Giovedì 17 Giugno 2021 | 23:18

NEWS DALLA SEZIONE

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 
La curiosità
Bari calcio, al via il Generation Day con 240 bimbi al San Nicola

Bari calcio, al via il Generation Day con 240 bimbi al San Nicola

 
Serie C
Calcio, Gallo confermato sulla panchina del Potenza

Calcio, Gallo confermato sulla panchina del Potenza

 
Calcio
Il Lecce punta su Olivieri per l'attacco

Il Lecce punta su Olivieri per l'attacco

 
Sport
Vela: Luduan Reloaded vince la 35esima Brindisi-Corfù

Vela: Luduan Reloaded vince la 35esima Brindisi-Corfù

 
Calcio
Lecce, test medici per il giallorosso Tuia

Lecce, test medici per il giallorosso Tuia

 
Calcio
Europei: Italia batte 3-0 la Turchia, una partenza lanciata

Europei: Italia batte 3-0 la Turchia, una partenza lanciata

 
L'evento
Il campionato italiano di ciclismo donne si corre sulla Costa dei Trulli

Il campionato italiano di ciclismo donne si corre sulla Costa dei Trulli

 
calcio
Figc, Tisci confermato alla guida del Settore Giovanile in Puglia

Figc, Tisci confermato alla guida del Settore Giovanile

 
Sport
SailGp a Taranto: vittoria per il Japan Team con Checco Bruni

SailGp a Taranto: vittoria per il Japan Team con Checco Bruni

 
Sport
SailGp Taranto: testa a testa tra Usa e Japan Team. Emiliano: «Futuro nuovo fatto di mare»

SailGp Taranto: testa a testa tra Usa e Japan Team. Emiliano: «Futuro nuovo fatto di mare»

 

Il Biancorosso

verso il futuro
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'emergenza
Carceri: sit-in penitenziari a Bari, «grave carenza agenti»

Carceri: sit-in penitenziari a Bari, «grave carenza agenti»

 
Leccel'allarme
Lecce, allarme incendi per ulivi secchi per la xylella

Lecce, allarme incendi per ulivi secchi per la xylella

 
BrindisiIl fatto
Brindisi, Altri 4 indagati per il 13enne costretto a prelevare forti somme dal bancomat

Brindisi, altri 4 indagati per il 13enne costretto a prelevare forti somme dal bancomat

 
Foggiacovid 19
Foggia, vaccini: è stato il giorno dei ragazzi

Foggia, vaccini: è stato il giorno dei ragazzi

 
Tarantola vicenda giudiziaria
Taranto, Operaio morto al fiume Tara in 8 finiscono sotto inchiesta

Taranto, Operaio morto al fiume Tara in 8 finiscono sotto inchiesta

 

i più letti

Calcio

Europei: Italia batte 3-0 la Turchia, una partenza lanciata

Festa azzurra: autorete Demiral e gol di Immobile e Insigne

Europei: Italia batte 3-0 la Turchia, una partenza lanciata

Non c'è la fiaccolata di giornali a celebrarla: ma per l’intensità di una gioia che ha tante sfaccettature, la serata dell’Olimpico si mette in scia di quella che tanti anni fa celebrò il successo azzurro all’europeo del 1968. L’Italia infatti festeggia il ritorno a una vita (relativamente) normale battendo 2-0 la Turchia nella gara inaugurale del torneo continentale davanti a un pubblico ridotto rispetto alla capienza dello stadio ma finalmente non virtuale.
Gli azzurri di Mancini, che passano grazie ad una autorete di Demiral e ai gol di Immobile e Insigne, mettono le basi così per un girone di qualificazione sereno: è già molto, anche se non mancano pecche nella loro prestazione. Ma era una partita contrassegnata da tante difficoltà. L’Italia era infatti arrivata alla sfida di apertura dell’europeo con una striscia di 27 risultati utili consecutivi, vinceva da 8 gare di seguito nelle quali non aveva subito gol: ma la media della classifica Fifa delle avversarie affrontate prima di oggi era oltre l'ottantesima posizione, e allora forse potevano essere considerate più pesanti le prestazioni del recente passato dei turchi, capaci nel girone di qualificazione a questo europeo, ad esempio, di strappare 4 punti su 6 alla Francia campione del mondo e favorita per il titolo. E invece gli azzurri hanno superato l’ostacolo agevolmente, con una partenza lanciata: e guardano ora con fiducia alla seconda gara del girone con la Svizzera, in programma mercoledì prossimo.
In avvio i due tecnici avevano confermato le indicazioni della vigilia: Mancini fedele al suo 4-3-3 vocato al possesso palla e chiaramente indirizzato all’attacco, Gunes - che è il decano dei ct del torneo - con la squadra più giovane ma schierata in un prudente 4-1-4-1. Da ex portiere, il commissario tecnico turco pensava innanzitutto a coprirsi forse anche perchè scottato dalle critiche ricevute in passato, pure quando i suoi erano reduci da un’impresa come il terzo posto al mondiale 2002. In una gara dalle molte suggestioni, non tutte sportive, il messaggio di incoraggiamento del «sultano» Erdogan era arrivato puntuale a poche ore dalla gara a dare quella connotazione fortemente patriottica che alla generazione attuale di giovani turchi viene riservata quotidianamente. Le istituzioni italiane rispondevano con il tifo sobrio del presidente della Repubblica, Mattarella, mentre lo stadio si colorava di azzurro ma le macchie rosse spiccavano, perchè tra i 16 mila ammessi molti erano i turchi arrivati dall’area Schengen. Fatto sta che con Jorginho a fare da metronomo e Barella-Locatelli incursori, gli azzurri tentavano da subito di accendere il tridente fantasia Insigne-Berardi-Immobile. Che ci provavano già al 3'(cross dell’esterno del Sassuolo e tiro del laziale fuori di poco). Ma impantanati nelle sabbie mobili create da un avversario abile a chiudere spazi e linee di passaggio, dovevano aspettare metà tempo per ceare pericoli veri agli avversari (tiro di Insigne a botta sicura dopo triangolo con Berardi, fuori; colpo di testa di Chiellini deviato in angolo da Cakir e stacco imperioso di Immobile servito dall’esterno del Sassuolo, con palla a lato di poco). Così ad accendere il pubblico erano semmai le reiterate proteste degli azzurri, alla ricerca di un intervento risolutore del Var: le uniche con un minimo di fondamento parevano quelle in chiusura di tempo per un intervento a braccio largo di Celik su cross di Spinazzola. Dopo un controllo volante con la sala tecnologia, l’arbitro Makkelie faceva cenno che di rigore non se ne parlava proprio.
Nella ripresa Mancini inseriva Di Lorenzo al posto di Florenzi per trovare più verve sulla fascia destra, e contestualmente Gusen gli piazzava davanti l’estro di Under, che rilevava Yazici. Serviva forse un guizzo di Chiesa, e sicuramente in difesa uno tra Chiellini e Bonucci era di troppo, considerando che i turchi lasciavano in avanscoperta il solo Yilmaz. Così, nel solito tran tran ci scappava anche un errore grave in impostazione di Jorginho, sul quale Under si involava: Spinazzola e Donnarumma ci mettevano una pezza. Sul ribaltamento di fronte però l’Italia passava: Berardi, lanciato in area, metteva a sedere un avversario e crossava forte, nel tentativo di evitare l’impatto sul braccio Demiral maldestramente metteva nella sua rete con il petto. La gara si sbloccava e si piazzava su un binario gradito agli azzurri, alla ricerca di spazi: ma non ne approfittavano prima Insigne (al 13' si faceva ancora una volta stoppare) e poi Locatelli che tirava fiacco un minuto dopo da buona posizione. Il gol che dava la sicurezza agli azzurri arrivava ancora grazie ad un’intuizione di Berardi, che al 22' ribaltava il fronte d’attacco con un cross, liberando al tiro Spinazzola. Cakir respingeva proprio sui piedi di Immobile, rapido a mettere in rete. Al 34' arrivava poi il gol di Insigne, che a giro di destro confezionava il suo pezzo migliore e chiudeva il tris azzurro. C'era spazio anche per Cristante, Chiesa e Bernardeschi: ma l’emozione più forte era per la festa liberatoria a fine partita con la quale i 16 mila dell’Olimpico celebravano il ritorno alla normalità delle passioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie