Giovedì 09 Luglio 2020 | 00:27

NEWS DALLA SEZIONE

La firma
Taranto, intesa su corso Medicina in ex sede della Banca d'Italia

Taranto, intesa su corso Medicina in ex sede della Banca d'Italia

 
regalo di compleanno
«Facciamo rumore» per i bimbi di Taranto: fan festeggiano Diodato con raccolta fondi per la sua città

«Facciamo rumore» per i bimbi di Taranto: fan festeggiano Diodato con raccolta fondi per la sua città

 
cultura
Anche Taranto ha il suo cineporto: inaugurato oggi, direttore artistico è Michele Riondino

Anche Taranto ha il suo cineporto: inaugurato oggi, direttore artistico è Michele Riondino

 
il siderurgico
ArcelorMittal: dal 3 agosto ancora cassa integrazione per altre 13 settimane

ArcelorMittal: dal 3 agosto ancora cassa integrazione per altre 13 settimane

 
intervenuta la polizia
Taranto, accecato dalla gelosia accoltella amico dell'ex moglie: arrestato

Taranto, accecato dalla gelosia accoltella amico dell'ex moglie: arrestato

 
Preso dai Cc
Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

 
ambiente
Taranto, nube di polveri in area ex Ilva: depositato esposto Comune

Taranto, nube di polveri in area ex Ilva: depositato esposto Comune

 
nel Tarantino
Grottaglie, maltrattamenti e minacce ai familiari per 10 anni: 22enne in carcere

Grottaglie, maltrattamenti e minacce ai familiari per 10 anni: 22enne in carcere

 
nel Tarantino
Palagiano, crolla solaio a scuola, famiglie preoccupate: «Tragedia sfiorata»

Palagiano, crolla solaio a scuola, famiglie: «Tragedia sfiorata». La replica del sindaco

 
la città
Taranto, si costituisce Comitato cittadino per la salute e l'ambiente

Taranto, si costituisce Comitato cittadino per la salute e l'ambiente

 
Ambiente
Taranto, boom di pm 10 ai Tamburi: il sabato nero dell'ex Ilva

Taranto, boom di pm10 ai Tamburi: il sabato nero dell'ex Ilva

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari, Raffaele Bianco: «Cresce la tensione per i playoff»

Bari, Raffaele Bianco: «Cresce la tensione per i playoff»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa firma
Taranto, intesa su corso Medicina in ex sede della Banca d'Italia

Taranto, intesa su corso Medicina in ex sede della Banca d'Italia

 
LecceIl provvedimento
Dl semplificazioni, esclusa ma ss 275. Fitto: incredibile, la Regione in silenzio

Dl semplificazioni, esclusa la ss 275. Fitto: incredibile, la Regione in silenzio

 
Foggiasul gargano
Foggia, prefetto emette 2 interdittive antimafia: presunti legami con i clan

Foggia, prefetto emette 2 interdittive antimafia: presunti legami con il clan

 
Batnella bat
Trani, minacce ed estorsioni ai genitori per comprare alcol: arrestato 50enne

Trani, minacce ed estorsioni ai genitori per comprare alcol: arrestato 50enne

 
Brindisinel Brindisino
Tuturano, aggredisce e picchia la moglie davanti ai figli: arrestato 30enne

Tuturano, aggredisce e picchia la moglie davanti ai figli: arrestato 30enne

 
MateraLa battaglia Legale
Matera, l'ex casello conteso resta in mano al Comune

Matera, l'ex casello conteso resta in mano al Comune

 
Potenzail caso
Potenza, giallo mascherine: blitz Finanza al San Carlo

Potenza, giallo mascherine: blitz Finanza al San Carlo

 

i più letti

emergenza coronavirus

Mittal, prefetto ordina stop produzioni fino al 3 aprile: sindacati chiedono incontro

Viene garantito il mantenimento e la salvaguardia impianti e sicurezza. Delusa la Fim Cisl, titubanti su salvaguardia salute lavoratori

Ex Ilva, sindacati: anomalie su assunzioni e esuberi

TARANTO - Fino al 3 aprile, a causa dell’emergenza Coronavirus, nello stabilimento siderurgico ArcelorMittal di Taranto è sospesa l’attività produttiva ai fini commerciali e viene solo garantito il mantenimento e la salvaguardia impianti e sicurezza, con l’impiego di 3500 lavoratori diretti e 2000 dell’indotto nelle 24 ore. E’ quanto stabilisce, secondo quanto riferiscono fonti sindacali, un decreto del prefetto di Taranto, Demetrio Martino, in corso di emanazione.

