Giovedì 26 Maggio 2022 | 15:29

In Puglia e Basilicata

trasporti

La stazione di Taranto si rifà il look: spazi nuovi e funzionali

La stazione di Taranto si rifà il look: spazi nuovi e funzionali

Dai fondi del Pnrr arriveranno 25 milioni di euro. Ecco tutti i dettagli

08 Maggio 2022

Fabio Venere

TARANTO - Non sarà solo un restyling della stazione ferroviaria, ma un’autentica connessione con il (futuro) terminal che si realizzerà in zona «Croce». Il tutto, in nome della mobilità sostenibile che punta ad avere meno auto sulle strade e, di conseguenza, meno inquinamento. La notizia, già anticipata nello scorso marzo dalla Gazzetta, trova ora conferma ufficiale da parte di Rfi (Rete ferroviaria italiana). Che anticipa altri punti - chiave della proposta.

In particolare, il progetto di fattibilità tecnica economica della stazione di Taranto, da quel che si apprende da Rfi, è stato completato e trasmesso all’Amministrazione comunale già nello scorso dicembre, proprio per la necessità di condividere con il Municipio le principali scelte progettuali e l’impostazione generale, anche in relazione agli interventi sul sistema della mobilità in previsione da parte dell’Amministrazione comunale». Attualmente, sottolineano da Rete ferroviaria italiana, è in corso di completamento il progetto definitivo che verrà trasmesso, entro giugno, alle amministrazioni e agli enti che dovranno esprimersi a proposito delle varie autorizzazioni necessarie in sede di Conferenza di servizi.

Ora, le cifre e il progetto. L’investimento è stimato complessivamente in circa 25 milioni di euro, finanziato con fondi Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza). Obiettivo dell’investimento è la riqualificazione architettonica e funzionale degli spazi interni ed esterni della stazione, il miglioramento dell'accessibilità e lo sviluppo dell’intermodalità nei collegamenti e nei trasporti tra i treni e le auto (o i bus), ma anche il potenziamento e il miglioramento della qualità dei servizi all’utenza della stazione, il miglioramento dell’efficienza energetica in una logica di sostenibilità ambientale. Il programma complessivo degli interventi mira a coniugare gli obiettivi programmatici di Rfi (Gruppo Ferrovie dello Stato) con quelli dell’Amministrazione comunale di Taranto, «promuovendo uno sviluppo più equilibrato e sostenibile del territorio - sottolinea Rfi - e valorizzando la stazione come hub intermodale, integrata all’interno della pianificazione urbana della mobilità».

E allora, nel rispetto dei caratteri del luogo, dei materiali e dei colori che caratterizzano la stazione saranno rinnovati l’atrio, gli spazi d’attesa e transito, la biglietteria e i servizi ai viaggiatori. Tutto l’intervento sarà improntato sulla riqualificazione funzionale, con un’attenzione particolare sul miglioramento dell’accessibilità e dell’intermodalità, nella connessione con il quartiere Croce. È previsto, infatti, il prolungamento e la riqualificazione del sottopasso esistente con la realizzazione di «un nuovo volume di accesso in stazione lato Croce, in connessione - si riporta testualmente - con il nuovo sistema intermodale che prevede lo spostamento del terminal bus e il passaggio dei Bus rapid transit (bus elettrici veloci) su via della Croce, creando una nuova polarità di accesso in stazione e di collegamento con il quartiere. Lo stesso terminal bus è interessato - fa sapere Rete ferroviaria italiana - da una progettazione integrata al sistema del nuovo accesso in stazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725