Mercoledì 12 Agosto 2020 | 19:20

NEWS DALLA SEZIONE

I dati del 2020
Mittal, la denuncia del comitato difesa salute: «Ai Tamburi raddoppio di benzene nell'aria»

Mittal, la denuncia del comitato difesa salute: «Ai Tamburi raddoppio di benzene nell'aria»

 
ECOSISTEMA
Taranto investe sui delfini, siglato protocollo d'intesa

Taranto investe sui delfini, siglato protocollo d'intesa

 
LA NOMINA
L'ex ciclista Sardone tra gli esperti di Emiliano: si occuperà di Taranto 2026

L'ex ciclista Sardone tra gli esperti di Emiliano: si occuperà di Taranto 2026

 
In ospedale
Sanità, Asl Taranto potenzia il Cup: ridotti i tempi d'attesa

Sanità, Asl Taranto potenzia il Cup: ridotti i tempi d'attesa

 
nel Tarantino
«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

 
VERSO LA RIAPERTURA
Taranto piano scuole, stanziato un milione

Taranto: piano scuole, stanziato un milione

 
IL FATTO
Indotto ex Ilva, salta l'incontro: la Morselli snobba il Governo

Indotto ex Ilva, salta l'incontro: la Morselli snobba il Governo

 
Il caso
Arcelor Mittal, i Genitori Tarantini «delusi7 dalle parole di Conte: «La città va salvata»

Arcelor Mittal, i Genitori Tarantini «delusi7 dalle parole di Conte: «La città va salvata»

 
Scuola
Taranto, varato «@ula 3.0» per digitalizzare le scuole comunali

Taranto, varato «@ula 3.0» per digitalizzare le scuole comunali

 
RIQUALIFICAZIONE
Centro salute Asl a Taranto, lavori in corso

Centro salute Asl a Taranto, lavori in corso

 
a 10 anni dalla morte
Avetrana, l'omicidio di i Sarah Scazzi diventa serie Tv e documentario

Avetrana, l'omicidio di Sarah Scazzi diventa serie Tv e documentario

 

Il Biancorosso

serie C
Vivarini, Auteri e i «due» Bari

Vivarini, Auteri e i «due» Bari: grandi cambi o tanta fantasia

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa novità
Riapre il leggendario bar Mokador: così torna in vita un pezzo storico di Bari

Riapre il leggendario bar Mokador: così torna in vita un pezzo storico di Bari

 
FoggiaIl furtto
Gargano, rubano soldi e documenti a coppia di turisti della Repubblica Ceca

Gargano, rubano soldi e documenti a coppia di turisti della Repubblica Ceca

 
TarantoI dati del 2020
Mittal, la denuncia del comitato difesa salute: «Ai Tamburi raddoppio di benzene nell'aria»

Mittal, la denuncia del comitato difesa salute: «Ai Tamburi raddoppio di benzene nell'aria»

 
Bati fatti nel 2018
Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

Trani, rapinarono e sequestrarono un autotrasportatore: arrestati padre e figlio

 
Leccenel basso salento
Gagliano del Capo, si intrufola in casa di una donna e tenta di violentarla: arrestato

Gagliano del Capo, si intrufola in casa di una donna e tenta di violentarla: arrestato

 
PotenzaIL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
MateraNel Materano
Policoro, gasolio venduto illecitamente: 8 indagati

Policoro, gasolio venduto illecitamente in stazione di servizio «abusiva»: 8 indagati

 

i più letti

La protesta

Mittal, sindacati stasera al Quirinale
Voci su blocco uscita dei camion

Annunciata manifestazione a Roma. Intanto si pensa a uno sciopero al rovescio. Al lavoro due Procure

Arcelor Mittal, scoppia il caso dei microchip nelle tute degli operai

I tre segretari generali di Cgil, Cisl e Uil saranno ricevuti stasera alle 19.30 al Quirinale dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per affrontare la questione dell’ex Ilva e in generale delle crisi industriali. Lo si apprende da fonti sindacali.

VERSO IL BLOCCO DEGLI AUTOTRASPORTI - Nella giornata di oggi gli autotrasportatori tarantini hanno intenzione, secondo quanto si apprende da fonti sindacali, di consentire il passaggio dei mezzi per l’approvvigionamento dei materiali necessari alla produzione ma di impedire l’uscita dalla fabbrica della merce prodotta, ovvero i rotoli di acciaio (coils).

La protesta, dicono le stesse fonti, potrebbe inasprirsi nei giorni successivi se ArcelorMittal non salderà le fatture in sospeso. Le imprese di autotrasporto hanno già proclamato lo stato di agitazione della categoria e messo in mora l’azienda. Nel gennaio del 2015 iniziarono una protesta con presidio alle portinerie che durò 40 giorni per i crediti derivanti dal passaggio da Ilva commissariata a Ilva in amministrazione straordinaria (150 milioni) e terminò solo quando si raggiunse un accordo circa il pregresso e i tempi di pagamento del corrente.

EMILIANO: STUDIAMO MODO PER PAGARE FATTURE INDOTTO - «Stiamo studiando un sistema che consenta alla Regione di pagare le fatture al posto di Mittal e poi subentreremmo come creditori dell’Ilva ma sconsiglio a Mittal di trasformare la Regione Puglia anche in un creditore della loro azienda perché a quel punto li perseguiteremo legalmente ovunque al mondo. Questo modo di fare è vergognoso». Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che ha raggiunto il presidio delle aziende dell’indotto di ArcelorMittal davanti alla portineria C dello stabilimento siderurgico di Taranto. Emiliano nei giorni scorsi aveva ricevuto rassicurazione dall’Ad Lucia Morselli circa il pagamento delle aziende dell’indotto.
«Mittal si è impegnato a pagare le fatture. Ci sono i lavoratori delle imprese esterne che hanno fatto prestazioni di beni e servizi e non sono stati pagati. Stanno rischiando di far fallire decine di aziende che sono essenziali per l’economia pugliese. Siccome si sono impegnati a pagare, devono pagare presto».

FIOM: NESSUNO SPEGNERA' LA FABBRICA - L'unica soluzione realmente percorribile è che chi ha vinto rimanga: la gara è durata 3 anni e la cosa fondamentale e che A. Mittal rispetti il contratto ed i suoi impegni con un accordo sindacale che è vincolante». Così Francesca Re David, segretaria generale della Fiom sul caso ex Ilva. «Si tratterà insomma di uno sciopero a rovescio; i lavoratori non lasceranno il posto di lavoro», spiega la segretaria generale della Fiom confermando l'iniziativa anticipata dai sindacati a Taranto e sottolinea anche il rischio ambientale con le emissioni provocate se verrà realmente attuato lo spegnimento, ed il nodo del magazzino.

«Tra le altre cose -rileva poi- lo spegnimento provocherebbe un danno mentre in caso di una riconsegna A.Mittal dovrebbe restituire lo stabilimento nelle stesse condizioni nelle quali lo ha ricevuto». «Insomma - conclude- mi sembra fuori dalla realtà che si possa rimettere in discussione tutto».

I sindacati, intanto, pensano a una grande mobilitazione con una manifestazione a Roma: tutto ciò avviene alla vigilia del consiglio d fabbrica che lunedì vedrà la riunione allargata ai rappresentanti delle aziende dell'indotto che attendono pagamenti per oltre 50 milioni di euro. Confindustria Taranto ha convocato per martedì prossimo le organizzazioni sindacali per affrontare la questione della vertenza indotto-ArcelorMittal. Sulle vicenda ex Ilva, intanto, indagano due Procure: quella di Milano e quella di Taranto.

MINISTRO BOCCIA: SCUDO SUL TAVOLO, NO RICATTI - Il ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia, ha detto che «Il ricatto noi non lo subiamo, è evidente che se Mittal continua così sarà chiaro a tutti che è stato un errore venderla a Mittal. Lo scudo non è un problema perché lo scudo è sul tavolo, ed è stato messo sul tavolo dal Presidente del Consiglio e da tutto il Governo in maniera compatta. Noi ci aspettiamo che Mittal torni indietro rispetto al ricatto fatto. Il Paese ha reagito in maniera compatta, dal Governo ai lavoratori alla magistratura».

SINDACO MELUCCI: AZIENDA PERFEZIONI IMPEGNI - «Ora, se ha ragione il Governo e il contratto è in forza, occorrono condizioni pesantissime perché ArcelorMittal resti e perfezioni i suoi impegni, ora Taranto vuole soddisfazione da ogni punto di vista. È uno Stato civile non solo quello che garantisce gli investimenti, ma anche quello che dà certezza rispetto alle responsabilità delle parti di un negozio». Così il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci in relazione all’annunciato disimpegno di ArcelorMittal e alla comunicazione del cronoprogramma di fermate degli impianti.

«ArcelorMittal, da bravi finanzieri, hanno dilapidato in fretta e irrimediabilmente - osserva il primo cittadino - un patrimonio di fiducia, non possiamo far finta che si sia scherzato sin qui. Torniamo a chiedere al Governo severità e coinvolgimento, torniamo a chiedere al Presidente Conte di rivedere la governance ed il modello di produzione di quella fabbrica, costi quel che costi». «Ribadiamo - afferma Melucci - tutta la nostra stanchezza, ribadiamo che questa volta non sarà accontentando soltanto gli strateghi di ArcelorMittal che si risolveranno tutti i problemi. Il copione che hanno con successo portato avanti in passato in altri Paesi non funzionerà a Taranto». «Si interroghi oggi - conclude il sindaco - chi afferma con veemenza che si tratti del miglior produttore di acciaio in circolazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie