Martedì 27 Settembre 2022 | 17:12

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,79%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,13%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,79%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,43%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,02%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

25,99%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,55%

Movimento 5 Stelle

 

Cultura e tradizione

Il viaggio dei pastori si ripete lento in Basilicata: ecco la transumanza

Il viaggio dei pastori si ripete lento in Basilicata: ecco la transumanza

Entro maggio i Consigli regionali si riuniranno in vista dell’approvazione delle linee guida parchi e pastori. A un anno dalla firma, nessun atto ufficiale per il progetto pilota del Pon Ambiente che riguarda otto Regioni

19 Aprile 2022

Giovanna Laguardia

La transumanza si muove lungo strade e tratturi al ritmo lento del passo delle vacche. I programmi per valorizzarla vanno avanti con i tempi della burocrazia. Anche questi non certo fulminei. Circa un anno fa il Consiglio regionale di Basilicata siglò un accordo di partenariato con altre sette regioni d’Italia, per realizzare una iniziativa di valorizzazione delle comuni tradizioni rurali denominata «Parchi, pastori, transumanze e grandi vie della civiltà», nell’ambito del progetto «Parcovie 2030», inserito nel programma «Terre rurali d’Europa». Un progetto di durata decennale che dovrebbe mobilitare complessivamente, sui territori delle regioni interessate, una cifra di poco inferiore al miliardo e mezzo di euro. A distanza di un anno abbiamo chiesto alla presidenza del Consiglio Regionale quali passi avanti siano stati fatti nella realizzazione dell’ambizioso progetto. «Stiamo procedendo - ci hanno risposto dagli uffici del presidente Carmine Cicala - verso l’approvazione delle linee guida del progetto. Entro il mese di maggio dovrà essere convocata una riunione con i rappresentanti di tutte le Regioni interessate per fare il punto della situazione, proprio in vista della messa a punto delle linee guida, da discutere poi negli organi deputati delle varie Regioni».

Il progetto mira ad investire sul recupero di eventi e tradizioni, così come sul ripristino del patrimonio edilizio pubblico e privato da riconvertire per ospitalità turistica, valorizzazione delle varietà colturali tradizionali di piante alimentari e dell’artigianato tradizionale, difesa degli antichi tratturi demaniali, da mettere in rete per incentivare le forme di turismo lento (questi ultimi, fra l’altro, sono beni archeologici vincolati).

Intanto in Basilicata la transumanza come forma di allevamento non ha perso nulla del suo antico smalto. Si pensi che viene tutt’ora praticata da circa 150 allevamenti di vacca podolica su 350 presenti in Basilicata, per un totale di circa diecimila animali che si spostano due volte all’anno verticalmente (dai pascoli di monte a quelli di valle), o orizzontalmente, da un pascolo all’altro della stessa proprietà. Un metodo, dunque, ampiamente utilizzato anche dalle aziende più grandi e moderne, che ha ancora una sua validità economica, almeno per le vacche, mentre si va riducendo l’utilizzo per le greggi di ovini.

Oggi per la transumanza, inserita nel 2019 nel patrimonio culturale immateriale dell’umanità dall’Unesco, si apre una nuova frontiera, con il rinnovato interesse dei consumatori per la sostenibilità ambientale e quello dei turisti per le tradizioni rurali. Se ne sono accorte anche le istituzioni, che sempre più spesso inseriscono la valorizzazione del mondo agro-silvo-pastorale nei propri programmi. Ma l’applicazione pratica delle buone intenzioni dichiarate spesso si scontra con i tempi della burocrazia. Nel frattempo, anno dopo anno, il viaggio dei pastori continua. Per fortuna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725