Lunedì 20 Maggio 2019 | 09:15

NEWS DALLA SEZIONE

Nel tarantino
Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

Manduria, anziano pestato a morte: indagati altri 4 minori

 
Lungo i viali
Bologna, 30enne tarantina travolta da bus: rischia di perdere una gamba

Bologna, 30enne tarantina travolta da bus: rischia di perdere una gamba

 
L'episodio
Taranto, vandali in Piazza Fontana

Taranto, vandali in Piazza Fontana

 
Truffa
Taranto, simulavano finti incidenti stradali: 26 denunce

Taranto, simulavano finti incidenti stradali: 26 indagati

 
Lotta alla droga
Taranto, sorpreso con 15 dosi di cocaina: arrestato 41enne

Taranto, sorpreso con 15 dosi di cocaina: arrestato 41enne

 
la marella discovery
Taranto, ecco i crocieristila città si riscopre turistica

Ecco la più grande nave da crociera mai attraccata a Taranto

 
L'annuncio
Taranto, è ufficiale la candidatura per i Giochi del Mediterraneo 2025

Taranto, è ufficiale la candidatura per i Giochi del Mediterraneo 2025

 
Professioni abusive
Insegnavano in scuola guida senza titoli: denunce a Taranto e Statte

Insegnavano in scuola guida senza titoli: denunce a Taranto e Statte

 
Liste d'attesa
Ginosa, visita urologica dopo 231 giorni: esplode il caso

Ginosa, visita urologica dopo 231 giorni: esplode il caso

 
Nel Tarantino
Manduria: ambulanza si scontra con due auto, cinque feriti

Manduria: ambulanza si scontra con due auto, cinque feriti

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatRiflettori puntati
Trani, inchiesta Giancaspro: nuovo stadio in periferia, palazzi al posto del vecchio

Trani, inchiesta Giancaspro: nuovo stadio in periferia, palazzi al posto del vecchio

 
LecceVerso il voto
Lecce, assalto al gazebo Lega in centro: una ragazza contusa. Martedì atteso Salvini

Lecce, assalto a gazebo Lega in centro: 17enne contusa. Salvini: vergogna

 
TarantoNel tarantino
Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

Manduria, anziano pestato a morte: indagati altri 4 minori

 
FoggiaNel foggiano
Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop

 
Brindisinel brindisino
Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

 
PotenzaA ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

 

i più letti

Il processo

Traffico di droga dall'Albania a Taranto, in appello 14 condanne

Organizzazione fu sgominata da Gdf di Taranto nel 2016

Estorsione, Gdf di Taranto arresta ex consigliere e ex assessore

TARANTO -  Si è chiuso con la conferma integrale di due condanne e la riduzione di pena per altri dodici imputati, dopo l’esclusione dell’aggravante della transnazionalità del traffico di droga, il processo d’appello scaturito dall’operazione antimafia denominata «Oceano», che culminò il 13 settembre 2016 nell’esecuzione di 18 misure cautelari. La Guardia di finanza di Taranto, coordinata dalla Dda di Lecce, sgominò un’organizzazione italo-albanese dedita allo spaccio di eroina, cocaina e marijuana. La Corte d’Appello di Lecce (presieduta dal giudice Carlo Errico) ha confermato la condanna a 6 anni e 8 mesi a carico di Cristian Montanaro e Alessandro Quarta.

Tra le principali condanne: Ervin Gerbaj 14 anni, 11 mesi e 20 giorni (15 anni e 8 mesi in primo grado); Marenglen Halka 9 anni, 4 mesi e 26 giorni (14 anni e 4 mesi anni in primo grado), che era considerato il capo promotore del sodalizio; Giuseppino Mero 7 anni, 3 mesi e 20 giorni (9 anni e 8 mesi); Marius Halka 4 anni, 11 mesi e 20 giorni; Alessandro Scalinci 4 anni e 9 mesi (8 anni); Hendri Kapllani 4 anni, 10 mesi e 10 giorni (7 anni e 10 mesi). Pena rideterminata da 6 anni e 10 mesi anni a 2 anni e un mese nei confronti di Davide Giovine, difeso dall’avv. Fabrizio Lamanna, che è stato assolto dal reato associativo e poi scarcerato. Il clan italo-albanese operava nel territorio salentino e jonico, in particolare nei comuni di Lecce, Gallipoli, Guagnano, Brindisi, Taranto, Massafra e Statte. L'operazione consentì di tracciare le nuove rotte del narcotraffico tra le due sponde dell’Adriatico: marijuana a quintali, ma anche eroina, cocaina e hascisc.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400