Sabato 28 Novembre 2020 | 03:50

NEWS DALLA SEZIONE

Il video
Museo MArTa di Taranto, da oggi si può vistare anche con il virtual tour in 3D

Museo MArTa di Taranto, da oggi si può vistare anche con il virtual tour in 3D

 
Buone notizie
Taranto, a 97 e 100 anni sconfiggono il Covid: la battaglia di una coppia di anziani

Taranto, a 97 e 100 anni sconfiggono il Covid: la battaglia di una coppia di anziani

 
il siderurgico
Ex Ilva, entra lo Stato, restano le polemiche

Ex Ilva, entra lo Stato, restano le polemiche

 
la sentenza
Sava, disabile vittima di baby gang: 2 giovani condannati a sette e sei anni di carcere

Sava, disabile vittima di baby gang: 2 giovani condannati a sette e sei anni di carcere

 
ambiente
Taranto ex Ilva, vittime emissioni nocive Acciaieria: 3 dipendenti fanno ricordo a Corte Strasburgo

Taranto ex Ilva, vittime emissioni nocive Acciaieria: 3 dipendenti ricorrono a Corte Strasburgo

 
la protesta
Grottaglie, domani sit in e 8 ore di sciopero davanti stabilimento Leonardo

Grottaglie, domani sit in e 8 ore di sciopero davanti stabilimento Leonardo

 
nel Tarantino
Coronavirus, a Martina Franca ordinanza del sindaco e coprifuoco alle 19

Coronavirus, a Martina Franca ordinanza del sindaco e coprifuoco alle 19

 
nel Tarantino
Manduria, chiusi due bar: ospitavano summit clan mafiosi

Manduria, chiusi due bar: ospitavano summit clan mafiosi

 
agricoltura
Taranto, crisi settore clementine: cambiamenti climatici hanno inciso sulla produzione

Taranto, crisi settore clementine: cambiamenti climatici hanno inciso sulla produzione

 
comunicazione
Taranto, emergenza Covid: Asl potenzia servizi informativi ai cittadini

Taranto, emergenza Covid: Asl potenzia servizi informativi ai cittadini

 
la protesta
Mittal Taranto, 2 ore di sciopero: presidio davanti direzione

Mittal Taranto, 2 ore di sciopero: presidio davanti direzione

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, traffico a centrocampo: Auteri gestisce l'abbondanza

Bari, traffico a centrocampo: Auteri gestisce l'abbondanza

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'aggressione
Mafia a Bari, picchiato il padre di un «pentito» del clan Palermiti

Mafia a Bari, spedizione punitiva contro il padre di un «pentito» del clan Palermiti

 
FoggiaIl caso
Mafia, salgono a 36 le misure interdittive a imprese nel Foggiano

Mafia, salgono a 36 le misure interdittive a imprese nel Foggiano

 
MateraIl caso
Covid 19, consiglio comunale a Matera: «Non depotenziare l'ospedale»

Covid 19, consiglio comunale a Matera: «Non depotenziare l'ospedale»

 
Leccea Lecce
Bellanova: «Ulivo è simbolo del Mediterraneo, bisogna rigenerare il paesaggio»

Bellanova: «Ulivo è simbolo del Mediterraneo, bisogna rigenerare il paesaggio»

 
PotenzaIl virus
Coronavirus in Basilicata, Bardi: «Misure prorogate fino al 3 dicembre»

Coronavirus in Basilicata, Bardi: «Misure prorogate fino al 3 dicembre»

 
TarantoIl video
Museo MArTa di Taranto, da oggi si può vistare anche con il virtual tour in 3D

Museo MArTa di Taranto, da oggi si può vistare anche con il virtual tour in 3D

 
Brindisile indagini
Ostuni, incendio doloso auto ex sindaco: un indagato

Ostuni, incendio doloso auto ex sindaco: un indagato

 
Batnella Bat
Andria: furto, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale, due arresti

Andria: furto, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale, due arresti

 

i più letti

ricettazione

Martina Franca, tre ladri di capi d'alta sartoria arrestati dalla Polizia

Si tratta di tre cittadini sloveni risultati essere dei veri e propri esperti del malaffare nel settore dell’abbigliamento.

Martina Franca, tre ladri di capi d'alta sartoria arrestati dalla Polizia

MARTINA FRANCA - Arrestati dai poliziotti del commissariato di Martina Franca tre cittadini sloveni risultati essere dei veri e propri esperti del malaffare nel settore dell’abbigliamento.

L’operazione nasce dalla segnalazione di un commerciante d’abbigliamento,  insospettito da tre uomini a bordo di un’auto che si  aggiravano  nelle vicinanze del suo showroom. I tre erano  stati riconosciuti dall’esercente quali autori di un furto di capi d’alta sartoria avvenuto già lo scorso anno presso il proprio negozio.

I poliziotti, tempestivamente, hanno intercettato e fermato i tre individui a bordo di un’auto con targa slovena.

Sin da subito i documenti forniti al momento  del controllo hanno suscitato sospetti circa la loro genuinità e, pertanto, i tre, dichiaratisi di nazionalità Slovena, ma poi rivelatisi di provenienza Serba, sono stati accompagnati negli Uffici del Commissariato per un’accurata identificazione.

L’attività di controllo ha confermato i sospetti degli agenti: tutti e tre erano già stati più volte identificati dalle Forze di Polizia, sia in Italia che nel resto d’Europa, peraltro con almeno altri 10  “alias”, utilizzati per nascondere le loro effettive identità e con   numerosi  precedenti a loro carico per i reati contro il patrimonio.

Una rapida attività d’indagine ha permesso agli operatori del Commissariato di accertare che i fermati erano alloggiati da circa una decina di giorni in un noto albergo di Massafra. Scattava così anche l’ispezione delle loro stanze d’albergo dove sono stati rinvenuti oltre a  numerosi documenti risultati falsi,  numerosissimi capi di abbigliamento muniti ancora di etichetta.

Nel corso dell’attività di polizia, gli agenti hanno finanche recuperato alcuni appunti relativi alla posizione e alle caratteristiche strutturali dei negozi d’abbigliamento a cui far visita prossimamente.

Le testimonianze dei commerciati  vittime dei furti, ha supportato contestualmente le indagini, permettendo di pervenire anche al loro “modus operandi”: mentre uno dei tre restava in attesa nell’auto con il motore accesso, gli altri due ben vestiti, presentandosi come professionisti stranieri, entravano  nelle boutique da  uomo, portando al seguito un trolley ed approfittando di un qualche attimo di distrazione dei commessi, riuscivano a  nascondere  gli abiti nel bagaglio a mano, per poi allontanarsi dal negozio senza acquistare nulla.

Alcuni dei capi d’abbigliamento ritrovati nelle loro stanze d’albergo, per un valore di 1500 euro, erano stati rubati proprio mercoledì scorso in una delle più prestigiose attività sartoriali di Martina Franca, così come è pure stato possibile risalire al fatto che sempre i tre cittadini slavi, sono stati riconosciuti quali autori del furto avvenuto lo scorso anno in un altro showroom della Zona Industriale dal quale portarono via merce per il valore di circa 3500 euro.

I passaporti, le carte d’identità e le patenti risultate  tutte false,  sono state  sottoposte a sequestro così come l’auto in possesso dei tre stranieri, presa  a noleggio in Slovenia ed utilizzata per i loro illeciti traffici.

Al termine delle formalità di rito, i tre cittadini della Serbia sono arrestati  per ricettazione, false attestazioni personali a Pubblico Ufficiale e possesso di documenti falsi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie