Martedì 11 Agosto 2020 | 03:09

NEWS DALLA SEZIONE

Contagi
Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

 
Il caso
Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

 
L'INTERVISTA
«Per uscire dalla crisi serve la verità»

Potenza, «Per uscire dalla crisi serve la verità»: la Chiesa suona la sveglia alla Basilicata

 
bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 0 contagi su 273 tamponi nelle ultime 24 h

Coronavirus in Basilicata, 0 contagi su 273 tamponi nelle ultime 24 h

 
fase 3
Regione Basilicata, fondo perduto microimprese, approvazione elenchi beneficiari

Regione Basilicata, fondo perduto microimprese, approvazione elenchi beneficiari

 
Il caso
Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

 
SERIE C
Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

 
la denuncia
Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto ormai livello di guardia»

Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto livello di guardia»

 
Agricoltura
Basilicata, da regione 1mln per impianti viticoli

Basilicata, da Regione 1mln per impianti viticoli

 
SANITÀ
Addio al nuovo ospedale di Lagonegro: 176 milioni vanno all'ammodernamento

Lagonegro, addio al nuovo ospedale: 176 milioni vanno all'ammodernamento

 
LA SVOLTA
Barresi «sfrattato» dai giudici: nomina, al S. Carlo di Potenza, illegittima

Barresi «sfrattato» dai giudici: nomina, al S. Carlo di Potenza, illegittima

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Vivarini attende, Scala in bilico. Avanza Auteri: altre novità in vista

Vivarini attende, Scala in bilico. Avanza Auteri: altre novità in vista

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaContagi
Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

 
FoggiaLe immagini
Foggia, il video dell'assalto al portavalori tra sparatorie e auto in fiamme: A14 bloccata

Foggia, il video dell'assalto al portavalori tra sparatorie e auto in fiamme: A14 bloccata

 
BariLa decisione
Asl Bari recluta 50 psicologi: plauso dell'Ordine pugliese

Asl Bari recluta 50 psicologi: plauso dell'Ordine pugliese

 
BrindisiIncidente mortale
Brindisi, scontro tra due auto: perde la vita un bimbo di 16 mesi

Tragedia nel Brindisino, scontro tra due auto: perde la vita un bimbo di 16 mesi

 
TarantoIl caso
Arcelor Mittal, i Genitori Tarantini «delusi7 dalle parole di Conte: «La città va salvata»

Arcelor Mittal, i Genitori Tarantini «delusi7 dalle parole di Conte: «La città va salvata»

 
MateraCovid 19
Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

 
LecceL'INTERVISTA
La ricerca internazionale scommette nel Salento

La ricerca internazionale scommette nel Salento

 
BatMALASANITÀ
Barletta, «Il ricovero-odissea di mia sorella tra attese e mancanza di acqua e cibo»

Barletta, «Il ricovero-odissea di mia sorella tra attese e mancanza di acqua e cibo»

 

i più letti

ambiente

Goletta Verde: Jonio bocciato
alla foce dei fiumi. Tirreno ok

Dati fuori norma a Nova Siri, Policoro e Scanzano. Maratea pulita

 Goletta Verde: Jonio bocciato alla foce dei fiumi. Tirreno ok

Pino Perciante

MARATEA - Legambiente dà i voti alla qualità delle acque lucane. Su quattro punti analizzati, tre sono risultati fuori norma e in uno di questi (Nova Siri) i prelievi hanno riscontrato un livello di inquinamento molto forte. È questa la fotografia scattata da Goletta verde di Legambiente. I siti in questione sono fiumi e canali. Sotto accusa la mala depurazione e gli scarichi illegali: i tecnici di Goletta Verde hanno analizzato quattro punti, di cui soltanto uno è risultato entro i limiti: la spiaggia di Calaficarra a Maratea.

Sulla costa ionica, invece, tutti e tre i punti monitorati sono risultati con cariche batteriche elevate, uno dei quali ha ricevuto un giudizio di «fortemente inquinato» (a Nova Siri, alla foce del canale Toccacielo) per la presenza di un carico inquinante con valori ben oltre i limiti stabiliti dalla normativa. E sono in particolare i fiumi a riversare in mare scarichi non depurati, che rischiano di compromettere la qualità delle acque di balneazione e di interi tratti di costa, con gravi pericoli non soltanto per l'ecosistema marino e per la salute dei bagnanti. È questo il bilancio del monitoraggio svolto in Basilicata da Goletta Verde. I dati sono stati presentati ieri mattina a Maratea da Serena Carpentieri, responsabile di Goletta Verde, e da Pietro Fedeli di Legambiente Basilicata. Alla conferenza stampa hanno partecipato anche il sindaco di Maratea, Domenico Cipolla, la portavoce del sindacato medici italiani, Dafne Pisani, e il responsabile aree protette di Legambiente, Antonio Nicoletti. I prelievi e le analisi sono stati eseguiti dal laboratorio mobile di Legambiente il 30 giugno. I parametri indagati sono microbiologici (enterococchi ed escherichia coli) e sono stati considerati come inquinati i risultati che superano i valori limite previsti dalla normativa sulle acque di balneazione vigente in Italia, e fortemente inquinati quelli che superano di più del doppio questi valori. I punti inquinati: a Nova Siri, alla foce del canale Toccacielo, a Policoro, alla foce del canale Idrovora (2 km a nord della foce del Sinni) e a Scanzano Jonico, alla foce del canale Bufaloria (località Lido Torre).

Nella norma sole le acque campionate a Maratea, alla spiaggia di Calaficarra. Legambiente ha sottolineato come la Regione abbia risposto alle richieste fatte l’anno scorso dall’organizzazione ambientalista: «Con una delibera datata 26 maggio scorso– spiega Serena Carpentieri - le foci dei fiumi con bollino rosso sono state interdette alla balneazione per motivi di studio e di ricerca. Per i prossimi 4 anni, quindi, si faranno indagini specifiche sulle cause dell’inquinamento, sperando di individuare i responsabili degli scarichi illegali che, grazie alla nuova legge sugli eco reati, e all’introduzione del reato di inquinamento ambientale, potranno finalmente essere punti». Carpentieri ha, inoltre, rimarcato che quello di Goletta Verde «è un monitoraggio che non vuole sostituirsi ai controlli ufficiali» e che per quanto riguarda le situazioni di criticità «parliamo solo di fiumi e corsi d’acqua».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie