Sabato 16 Febbraio 2019 | 22:09

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Lesina - Sequestrata l'Eden V

Operazione della Polizia provinciale di Foggia dopo l'uscita di oli combustibili dalla nave arenatasi nel 1988 sul litorale di Capitanata, su ordine del Tribunale di Lucera
Lesina - Relitto nave Eden v FOGGIA - La Polizia provinciale di Foggia ha sequestrato il relitto della motonave "Eden V", arenatasi nel dicembre del 1988 sul litorale di Lesina (Foggia), e il cantiere utilizzato per lo smantellamento e la rottamazione dello stesso relitto. Il decreto di sequestro preventivo è stato firmato dal giudice del Tribunale di Lucera (Foggia) Filomena Mari. La Polizia provinciale ha inoltre denunciato a piede libero l'imprenditore Alessandro Incelli, di Frosinone, titolare dell'omonima ditta che stava eseguendo la rottamazione della motonave.
Il sequestro è legato alla fuoriuscita dal relitto, circa un mese fa, di oli combustibili che si sono dispersi in mare e sulla battigia. Il sostituto procuratore del Tribunale di Lucera Antonio Laronga, che dirige l'inchiesta scaturita dallo sversamento di oli combustibili, contesta all'impresa laziale la mancata autorizzazione alla gestione di rifiuti e l'inquinamento delle acque di mare e della battigia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400