Sabato 21 Maggio 2022 | 01:15

In Puglia e Basilicata

Economia circolare

In Puglia arriva il Reddito energetico della Regione: pubblicato l'avviso. M5s: «Misura innovativa»

Nuovi aiuti alle famiglie, taglio delle bollette, energia pulita grazie ai finanziamenti regionali

05 Maggio 2022

Redazione online

BARI - Il Reddito energetico della Regione Puglia è realtà, pubblicato l’avviso: aiuti alle famiglie, taglio delle bollette, energia pulita grazie ai finanziamenti regionali. Ad annunciarlo con un video è il governatore Michele Emiliano: “Finalmente i pugliesi potranno autoprodurre energia da fonti rinnovabili a basso costo con l’aiuto dei finanziamenti della Regione Puglia”. La pubblicazione avvenuta in data odierna dell’Avviso per l’accesso al Reddito energetico rivolto a nuclei familiari con ISEE inferiore a 20mila euro (beneficiari previsti dalla Legge Regionale n. 42 del 09/08/2019).

L’Avviso (clicca qui per leggere il bando) prevede un contributo a fondo perduto fino a un massimo di 8.500 euro per l'acquisto e l'installazione di sistemi di accumulo. La misura dispone di una dotazione finanziaria di circa 6.800.000 euro e intende favorire la progressiva diffusione di impianti di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile a servizio delle utenze residenziali domestiche o condominiali, attraverso interventi in favore di utenti in condizioni di disagio socio-economico. Grazie quindi al sostegno regionale sarà  possibile coprire i costi per l’acquisto e l’installazione, presso la propria abitazione, di un impianto per la produzione di energia elettrica e termica dal rinnovabile, compreso l’eventuale sistema di accumulo dell’energia elettrica. Il surplus energetico prodotto servirà ad alimentare la misura e quindi ad assegnare le risorse ad altri beneficiari.

“Il Reddito energetico è una misura assolutamente attuale e di enorme importanza in questo momento storico – dichiara il presidente della Regione Puglia -. Abbiamo prima approvato una legge regionale promossa grazie all'iniziativa del Movimento 5 Stelle in materia e poi abbiamo realizzato gli atti per renderla una misura concreta ed efficace. Potremo così contrastare il fenomeno della cosiddetta povertà energetica e promuovere forme di autoproduzione e autoconsumo di energia pulita. Ma c’è molto di più, perché, oltre alle ricadute positive sull’ambiente e sul clima, i benefici per i pugliesi saranno anche di tipo economico, a cominciare dalla creazione di una nuova filiera locale dell’installazione, manutenzione e gestione di questo tipo di impianti che vede protagonisti gli operatori economici specializzati iscritti all’Albo regionale. È un bel traguardo per la Puglia che si dimostra sempre più virtuosa”.

“Dopo aver individuato gli operatori economici qualificati all’installazione, connessione, manutenzione e assicurazione di energia elettrica e termica alimentati da fonti rinnovabili con un apposito bando - dichiara l’assessore allo Sviluppo economico - la misura del Reddito energetico entra nella fase più operativa e concreta, quella dell’accesso alla misura da parte degli utenti. Una misura molto attesa dai cittadini, divenuta legge su proposta del Movimento che ringrazio, che giunge in un momento in cui il costo dell’energia pesa in maniera considerevole soprattutto sulle famiglie più vulnerabili. Così, da una parte rendiamo la transizione energetica ed ecologica non un annuncio ma un’azione concreta e dall’altra contrastiamo la povertà energetica che colpisce un numero crescente di persone”.

IL COMMENTO DEL MOVIMENTO 5 STELLE

«Con la pubblicazione in data odierna dell’avviso per l’accesso al Reddito energetico finalmente questa misura è realtà». Lo dichiarano i consiglieri regionali del M5S Puglia, Marco Galante, Rosa Barone, Cristian Casili e Grazia Di Bari. «Parliamo - continuano i pentastellati - di una misura innovativa voluta dal M5S nella scorsa legislatura che coniuga il contrasto alle povertà e strumenti incentivanti per lo sviluppo delle energie rinnovabili, particolarmente importante in questo momento per affrontare la crisi energetica in atto e promuovere la condivisione dell’energia». «Grazie al reddito energetico - proseguono - i cittadini diventano non solo fruitori, ma anche produttori di energia, con notevoli risparmi sui costi delle bollette e con la creazione di nuovi posti di lavoro. Siamo orgogliosi che grazie al nostro lavoro e a quello dell’assessore allo Sviluppo economico Delli Noci, che ringraziamo, dopo due anni la legge avrà finalmente una concreta applicazione». «La Puglia - concludono - dopo essere stata la prima regione in cui è stata approvata la legge per la sua istituzione, grazie all’ex consigliere regionale Antonio Trevisi, è anche la prima regione in cui la misura sarà attuata».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725