Martedì 24 Novembre 2020 | 02:40

NEWS DALLA SEZIONE

L'evento
Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

 
Il caso
Processo ex Ilva, uno dei pm è positivo al Covid ma si avanti

Processo ex Ilva, uno dei pm è positivo al Covid ma si avanti

 
maltrattamenti in famiglia
Grottaglie, picchia anziano genitore in preda ai fumi dell'alcol: arrestato 50enne

Grottaglie, picchia anziano genitore in preda ai fumi dell'alcol: arrestato 50enne

 
La gara
Nuoto, Pilato arriva quinta a Budapest: lo spettacolo è Dressel

Nuoto, Pilato arriva quinta a Budapest: lo spettacolo è Dressel

 
Per Santa Cecilia
Covid 19 Taranto, mons. Santoro: «Fermare pandemia e distruzione ambiente»

Covid 19 Taranto, mons. Santoro: «Fermare pandemia e distruzione ambiente»

 
Il virus
Taranto, positivo al Covid anche il presidente della Provincia Gugliotti

Taranto, positivo al Covid anche il presidente della Provincia Gugliotti

 
nel Tarantino
Torre Ovo, donna trovata impiccata: indagato il marito

Torre Ovo, donna trovata impiccata: indagato il marito

 
Il provvedimento
Taranto, notte di Santa Cecilia «vietata» alle bande

Taranto, notte di Santa Cecilia «vietata» alle bande

 
la tragedia
Taranto, scontro frontale tra due auto sulla SS100: due morti di 57 e 35 anni

Taranto, scontro frontale tra due auto sulla SS100: due morti di 57 e 35 anni

 
la sentenza
Taranto, abusi sui figli disabili: madre, convivente e due uomini condannati a 60 anni di carcere

Taranto, abusi sui figli disabili: madre, convivente e due uomini condannati a 60 anni di carcere

 
La lettera
Genitori Taranto scrivono a Mattarella in Giornata Diritti nel Fanciullo: «Qui nulla da festeggiare»

Genitori Taranto scrivono a Mattarella in Giornata Diritti nel Fanciullo: «Qui nulla da festeggiare»

 

Il Biancorosso

SERIE C
Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Covid 19, positiva addetta ai pasti: chiusa scuola dell'infanzia a Lecce

Covid 19, positiva addetta ai pasti: chiusa scuola dell'infanzia a Lecce

 
BariIl caso
Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

 
FoggiaIl caso
Sparatoria in un quartiere popolare di Foggia: un ferito

Sparatoria in un quartiere popolare di Foggia: un ferito FOTO

 
TarantoL'evento
Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

 
BatA Barletta
Natale al tempo del Covid 19, Boccia: «Con 700 morti al giorno è fuori luogo parlare di cenoni»

Natale col Covid, Boccia: «Con 700 morti al giorno fuori luogo parlare di cenoni. Aree provinciali? Non cambia»

 
PotenzaIl caso
Potenza, i pilomat «vandalizzati» costano cari al Comune

Potenza, i pilomat «vandalizzati» costano cari al Comune

 
BrindisiVita amministrativa
Brindisi, bufera al Comune: sul bilancio Forza Itala e il Pd ai ferri corti

Brindisi, bufera al Comune: sul bilancio Forza Itala e il Pd ai ferri corti

 
Potenzadati regionali
Covid in Basilicata, 281 nuovi positivi su circa 2mila test durante il week end e altri 4 decessiA Matera tamponi drive in con la Marina

Covid Basilicata, + 281 positivi su circa 2mila test durante week end e + 4 decessi. A Matera tamponi drive in con la Marina

 

i più letti

Mittal

Taranto, un dissalatore in mar Grande fornirà l'acqua al Siderurgico

Accantonato il progetto che avrebbe coinvolto i depuratori Bellavista-Gennarini

Taranto, un dissalatore in mar Grande fornirà l'acqua al Siderurgico

Tempi e costi modificano il progetto. La Regione Puglia conferma che non si punterà più all’utilizzo delle acque reflue dei depuratori Bellavista-Gennarini per l’impianto siderurgico di Taranto, ma alla realizzazione di un dissalatore che consentirà comunque di far cessare l’uso industriale delle acque del Tara e del Sinni prelevate dall’ex Ilva e ritenute strategiche per garantire l’approvvigionamento idrico. L’annuncio era stato dato dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Mario Turco nell’ultima riunione del Cis (Contratto istituzionale di sviluppo). Proprio in quella sede la Regione Puglia e Aqp hanno proposto «soluzioni e modalità più economiche e sostenibili – viene sottolineato - per l'approvvigionamento idrico dell'acciaieria». La rinuncia al progetto originario non ha mancato di suscitare polemiche anche da parte del consigliere regionale del Pd Fabiano Amati e di Legambiente. La Regione Puglia spiega come cambia la politica idrica per Taranto (parlando di «rivoluzione») in tre passaggi: «acqua potabile dai bacini Sinni-Tara, dissalatore per l’ex Ilva, riuso acqua dei depuratori per l’agricoltura».
L’accordo sarà formalizzato con un protocollo d’intesa tra le varie parti. Fino ad ora «le pregiate acque del Sinni-Tara – osserva la Regione Puglia - venivano utilizzate per le industrie siderurgiche dell’ex Ilva, grandi consumatrici di risorsa idrica, mentre i reflui dei depuratori Gennarini-Bellavista finivano in mare». Queste sono, invece, le previsioni del nuovo progetto: «i reflui dei depuratori saranno affinati e utilizzati dagli agricoltori, un nuovo dissalatore in Mar Grande, in prossimità del complesso ex Ilva fornirà alla fabbrica l’acqua necessaria e i cittadini di Taranto e del Salento potranno contare su una maggiore disponibilità di acqua potabile dal Sinni-Tara».

Saranno disponibili «altri mille litri al secondo – si precisa ancora - per uso potabile (acque molto pregiate), 500 litri al secondo per usi agricoli dai depuratori e mille litri al secondo di acque aggiuntivi dal dissalatore».
A seguito dell'approfondimento compiuto dall'Ufficio Risorse idriche della Regione Puglia, insieme ad Asset (Agenzia strategica regionale per lo sviluppo ecosostenibile del territorio) e Acquedotto Pugliese, è stato verificato che «per portare fino all'acciaieria le acque dei due depuratori – si evidenzia in una nota - sarebbe necessario adeguare e completare un grosso collettore di collegamento fra i due depuratori (in gran parte costituito da una condotta sottomarina) più un ulteriore condotta, con relativi impianti di sollevamento, per addurre le acque fino all'acciaieria. Questo intervento, quantificato in circa 23 milioni di euro, è un onere rilevante ed esclusivamente destinato alle esigenze dell'acciaieria».

Inoltre, per le «complessità esecutive e le prescrizioni ambientali sono stati calcolati tempi di esecuzione di circa 10 anni. All’investimento si aggiungerebbero le risorse necessarie a sostenere il potenziamento dei due depuratori pari oltre 52 milioni di euro. Quindi si è deciso di cambiare strada, prevedendo la costruzione di un dissalatore, la cui realizzazione del dissalatore è stimata in circa 4 anni, il riutilizzo dei reflui dei depuratori e uso potabile delle fonti Sinni-Tara».
La Regione Puglia, con il supporto tecnico di Asset e di Aqp, e in collaborazione con i tecnici di Arcelor Mittal ha già avviato uno studio di fattibilità tecnico economico sulla base del quale saranno assunti impegni economici e temporali nell'ambito del Cis Taranto.

Dal punto di vista tecnico-economico, secondo la Regione Puglia, si otterrebbe una serie di vantaggi. Innanzitutto «risparmiare oltre 20 milioni di euro per la costruzione di condotte sottomarine e altri collegamenti (che non avrebbero altre finalità se non quelle di portare le acque reflue all'acciaieria)». L’operazione consentirebbe di «destinare queste risorse per incrementare il bilancio idrico grazie alla realizzazione del dissalatore marino che produrrebbe ulteriori 1.000 litri/secondo riducendo notevolmente anche i costi di adduzione verso l'acciaieria» e di «ridurre sensibilmente i tempi di realizzazione degli investimenti».
Inoltre, con il progetto si potrebbe «compensare parte dei costi gestionali del dissalatore con i minori costi di trattamento e di trasferimento delle acque dai depuratori fino al complesso industriale». E non da ultimo si evidenzia la «riduzione dell’impatto ambientale derivante dalla mancata costruzione di una nuova condotta sottomarina» e la «forte ottimizzazione dei consumi idrici».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie