Domenica 29 Maggio 2022 | 10:07

In Puglia e Basilicata

SPORT

Atletica: Jacobs oro mondiale, «Tokyo non era un caso»

Atletica: Jacobs oro mondiale, «Tokyo non era un caso»

Titolo e record europeo per azzurro, Coleman ko. Domenica Tamberi

20 Marzo 2022

Redazione online

E' servito il fotofinish, ma nel cuore Marcell Jacobs sapeva di avercela fatta. Il campione olimpico dei 100 è riuscito a vincere anche la medaglia d'oro iridata alla rassegna indoor di Belgrado, confermando di essere lui il vero l'erede di Usain Bolt nella velocità. L'azzurro, presentatosi alla finale col miglior tempo (6.45, record italiano) ha dovuto impegnarsi per raggiungere lo statunitense Christian Coleman, il suo vero rivale, e all'altro velocista a stelle e strisce, Marvin Bracy, più reattivi allo start, ma nella progressione ha avuto la meglio e dopo il verdetto ha potuto gioire come a Tokyo, fasciandosi con il tricolore. Oltre al titolo di campione iridato indoor, il settimo nella storia per l'atletica leggera italiana, Jacobs ha anche ottenuto il record europeo, e italiano, con il tempo di 6.41. Lo stesso fatto segnare da Coleman, battuto per soli tre millesimi, mentre Bracy ha chiuso in 6.44, meno di quanto aveva impiegato Jacobs per presentarsi alla finale con il miglior crono (6.45).

Marcell Jacobs si conferma il più veloce di tutti laureandosi campione del mondo indoor sui 60 metri. Complimenti @crazylongjumper". Così, in un tweet, Palazzo Chigi dopo la medaglia d'oro conquistata dall'olimpionico Marcell Jacobs nei 60 metri ai Mondiali di atletica leggera indoor in corso a Belgrado. 

Dopo l'oro di Jacobs, l'atletica azzurra punta a replicare la storica doppietta di Tokyo, visto che domattina sarà in pedana Gianmarco Tamberi per la gara del salto in alto. Da Portland 2016 a Belgrado, il campione marchigiano vuole riprendersi il mondiale indoor, il primo di una luminosa carriera, in un tentativo che lui stesso ha definito 'una follia': salire sul podio iridato alla prima gara dell'anno con una sola seduta di tecnica. Un solo vero rivale può impensierirlo, il coreano da 2,36 Sanghyeok Woo, mentre un'altra possibile insidia è il neozelandese da 2,30 in stagione Hamish Kerr. Domattina la progressione prevede di superare le misure di 2,15, 2,20, 2,24, 2,28, 2,31, 2,34, 2,36. Comunque vada, Belgrado è una tappa di avvicinamento al vero appuntamento stagionale, i Mondiali di Eugene, per conquistare l'unico oro che ancora manca nella bacheca di Tamberi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725