Lunedì 18 Gennaio 2021 | 02:22

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Foto Tony Vece

Potenza, causa neve chiuse tutte le scuole il 18 gennaio

 
Il personaggio
Il vaccino italiano di «ReiThera»: tra i ricercatori c’è una lucana

Il vaccino italiano di «ReiThera»: tra i ricercatori c’è una lucana

 
Nel Potentino
Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

 
I numeri
Covid, in Basilicata una festa di compleanno a Grumento accende un altro focolaio

Covid, in Basilicata una festa di compleanno a Grumento accende un altro focolaio

 
zona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
dati regionali
Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2%

Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2% e trend in aumento

 
L'emergenza
Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al piano regionale. Si potranno eliminare 5.600 esemplari

Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al Piano regionale. Coldiretti: «C'è altro da fare»

 
sanità
Potenza, cure domiciliari: il Tar boccia il bando lucano

Potenza, cure domiciliari: il Tar boccia il bando lucano

 
L'emergenza
Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%)

Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%). Anci: «Nessuno conosce il piano»

 
la «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Difesa ambiente
No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

 

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa decisione
Foto Tony Vece

Potenza, causa neve chiuse tutte le scuole il 18 gennaio

 
FoggiaIl caso
Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

 
LecceL'incidente
Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

 
BariL'appello
Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Corte dei conti

Indennità guardie mediche
citazioni a giudizio in arrivo

Si va verso il giudizio La Procura contabile ha terminato il lavoro per la provincia di Potenza (circa 13 milioni). Contestazioni per 14 persone

Indennità guardie mediche citazioni a giudizio in arrivo

La fase istruttoria è finita. Il procedimento della Procura Regionale della Corte dei Conti sul «pasticcio» del contratto integrativo alle Guardie mediche si avvia alla fase di Giudizio. La stessa Procura, stando a indiscrezioni raccolte dalla Gazzetta, ha formulato l’avviso di citazione per la prima tranche dell’inchiesta e l’ha inviata alla Sezione giudicante affinché fissi la data dell’udienza. Un udienza che, a scorrere i calendari relativi ai giudizi già fissati, sarà, a questo punto, sicuramente la prossima primavera, alla fine di aprile o agli inizi di maggio. Come da procedura, dopo aver ottenuto dalla sezione giudicante la fissazione della data, il provvedimento di citazione a giudizio sarà notificato ai 14 interessati.

Un giudizio che, come detto, che interesserà solo la prima tranche dell’inchiesta, e precisamente solo la parte che riguarda i compensi erogati per il servizio di continuità assistenziale svolto in provincia di Potenza che fu al centro del primo invito a dedurre notificato nello scorso mese di aprile, per un importo di circa 13 milioni e 446mila euro sugli circa 18 totali dell’intera partita a cavallo tra le due province. Un importo, quello del Potentino, che si ridurrebbe di qualche centinaia di migliaia di euro in relazione alla caduta in prescrizione delle somme erogate per i primi mesi del 2012, cadute in prescrizione all’atto della notifica dell’invito a dedurre, atto che, appunto, interrompe il decorso del termine prescrittivo dei 5 anni.

L’atto di citazione che sarà notificato a giorni agli interessati, sarebbe in pratica una mera riproposizione dell’invito a dedurre a suo tempo notificato anche perché le persone chiamate in causa avrebbero in modo più o meno indifferenziato scelto di non rispondere alla richiesta di deduzioni della Procura Contabile, o come scelta di strategia processuale (giocarsi tutti gli elementi nella fase di giudizio senza dal modo all’accusa di conoscere le proprie «carte» preventivamente) o perché certi che la situazione possa risolversi fuori dell’aula di giustizia contabile, con l’avviata sospensione dell’erogazione e recupero di quanto già pagato (cosa che eliminerebbe, in tutto o in larghissima parte il contestato danno a spese dei medici) o con un intervento regolamentare di livello superiore (un atto legislativo, di indirizzo o di interpretazione da parte delle strutture deputate alla contrattazione collettiva) che potrebbe esserci anche in considerazione del fatto che nella stessa identica situazione della Basilicata già ci sono le regioni Abruzzo e Molise e che gli accertamenti delle procure contabili regionali e della guardia di Finanza si stanno estendendo a tutta Italia dove il problema sarebbe generalizzato.

E qui siamo al cuore dell’inchiesta contabile e della citazione che, sempre stando alle indiscrezioni, marcherebbe ancor di più i diversi livelli di responsabilità tra il gruppo di lavoro regionale che definì gli accordi integrativi in base ai quali sarebbero state erogate le indennità integrative e la generalità della giunta regionale (estranea ai lavori della commissione di contrattazione) che ne prese atto in una delibera. Una distinzione non da poco se si considera la potestà della Giustizia contabile di imputare le ipotesi di danno erariale anche in misura differenziata tra i diversi convenuti.

Stando alla tesi del vice procuratore generale contabile Ernesto Gargano (che segue l’inchiesta) il «vulnus» della vicenda sarebbe proprio nella contrattazione effettuata. Perché gli accordi nazionali prevedevano un integrativo di livello regionale ma, stando alla tesi accusatoria, lo avrebbero ancorato a specifici ambiti (livelli assistenziali aggiuntivi, obiettivi e programmi di razionalizzazione, attività svolta e fornitura di mezzi) nei quali non rientrerebbero le tre indennità definite a livello regionale lucano, ossia quella di rischio (4 euro/ora), quella di utilizzo auto propria (0,5 euro/ora) e quella di assistenza pediatrica (0,5 euro ora), per di più previste in contrattazione non in riferimento a rendicontazioni ma come indennità orarie aggiuntive. Per l’auto, ad esempio, la normativa nazionale già prevede che se il medico utilizza la propria, debba ricevere un rimborso forfettario pari a un litro di benzina verde per ogni ora di attività nonché adeguata copertura assicurativa all’automezzo» e la tesi d’accusa è che l’indennità regionale rappresenti una indebita duplicazione. E, ad esempio, su questo aspetto (se sia stato possibile erogare i 50 centesimi/ora previsti dalla Regione Basilicata) potrebbe intervenire un chiarimento da parte della «Sisac» la Struttura interregionale sanitari convenzionati» che ha firmato l’accordo nazionale coi sindacati a chiarire se ci sia un margine di integrazione a livello regionale, ad esempio, in ragione della maggiore frequenza di effettivo utilizzo dell’auto in contesti rurali rispetto ai grandi agglomerati urbani.

Partite, come detto, che si giocheranno ora in giudizio (e si prepareranno in attesa del giudizio) anticipando, in qualche modo, il parallelo procedimento per la provincia di Matera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giorgiobucci

    04 Novembre 2017 - 13:07

    .

    Rispondi

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie