Martedì 19 Febbraio 2019 | 07:30

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

I girasoli bonificheranno l'Alta Murgia

È emerso durante la presentazione della convenzione firmata tra Regione, Cnr, Università di Bari e Arpa per la bonifica dei suoli inquinati tra Gravina e Altamura in seguito allo sversamento di fanghi di depurazione
BARI - Saranno i girasoli a bonificare le aree inquinate dell'Alta Murgia. È emerso durante la presentazione della convenzione firmata oggi tra Regione Puglia, Cnr, Università di Bari e Arpa Puglia per la bonifica dei suoli inquinati tra Gravina e Altamura in seguito allo sversamento di fanghi di depurazione e di materiale da compostaggio (materiali eterogenei come residui di metalli pesanti e rifiuti ospedalieri). «C'è stato un giusto allarme - ha spiegato l'assessore all'Ecologia Losappio - sia da parte dei Comuni che dei cittadini, cui è seguita un'inchiesta della Magistratura e il sequestro dei suoli. Abbiamo cominciato a chiederci come disinquinare e ripristinare, dopo che l'Arpa ha svolto complesse indagini per la caratterizzazione e la definizione dei livelli di inquinamento». I siti di Gravina e Altamura sorgono in aree delicate dal punto di vista ambientale, dove trasportare camion e mezzi da cantiere per «scortecciare» il terreno e asportare le parti inquinate sarebbe difficile, «così - ha concluso Losappio - ci siamo orientati verso tecnologie innovative attraverso i suggerimenti della ricerca scientifica, ci sono a disposizione 415mila euro per forme di bonifica in situ». Secono Antonello Antonicelli, dirigente del settore Rifiuti e Bonifiche dell'assessorato all'Ecologia, si potrà lavorare «in situ tramite la fitodepurazione», una sorta di «aspirazione» degli inquinanti in alcune specie vegetali messe a dimora sui terreni contaminati. «I primi studi infatti - ha spiegato - assicurano che non c'è trasferimento dei metalli pesanti nelle biomasse, ovvero i metalli nel suolo non si trasferiscono nelle coltivazioni». Resta l'inquinamento organico che «sarà assorbito - conclude Antonicelli - da colture anche autoctone come i girasoli che una volta assorbiti gli inquinanti, saranno avviati a corretto smaltimento. Entro la fine dell'anno sarà infine convocata una conferenza di servizi per la verifica delle attività». Presenti il rettore dell'Ateneo, Corrado Petrocelli, Vito Uricchio, per il Cnr, e il Giorgio Assennato direttore dell'Arpa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400