarono due targhe da un’auto in sosta e le sovrapposero a quelle della «Mercedes» su cui viaggiavano. Furono rubati gioielli e preziosi per un valore di 100 mila euro. Acquisiti i primi elementi, la squadra mobile di Potenza mise in relazione il colpo alla gioielleria del capoluogo lucano con quello fatto il 30 dicembre 2015 a Picerno (Potenza) in un’altro negozio di preziosi: bottino, 50 mila euro. Ma uno dei ladri, portandosi alla bocca una torcia elettrica per illuminare l’interno della gioielleria, aveva mostrato alle telecamere il viso: così fu riconosciuto dagli investigatori. Altri controlli sulla «Mercedes» usata dalla banda e sull'auto utilizzata per seguire la proprietaria della gioielleria di Potenza (risultata «pulita"), le immagini delle telecamere anche nelle ore precedenti i furti e le testimonianze di alcune persone hanno portato all’arresto di oggi. La Polizia sta indagando per identificare gli altri componenti della banda (il furto a Potenza fu eseguito da almeno quattro persone).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400