L’azienda peraltro aveva già ridotto la forza lavoro giornaliera sui tre turni tra le 3600 e le 3800 unità e proceduto alla fermata di diversi impianti, tra cui Acciaieria 1 e Altoforno 2.

Ora è in corso una riunione tra l’azienda e i rappresentanti di Fim, Fiom, Uilm, Usb e Ugl anche sulla questione del ricorso alla cassa integrazione speciale Covid-19. Il prefetto è l'autorità di governo a cui spettava, in base all’ultimo decreto governativo, la decisione sulla prosecuzione dell’attività del Siderurgico. Le organizzazioni sindacali avevano chiesto un assetto di marcia «al minimo tecnico in assetto di comandata" per scongiurare il rischio «di una esplosione dei contagi».

«SCELTA INACCETTABILE» - «Riteniamo inaccettabile la scelta del Prefetto che ha peggiorato quanto il sindacato ha provato a fare in queste settimane». Lo sottolineano le segreterie Fiom e Uilm di Taranto commentando il decreto del prefetto di Taranto Demetrio Martino che ha disposto fino al 3 aprile, a causa dell’emergenza Coronavirus, la sospensione dell’attività produttiva «ai fini commerciali dello stabilimento siderurgico di Taranto» gestito da ArcelorMittal.

La decisione del prefetto è giunta in seguito ai pareri raccolti da Custode Giudiziario, Commissari Straordinari, Responsabile Spesal Taranto, Comandante Vigili del Fuoco Taranto, Comandante Vigili del Fuoco Bari. Viene «mantenuto l'assetto attuale dell’attività dello stabilimento - si precisa nel documento - per garantire la salvaguardia degli impianti e la sicurezza degli stessi da più elevati rischi di incidenti, con l’impiego giornaliero massimo, suddiviso in turni, di 3500 dipendenti diretti e di 2000 dipendenti delle imprese dell’indotto». Secondo Fiom e Uilm «la soluzione per contrastare il rischio di contagio da Covid-19 per i lavoratori è quello di ridurre al minimo la presenza di lavoratori all’interno dello stabilimento. Oggi abbiamo appreso, con gran stupore, che azienda e istituzioni viaggiano in direzione opposta alle rivendicazioni sindacali di questi ultimi giorni».
In una nota, il segretario generale aggiunto della Fim Cisl, Biagio Prisciano, esprime «forte perplessità e delusione su quanto ufficializzato attraverso provvedimento della Prefettura. Si prosegue con una presenza in fabbrica di 3500 unità, nei tre turni. Noi rimaniamo titubanti sulla salvaguardia della salute dei nostri colleghi ArcelorMittal, ai quali si aggiungono i 2000 dell’indotto. Oltre cinquemila persone in campo, ogni giorno, a rischiare la vita».

SINDACATI CHIEDONO INCONTRO - Fim, Fiom, Uilm e Usb di Taranto hanno chiesto un «incontro istituzionale» al prefetto, ai vigili del fuoco, allo Spesal Asl e al custode giudiziario degli impianti dell’area a caldo dell’ex Ilva, per analizzare gli effetti del decreto emesso ieri pomeriggio dal prefetto Demetrio Martino che sospende l’attività produttiva del Siderurgico solo ai fini commerciali fino al 3 aprile, con un impiego massimo giornaliero di 3500 lavoratori diretti e 2000 dell’indotto nelle 24 ore. Le organizzazioni sindacali ritengono che il provvedimento non sia sufficiente a contenere i rischi e sollecitano un incontro «chiarificatore» per fornire «ogni ulteriore, possibile elemento teso ad approfondire e considerare l'assetto di marcia dello stabilimento in funzione del numero dei dipendenti diretti e dell’indotto. Obiettivo questo, al sol fine - precisano - di profondere il massimo sforzo possibile, teso alla limitazione del contagio da Covid-19».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie