Sabato 23 Gennaio 2021 | 12:40

NEWS DALLA SEZIONE

la storia
Da Gioia gli «angeli» del cielo: «Così abbiamo salvato i due alpinisti bloccati dal gelo»

Da Gioia gli «angeli» del cielo: «Così abbiamo salvato i due alpinisti bloccati dal gelo»

 
questa mattina
Corato, straniero dà in escandescenza in pieno centro: intervengono due militari dell'Esercito e lo bloccano

Corato, straniero dà in escandescenza in pieno centro: intervengono due militari dell'Esercito e lo bloccano

 
L'iniziativa
Foggia, i militari dell'Artiglieria dell'Esercito donano 320 chili di alimenti a mensa dei poveri

Foggia, i militari dell'Artiglieria dell'Esercito donano 320 chili di alimenti a mensa dei poveri

 
solidarietà
Foggia, Esercito impegnato nel sociale: gli artiglieri donano 320 kg di generi di prima necessità ai poveri

Foggia, Esercito impegnato nel sociale: artiglieri donano 320 kg di generi di prima necessità ai poveri

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'iniziativa
I «Teatri di Bari» si propongono come centri vaccinali

I «Teatri di Bari» si propongono come centri vaccinali

 
MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

 
FoggiaIl virus
Covid 19, Brusaferro in collegamento a Foggia: «In Italia lieve decrescita»

Covid 19, Brusaferro in collegamento a Foggia: «In Italia lieve decrescita». Anelli: «No a vaccini a chi non è a rischio»

 
LecceLotta al virus
Vaccinazioni contro il Coronavirus, il primato di Maglie

Vaccinazioni contro il Coronavirus, il primato di Maglie

 
TarantoLa decisione
Un tarantino ai vertici dei servizi segreti, nominato da Conte l'ammiraglio Massagli

Un tarantino ai vertici dei servizi segreti, nominato da Conte l'ammiraglio Massagli

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
PotenzaIl caso
Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

 
BrindisiL'inchiesta
Fasano, maxi-truffe on line scoperta su scala nazionale: rinviato a giudizio

Fasano, maxi-truffe on line scoperte su scala nazionale: rinviato a giudizio imprenditore

 

i più letti

L'ANALISI

Partono i bersaglieri del 7° Reggimento Altamura
Libia, ecco come cambia la situazione sul campo

Via alla nuova missione internazionale del soldati della Brigata Pinerolo

Partono i bersaglieri del 7° Reggimento AltamuraLibia,  ecco come cambia la situazione sul campo

I bersaglieri della Brigata Pinerolo partono per un'altra missione internazionale, quella in Libia. E andranno ad operare in uno scenario in continua evoluzione come dimostra il puzzle sul campo delle milizie libiche legate ai vari signori della guerra. I fanti piumati del 7° Reggimento di Altamura avranno il compito, tra l'altro, di garantire la sicurezza dell'ospedale da campione italiano di Misurata e di addestrare le forze di sicurezza del governo libico. 

Intanto i militari del generale Khalifa Haftar, uno degli uomini forti del Paese, sono particolarmente attivi nel Sud della Libia e proseguono una strategia di occupazione del territorio desertico, tra l'altro ripulito da terroristi, jahidisti e guerriglia di varia estrazione. Ma un potenziale obiettivo è anche quello di accerchiare a distanze le milizie che, almeno formalmente, appoggiano il premier Fayez Al Sarraj a Tripoli e nel Nord-Ovest del Paese. Questo quadro emerge da un articolo dell'analista Mustafa Fetouri sul sito Al Monitor. Le brigate dell'esercito nazionale libico (Una) di cui Haftar è comandante generale stanno puntando a Sud con "tre importanti obiettivi". Il primo o è "convincere il maggior numero possibile di milizie tribali, e in particolare "Awlad Suleiman", o ad unirsi all'una o a deporre le armi".

Il secondo obiettivo sarebbe "eliminare differenti gruppi di opposizione ciadiana" e il terzo quello di "controllare il più possibile la regione largamente desertica", ossia il Fezzan il Sud della Libia con capoluogo Sabha. "Controllare la regione significa, fra l'altro, tagliare qualsiasi fornitura diretta a Nord alle diverse milizie che controllano l'area dall'Ovest di Sirte a Tripoli". Ma significa anche "proteggere classifica zona dai resti dell'Issi sparpagliati a Sud di Sirte", nel deserto fino ai confinanti Niger e Ciad. "Se l'una riesce a tenere le proprie posizioni nelle regioni entrali  meridionali, ciò comporta che tutte le milizie lungo la costa, incluse quelle di Misurata e di Tripoli, sono circondate, anche se a distanza", ha notato l'analista riferendosi in particolare alla "milizia più forte: la al-Bunyan al-Marsos che controlla l'area di Harawah a Misurata lungo la strada costiera che va da Sirte a Tripoli.

Sebbene Haftar potrebbe prendere in considerazione un'operazione di conquista analoga a quelle compiute nell'Est a Bgenasi e Derna, Fetouri giudica "improbabile che l'una agisca in alcun modo contro qualche altra milizia". Perché il generale, appoggiato da Russia, Francia, Egitto ed Emirati, "è legato da impegni con la comunità internazionale". dopo i vertici avuti con Sarraj a Parigi e a Palermo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie