Sabato 12 Giugno 2021 | 15:37

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Oppido Lucano, ha in casa piante di cannabis e munizioni: arrestato

Oppido Lucano, ha in casa piante di cannabis e munizioni: arrestato

 
lavori pubblici
Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

 
La novità
Potenza L’estate lucana viaggia in treno da domani scatta il programma

Potenza L'estate lucana viaggia in treno da domani scatta il programma

 
l'allarme
Potenza, dighe apulo-lucane «perdono» acqua e si temono contraccolpi

Potenza, dighe apulo-lucane «perdono» acqua e si temono contraccolpi

 
Lo stabilimento
Tempa Rossa, Total annuncia: «Ok arresto al compressore di secondo stadio»

Tempa Rossa, Total annuncia: «Ok arresto al compressore di secondo stadio»

 
Ambiente
Trecentomila euro per tutelare mare e costa

Trecentomila euro per tutelare mare e costa

 
La novità
Basilicata, la Giunta approva ddl per tutelare la transumanza

Basilicata, la Giunta approva ddl per tutelare la transumanza

 
morti bianche
Potenza, operaio 58enne perde la vita in un cantiere nautico ad Ostia

Potenza, operaio 58enne perde la vita in un cantiere nautico ad Ostia

 
Lavoro
Melfi, il ministro Giorgetti convoca Stellantis e i sindacati metalmeccanici

Melfi, il ministro Giorgetti convoca Stellantis e i sindacati metalmeccanici

 
la nomina
Potenza, Benedetto Vigna a capo della Ferrari

Potenza, Benedetto Vigna a capo della Ferrari

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl caso
Oppido Lucano, ha in casa piante di cannabis e munizioni: arrestato

Oppido Lucano, ha in casa piante di cannabis e munizioni: arrestato

 
LecceLa tragedia
Scontro tra due auto nel Leccese: muore donna di 95 anni

Scontro tra due auto nel Leccese: muore donna di 95 anni

 
BariL'analisi
Bari, «Idee radicalizzate e violente si combattono con la cultura»

Bari, «Idee radicalizzate e violente si combattono con la cultura»

 
Materafelicità
Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

 
TarantoLa tragedia
Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

 
Brindisila campagna
Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

 

i più letti

IL CASO

Potenza, s’indaga sulle mascherine al San Carlo

Aperto un fascicolo. La dirigente-testimone sentita 4 ore

Appalti al San Carlo  sei persone a processo

Potenza - E come prevedibile, la vicenda della mascherine e della lettera d’ordine falsa denunciata da colei che avrebbe dovuto firmarla finisce in un fascicolo giudiziario. Su cui ora la Procura vuol vederci chiaro.

Un’inchiesta è stata avviata dalla Procura di Potenza e le indagini sono già in corso, coperte dall’ovvio riserbo, ma è inevitabile, in un piccolo ambiente in cui gli accertamenti hanno snodi obbligati, che ne emergano sintomi.

La dirigente della Farmacia del San Carlo, Anna Maria De Michele, è stata a lungo sentita come persona informata dei fatti dalla Guardia di Finanza. Un colloquio lungo quasi quattro ore in cui sarebbe stato chiesto alla dirigente non solo della denuncia di falsità dello specifico atto che ha scatenato il caso del falso, ma di tutti i dubbi sollevati negli scritti di cui la Gazzetta ha dato conto nei giorni scorsi dopo che il carteggio era finito sia alla commissione di disciplina interna (che sulla vicenda aveva chiesto chiarimenti alla stessa dirigente e ad altre due persone) che alla Regione, in questo caso per iniziativa della stessa De Michele che ha segnalato un clima ostile dopo quella denuncia di falso fatta a metà aprile.

Il documento della dirigente, infatti, cita una serie di atti tra delibere (non solo quella delle mascherine, ma anche quella per l’acquisto di tute di cui ci siamo occupati ieri), note, mail e persino messaggi WhatsApp a sostegno del suo racconto che parte da quell’atto denunciato come falso e arriva a riunioni convocate sull’accaduto e una denunciata “moral suasion” messa in atto da qualcuno molto in alto «nel tentativo di convincermi - scrive la dirigente - che quella nota poteva non essere un falso e che io avrei potuto firmarla in un momento di confusione senza rendermene conto».

In ogni caso una vicenda intricata su cui sembra che la giustizia sia interessata a fare chiarezza fino in fondo e con tempi decisamente più veloci di quelli dell’ospedale che, rispetto alla segnalazione di falso sottoscritta il aprile dalla dirigente che ha disconosciuto la firma, ha avviato gli accertamenti interni, con richieste di accertamenti fatti dalla commissione di disciplina, solo molto più di recente. Facile prevedere che questi tempi non fulminei possano essere giustificati con l’emergenza Covid in atto, come, del resto fatto anche per quella procedura anomala con cui si è proceduto all’acquisto di 170mila euro più iva di tute protettive contro il rischio biologico senza nemmeno coinvolgere, come sempre avviene, l’Unità di Farmacia, almeno per determinare i quantitativi. Ma quella stessa emergenza non ha comunque impedito, nello stesso mese di aprile, di dare vita ad oltre una decina di note e atti in un botta e risposta che la De Michele segnala come un carteggio «contenente interferenze, pressioni, delegittimazioni, censure.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie