Martedì 19 Marzo 2019 | 18:15

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Le parole
Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

 
A Melfi
Melfi, Berlusconi su morte giovane testimone processo Ruby: mi spiace

Berlusconi su morte teste processo Ruby: mi spiace
E sui cogl...: ho esagerato Vd

 
Il fenomeno
Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

 
La rapina
Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

 
La decisione
Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni

Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni: il video

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

 
TarantoL'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 
PotenzaSanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
FoggiaDalla Toscana alla Puglia
Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

 
BatIl Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
BrindisiL'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
MateraDalla Finanza
Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

ambiente

Goletta Verde: Jonio bocciato
alla foce dei fiumi. Tirreno ok

Dati fuori norma a Nova Siri, Policoro e Scanzano. Maratea pulita

 Goletta Verde: Jonio bocciato alla foce dei fiumi. Tirreno ok

Pino Perciante

MARATEA - Legambiente dà i voti alla qualità delle acque lucane. Su quattro punti analizzati, tre sono risultati fuori norma e in uno di questi (Nova Siri) i prelievi hanno riscontrato un livello di inquinamento molto forte. È questa la fotografia scattata da Goletta verde di Legambiente. I siti in questione sono fiumi e canali. Sotto accusa la mala depurazione e gli scarichi illegali: i tecnici di Goletta Verde hanno analizzato quattro punti, di cui soltanto uno è risultato entro i limiti: la spiaggia di Calaficarra a Maratea.

Sulla costa ionica, invece, tutti e tre i punti monitorati sono risultati con cariche batteriche elevate, uno dei quali ha ricevuto un giudizio di «fortemente inquinato» (a Nova Siri, alla foce del canale Toccacielo) per la presenza di un carico inquinante con valori ben oltre i limiti stabiliti dalla normativa. E sono in particolare i fiumi a riversare in mare scarichi non depurati, che rischiano di compromettere la qualità delle acque di balneazione e di interi tratti di costa, con gravi pericoli non soltanto per l'ecosistema marino e per la salute dei bagnanti. È questo il bilancio del monitoraggio svolto in Basilicata da Goletta Verde. I dati sono stati presentati ieri mattina a Maratea da Serena Carpentieri, responsabile di Goletta Verde, e da Pietro Fedeli di Legambiente Basilicata. Alla conferenza stampa hanno partecipato anche il sindaco di Maratea, Domenico Cipolla, la portavoce del sindacato medici italiani, Dafne Pisani, e il responsabile aree protette di Legambiente, Antonio Nicoletti. I prelievi e le analisi sono stati eseguiti dal laboratorio mobile di Legambiente il 30 giugno. I parametri indagati sono microbiologici (enterococchi ed escherichia coli) e sono stati considerati come inquinati i risultati che superano i valori limite previsti dalla normativa sulle acque di balneazione vigente in Italia, e fortemente inquinati quelli che superano di più del doppio questi valori. I punti inquinati: a Nova Siri, alla foce del canale Toccacielo, a Policoro, alla foce del canale Idrovora (2 km a nord della foce del Sinni) e a Scanzano Jonico, alla foce del canale Bufaloria (località Lido Torre).

Nella norma sole le acque campionate a Maratea, alla spiaggia di Calaficarra. Legambiente ha sottolineato come la Regione abbia risposto alle richieste fatte l’anno scorso dall’organizzazione ambientalista: «Con una delibera datata 26 maggio scorso– spiega Serena Carpentieri - le foci dei fiumi con bollino rosso sono state interdette alla balneazione per motivi di studio e di ricerca. Per i prossimi 4 anni, quindi, si faranno indagini specifiche sulle cause dell’inquinamento, sperando di individuare i responsabili degli scarichi illegali che, grazie alla nuova legge sugli eco reati, e all’introduzione del reato di inquinamento ambientale, potranno finalmente essere punti». Carpentieri ha, inoltre, rimarcato che quello di Goletta Verde «è un monitoraggio che non vuole sostituirsi ai controlli ufficiali» e che per quanto riguarda le situazioni di criticità «parliamo solo di fiumi e corsi d’acqua».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400