Giovedì 19 Settembre 2019 | 10:28

NEWS DALLA SEZIONE

L'operazione
Taranto, Polstrada scopre officina abusiva a Lama: sanzioni e sequestri

Taranto, Polstrada scopre officina abusiva a Lama: sanzioni e sequestri

 
Dalla Gdf
Evasione fiscale, sequestrati beni a ditte abbigliamento Martina Franca

Evasione fiscale, sequestrati beni a ditte abbigliamento Martina Franca

 
A San Marzano
Lite a coltellate in bar del Tarantino, un ferito: arrestato aggressore

Lite a coltellate in bar del Tarantino, un ferito: arrestato aggressore

 
In centro
Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

 
nel tarantino
Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

 
Siderurgico
Mittal, fine prima fase di demolizione AFo3 Riaperte scuole ai Tamburi

Mittal, fine prima fase di demolizione AFo3 Riaperte scuole ai Tamburi

 
Dai carabinieri
Taranto, sequestrate 6 tonnellate di buste di plastica non conformi

Taranto, sequestrate 6 tonnellate di buste di plastica non conformi

 
Incidente stradale
Massafra, perde il controllo della moto e si schianta: morto 48enne

Massafra, perde il controllo della moto e si schianta: morto 48enne

 
La telefonata a sorpresa
Depuratore Sava, Romina Power chiama ed Emiliano risponde: confronto a Domenica in

Depuratore Sava, Romina Power chiama ed Emiliano risponde: confronto a Domenica in

 
Le fiamme
Taranto, incendio tra le ville: panico a Lama

Taranto, incendio tra le ville: panico a Lama

 

Il Biancorosso

Serie C
Il Bari non sa vestirsi da Grande: Cornacchini all'ultimo esame

Il Bari non sa vestirsi da Grande: Cornacchini all'ultimo esame

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceGiro da oltre 2mln di euro
Lecce, società riceveva abusivamente tonnellate di rifiuti metallici: 79 indagati

Lecce, società riceveva abusivamente tonnellate di rifiuti metallici: 79 indagati

 
Foggianel foggiano
Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

 
BariL'inchiesta
Carbonara, medici in trincea. Lo sfogo del direttore: «Nessuna regola, tante aggressioni»

Carbonara, medici in trincea. Lo sfogo del direttore: «Nessuna regola, tante aggressioni»

 
PotenzaTragedia sfiorata
Potenza, in fiamme bus pieno di studenti: tutti illesi, danni a 3 auto

Potenza, in fiamme bus pieno di studenti: tutti illesi, danni a 3 auto

 
TarantoL'operazione
Taranto, Polstrada scopre officina abusiva a Lama: sanzioni e sequestri

Taranto, Polstrada scopre officina abusiva a Lama: sanzioni e sequestri

 
BatNordbarese
Scontro treni Ferrotramviaria: Tribunale rigetta patteggiamento capostazione

Scontro treni Ferrotramviaria: Tribunale rigetta patteggiamento capostazione

 
BrindisiNel Brindisino
Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

 
MateraPreso dai Cc
Tito, ai domiciliari ma spacciava: n cella un 49enne

Tito, ai domiciliari ma spacciava: in cella un 49enne

 

i più letti

Sanità

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Il caso di un bambino affetto da una malattia rara che può portare a una mortalità precoce

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Un ritardo “macroscopico” di ben 4 anni per una diagnosi, peraltro poi fatta fuori Taranto (prima presso la Struttura Sanitaria Stella Maris di Matera, Presidio Ospedaliero Madonna delle Grazie – Unità Operativa Complessa di Neuropsichiatria Infantile, successivamente confermata dal Centro Specialistico Nemo del Policlinico Gemelli di Roma) di malattia di Duchenne, malattia rara tra le più conosciute, di origine genetica e caratterizzata da una progressiva degenerazione muscolare e successiva insufficienza cardio-respiratoria, con conseguente mortalità precoce.

Quattro lunghi anni di sofferenza e tentativi andati a vuoto qui a Taranto, durante i quali “l’evoluzione della malattia ha provocato danni irreparabili alla muscolatura e al fisico del piccolo, senza contare e considerare i relativi danni psicologici subìti”. Per i genitori del piccolo L.C., che ha da poco compiuto 7 anni (la Gazzetta si è già occupata del caso lo scorso 28 dicembre, ndr), la “mancata, tempestiva, diagnosi della malattia, è avvenuta esclusivamente per colpa grave professionale dei sanitari addetti alla cura del piccolo presso la Asl di Taranto, e i danni patiti o che hanno aggravato la sua patologia, sono conseguenza immediata e diretta di tale mancata e tempestiva diagnosi”.

Per questo, anche dopo i falliti tentativi di ottenere un risarcimento dei danni necessario anche a sostenere le spese ora affrontate dalla famiglia per sopperire ai tanti sempre più gravosi bisogni del bambino, i genitori – assistiti dall’avv. Antonietta Ruggiero - hanno presentato nei giorni scorsi una querela contro quattro specialisti dell’Asl jonica, “nonché – si legge nell’atto - contro tutti coloro che risulteranno accertati quali coautori e corresponsabili nella loro qualità di Sanitari operanti presso la Asl di Taranto, Centro per la Disabilità in età evolutiva, Centro di Riabilitazione, per tutti quei reati per i quali il Magistrato intenderà ravvisare e riconoscerne gli estremi, con particolare riferimento agli art. 590 e 590 sexies cp, salvo i diversi ed ulteriori reati che si potranno riscontrare dall’approfondimento istruttorio dei fatti”.

Il caso del piccolo L.C. non sarebbe isolato, nel senso che, soprattutto nell’ambito delle malattie rare, ci sarebbero altri bambini i cui genitori si sono dovuti rivolgere in centri fuori regione per avere una diagnosi. Intanto, la storia di questa mancata diagnosi (del caso sta occupandosi il consigliere regionale Renato Perrini, Direzione Italia), nonostante gli “evidentissimi segnali e sintomi tipici della malattia neuromuscolare di Duchenne mostrati dal piccolo con il suo deficit motorio, già in tenera età, come peraltro annotati in una prima anamnesi all’età di un anno circa”, è raccontata dettagliatamente nella querela.

“Evidentissimi” vengono definiti tutti quei segnali non interpretati o che non avrebbero neppure generato il sospetto nonostante l’esistenza di una copiosa letteratura medico-scientifica, di strumenti di informazione e di aiuto alla pratica clinica, come le linee guida e i conseguenti Pdta (Percorsi diagnostico terapeutico assistenziali), e le buone pratiche clinico-assistenziali ed i protocolli. “La gravità e la complessità di una patologia come la distrofia di Duchenne – dicono i genitori - e l’importanza, rispetto alle aspettative e alla qualità di vita, di un intervento che possa iniziare il prima possibile, mettono in evidenza la necessità di una diagnosi precoce e precisa. Una diagnosi precoce – aggiungono - vuol dire accedere a un trattamento tempestivo prima che si instauri il danno muscolare, significa avere la possibilità di partecipare ai trial clinici accelerando ricerca e terapie e, la possibilità di effettuare in tempo test genetici per pianificare eventuali altre gravidanze”. Ma tutto questo, purtroppo, sarebbe mancato. Ora saranno i giudici a valutare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie